Language   

Eleonora

Eugenio Bennato
Language: Neapolitan


Related Songs

Italiella
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Canzone per Beirut
(Eugenio Bennato)
Inno patriottico (del cittadino Luigi Rossi per lo bruciamento delle immagini de' tiranni)‎
(Domenico Cimarosa)


[1999]
Album “Taranta Power”, manifesto dell’omonimo movimento musicale fondato da Eugenio Bennato nel 1998.

Storia di Donna Eleonora Pimentel Fonseca, detta la Pimentella, nobildonna di origine portoghese trapiantata a Roma e Napoli. Intellettuale poliglotta, poetessa e fine letterata, fu data in sposa ad un capitano napoletano da cui venne regolarmente maltrattata, tanto da procurarle un’interruzione di gravidanza. Lasciato il marito, Eleonora si legò in amicizia alla regina Maria Carolina d'Austria, consorte di Ferdinando di Borbone, e con essa frequentò i salotti napoletani dove liberali e massoni discutevano di monarchia moderna e di dispotismo illuminato. Ma la Rivoluzione Francese allontanò le due amiche: la fine della sorella Maria Antonietta per mano dei giacobini indusse la regina di Napoli e Sicilia a condividere la dura repressione contro gli illuminati che prima aveva guardato con una certa simpatia, mentre Eleonora fu arrestata con l’accusa di giacobinismo e divenne poi una protagonista della Repubblica Partenopea, soprattutto come direttrice del Monitore Napoletano, organo ufficiale di quella breve esperienza rivoluzionaria. Breve perché fin dall’inizio non godè del sostegno popolare, anzi, tutt’altro: la maggioranza dei napoletani fu da subito contro i francesi e la Repubblica nacque sotto scorta militare ed al prezzo di uno scontro sanguinoso dove furono migliaia i “lazzari” antigiacobini a morire ammazzati dai cannoni della Rivoluzione.

“… So' venute li Francise
aute tasse n'ci hanno mise
Liberté... Egalité...
io arruobbo a te
tu arruobbe a me…”
(dal Canto dei sanfedisti)

Dopo pochi mesi la Repubblica fu rovesciata e la monarchia restaurata.
Eleonora venne arrestata con tutti gli altri dirigenti e rinchiusa in attesa di essere espulsa dal Regno. Ma il Borbone, inferocito per lo smacco subìto quando i francesi lo avevano costretto ad un fuga precipitosa, si vendicò non riconoscendo la capitolazione e pretendendo la morte di buona parte dei “congiurati”.




Eleonora, l’idealista tradita da tutti (dal popolo, che si era illusa di servire, dalla Rivoluzione, palesatasi attraverso i soldati francesi che uccidevano e depredavano i napoletani, e alla fine pure dalla sua ex amica, consorte del re, che non mosse un dito per salvarle la vita) salì sul patibolo il 20 agosto 1799 e le ultime sue parole furono quelle di Virgilio dall’Eneide: “Forsan et haec olim meminisse iuvabit” (“Forse un giorno gioverà ricordare tutto questo”)
Invece, intorno alle forche allestite in Piazza del Mercato dove il boia Mastro Donato amministrava le esecuzioni, il popolo dei “lazzari” cantava:

“A signora 'onna Lionora
che cantava 'ncopp' 'o triato
mo abballa mmiez' 'o Mercato
Viva 'o papa santo
ch'ha mannato 'e cannuncine
pe' caccià li giacubine
Viva 'a forca 'e Mastu Donato!
Sant'Antonio sia priato”.


Fonti: it.wikipedia, Il Ventilatore, La Giravolta, Eleonora de Fonseca Pimentel.
Donna Eleonora nun è ghiuta ‘o Teatro
è rimasta fora 'miezo a via
tra e disoccupati organizzati
guardati a vista d'a polizia
Donna Eleonora nun ce steva 'o San Carlo
‘mmiezo a gente assettata ca nun abballa
steva cu e guagliune 'e l'Officina
fatti a ttammorra fatti a vvino

Dint'o Teatro pe Donna Eleonora
è o Setteciento ca se sona ancora
a stessa musica a stessa gente
nun è cagnato o riesto 'e niente
Dint'o Teatro tutto tale e quale
e stessi ffacce dint'o palco reale
a stessa musica a stessa storia
o Rre sta dinto e o popolo fora
Tutte e signure dint’o teatro
tutte e ttammorre d’e ttammurriate
pe’ chi sta fora pe’ chi sta fora
Pe’ tutt’a musica ‘e contrabbando
pe’ l’africano pe’ l’emigrante
pe’ tutta a gente ‘e donna Eleonora
Donna Eleonora forse nun c’è mai stata
forse è nu nomme che ci’ammo ‘nventato
forse è sultanto n’illusione
d’o Settecientonuvantanove
E si è na musica ‘Onna Eleonora
è na tammorra ca sona ancora
è tutt’a musica ‘e miezo a via
d’o popolo sujo d’o popolo mio

Donna Eleonora, Donna Eleonora
Nascette portoghese da Lisbona
e a Napule campaie Donna Eleonora
murette quanno a Napule se more
o Millesettecientonuvantanove

Donna Eleonora nun è ghiuta ‘o Teatro
è rimasta fora 'miezo a via
tra e disoccupati organizzati
guardati a vista d'a polizia
Donna Eleonora nun ce steva 'o San Carlo
‘mmiezo a gente assettata ca nun abballa
steva cu e guagliune 'e l'Officina
fatti a ttammorra fatti a vvino

Contributed by Bartleby - 2011/7/13 - 13:29



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org