Lingua   

Cramar-Marochin

Luigi Maieron


Lingua: Friulano


Ti può interessare anche...

Stelutis Alpinis
(Arturo Zardini)
Prejera (Crist pietàt dal nustri pais)
(Pier Paolo Pasolini)
Soldatì
(Luciano Ravasio)


2011
Album: "Vino Tabacco e cielo"
Vino-Tabacco-E-Cielo

Cramars, venditori ambulanti di Carnia. Dal 1200 al 1800 arrivavano a piedi o con mezzi di fortuna in diverse zone d’Europa: Ungheria, Austria, Germania. Vendevano spezie, tessuti, oggetti di artigianato, stoffe, erbe mediche, trasportandole sulla “crame” (mobiletto in legno con cassetti). Somiglianze di continuità tra i “cramars” ed i venditori ambulanti provenienti dal Marocco. Tradizioni e merci si confondono. Curiosamente il termine cramar finisce in mar e marocchino inizia in mar. Cramar-marochin. Herbert Klein: storico austriaco pubblicò nel XVII secolo uno studio sui Cramars Carnici dal titolo “Die Karnische Materialisten” “I Materialisti Carnici”.


Luigi Maieron: Voce, Chitarra acustica
Davide “Billa” Brambilla: Fisarmonica
Ellade Bandini: Batteria
Elvis Fior: Batteria
Franco Giordani: Mandolino, Bouzouki
Paolo Manfrin: Basso, Cornamusa
Voce muezzin: Igiul Reiam
Jodûts vuê sot un soreli a plomp marochins cença voi,
maglas di colôr stracjamâts di strafanits colorâts;
e pensi ai nestis cramars vivulâ tal forest
die Carnische Materialisten ju clama Herbert Klein
Cuviertas e mantîi, gjlebas e burnùs*
braçalets di oton, petorâi di corai... sials e tapetuts
Cualchidun al faseva furtuna e alora al regalava
al prete del suo paese un piviâl o dôs cjampanas
cussì il marochin ch’al met sù magazin a Pomezia
o Palmegnove gli regalarà il megafono al muezzin
Cuviertas e mantîi, gjlebas e burnùs
braçalets di oton, petorâi di corai... sials e tapetuts
Tant si à di murî distès
pal moment bisugna vivi
Ducj i doi plui sopuartâts plui tolerâts che ben jodûts
ogni tant butâts four ogni tant metûts denti
e viout i nestis cramars a vivulâ tal forest
cualchidun al faseva fortuna drogheria a Graz a Viena
a Praga a Bude
Tant si à di murî distès
pal moment bisugna vivi
Cuviertas e mantîi, gjlebas e burnùs
braçalets di oton, petorâi di corai... sials e tapetuts

inviata da DonQuijote82 - 13/7/2011 - 14:03



Lingua: Italiano

Versione italiana
Visti oggi sotto un sole a picco marocchini senza occhi
macchie di colore carichi di cianfrusaglie colorate
e penso ai nostri cramars sopravvivere all’estero

i materialisti carnici li chiama Herbert Klein

Coperte tovaglie gjleba e burnus
bracciali di ottone, collane di coralli... scialli e tappetini
Qualcuno faceva fortuna e allora regalava
al prete del suo paese un piviale o due campane
così il marocchino che mette su magazzino a Pomezia
o Palmanova regalerà il megafono al muezzin
Coperte tovaglie gjleba e burnus
bracciali di ottone, collane di coralli... scialli e tappetini
Tanto si deve morire comunque
per il momento bisogna vivere
Tutti e due più sopportati più tollerati che ben visti
ogni tanto buttati fuori ogni tanto messi dentro
e vedo i nostri cramars sopravvivere all’estero
qualcuno faceva fortuna drogheria a Graz a Vienna
a Praga a Budapest
Tanto si deve morire comunque
per il momento bisogna vivere
Coperte tovaglie gjleba e burnus
bracciali di ottone, collane di coralli... scialli e tappetini

*indumenti tipici marocchini

inviata da DonQuijote82 - 13/7/2011 - 14:03


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org