Lingua   

So' Rugantino

Radici nel Cemento


Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Dietro la città
(Radici nel Cemento)
Le Mantellate
(Ornella Vanoni)
Gesù caro fratello
(Claudio Baglioni)


2008
Il Paese Di Pulcinella

8989898989
Sò rugantino, sò fijo de Roma,
Dai sette colli vedo ‘r monno intero,
Si giri pe' le strade d' ogni posto c'è l' aroma,
Chiudi l' occhi e c' arivi cò ‘r pensiero…

Sò fijo de Roma sì ma pure de ‘sto monno
E me ce rode che a trattallo a pugni in faccia,
E a grattaje pure l' anima da ‘r fonno,
Ce sta ‘na banda de ladroni e de bojaccia!

E c' è ancora chi me dice: “Che te lamenti a fà,
La rota gira, cammina, c' è ‘r progresso,
Le cose vanno bene, devi solo pazientà,
Che nu' lo vedi? Io sto già mejo adesso!”

Però la rota gira, si, e ‘r progresso ce sarà,
Ma è regolato sopra ‘r tempo dei potenti,
Chi sta bene, se po' pure appennicà,
C' ha fretta chi aregge la vita co' li denti!

‘Sto monno è pure zozzo, vabbè, te lo concedo,
Ma mica se po' vede tutto nero!
Mò che voresti fà? Io so' curioso e te lo chiedo,
‘Na rivoluzzione e se levàmo ‘sto pensiero?

Me piacerebbe sì, ma è mejo lascià stà,
Che la violenza è proprio ‘na bestiaccia,
Parecchie cose, sì, devono cambià,
Ma si la usi, poi t' aritorna ‘n faccia!

Sò rugantino, spiritaccio fumantino,
Abbituato a raggionare co' la panza,
Si quarcosa nu' me va me s' arintorce l' intestino
E come ‘n prospero m' appiccio de ruganza!

Sò rugantino sì e so' de còre
E certe cose io te le dico ‘n faccia,
Si sei ‘n politico, ‘na guardia o ‘n gran dottore,
So' na linguaccia p' er pezzente o p' er signore!

Combatte ‘sto sistema, c' è chi dice: “Nun conviene,
Fatte furbo e cerca ‘r mejo compromesso!”
Ma si la scelta è tra grosse o piccole catene,
Gira e gira, me sento sempre ‘n fesso!

Perchè ‘r progresso gira e gira sempre più de fretta
E nun se trova manco er becco d' un salario,
Si nu' riesci a staje dietro, quello còre e nun t' aspetta,
Nu' rimane ch' affidasse a San Precario!

Quanno sentenziano i politici o ‘r custode de San Pietro
E ce propinano divieti e soluzioni…
Si abboccàmo invece che avanti, aritornàmo indietro,
Ar moderno medioevo dei cojoni!

E su in cima a ‘sto scalone der potere e della gloria
Ce so' quelli che pe' l' oro o pe' ‘r Signore,
Ce fanno vive ner terore della fine della storia,
E io m' encazzo, e me c' avveleno er còre!

inviata da Luca 'The River' - 11/7/2011 - 01:38



Lingua: Italiano

"Traduzione" in italiano
Sono Rugantino, sono figlio di Roma,
dai sette colli vedo il mondo intero,
se giri per le strade di ogni posto c’è l’aroma
chiudi gli occhi e ci arrivi col pensiero
Sono figlio di Roma, sì, ma pure di questo mondo
e mi rode che a trattarlo a pugni in faccia
e a grattargli anche l’anima dal fondo
c’è una banda di ladroni e di magnaccia.

E c’è ancora chi mi dice: “Che ti lamenti a fare,
la ruota gira, cammina, c’è il progresso,
le cose vanno bene, devi solo pazientare,
che non lo vedi? Io sto già meglio adesso!”

Però la ruota gira, sì, e il progresso ci sarà
ma è regolato sopra il tempo dei potenti,
chi sta bene si può anche addormentare,
ha fretta chi sorregge la vita con i denti.

Questo mondo è pure zozzo, va bene, te lo concedo
ma mica si può vedere tutto nero!
Adesso che vorresti fare? Io sono curioso e te lo chiedo,
una rivoluzione e ci togliamo questo pensiero?

Mi piacerebbe, sì, ma è meglio lasciar perdere
perché la violenza è proprio una bestiaccia,
parecchie cose, sì, devono cambiare,
ma se la usi, poi, ti si rivolta contro.

Sono Rugantino, spiritaccio fumantino*
abituato a ragionare con la pancia,
se qualcosa non mi va, mi si attorciglia l’intestino
e, come un fiammifero, mi accendo di arroganza.

Sono Rugantino, sì, e sono di cuore
e certe cose io te le dico in faccia,
se sei un politico, una guardia o un gran dottore
sono una linguaccia per il pezzente e per il signore.

Combattere questo sistema, c’è chi dice “Non conviene,
fatti furbo e cerca il miglior compromesso,
ma se la scelta è fra grosse o piccole catene,
gira e rigira mi sento sempre un fesso.

Perché il progresso gira e gira sempre più in fretta
e non si trova neanche l’ombra di un salario,
se non riesci a stargli dietro, quello corre e non ti aspetta
e non rimane che affidarsi a San Precario.

Quando sentenziano i politici o il custode di San Pietro
e ci propinano divieti e soluzioni,
se abbocchiamo, invece che avanti ritorniamo indietro
al moderno medioevo dei coglioni.

E su in cima a questo scalone del potere e della gloria
ci sono quelli che per l’oro o per il Signore
ci fanno vivere nel terrore della fine della storia
e io mi incazzo e mi ci avveleno il cuore.

*Persona particolarmente fumatrice

inviata da Luca 'The River' - 12/7/2011 - 01:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org