Lingua   

Priggiuniero 'e guerra

E.A. Mario


Lingua: Napoletano



[1933]
Parole di E.A. Mario
Musica di Tito Manlio
Testo trovato su www.napoligrafia.it




L’anno è il 1933, in piena era fascista, ed il protagonista è stato per molti anni prigioniero di guerra in Siberia prima di riuscire a tornare nell’amata Napoli, solo per scoprire che la guerra gli ha portato via tutto, la famiglia, gli affetti, la vita…
La storia è piuttosto inverosimile giacchè nel primo conflitto mondiale l’Impero russo era nell’Intesa, insieme al Regno d’Italia, contro gli austro-ungarici. Di prigionieri di guerra italiani nei gulag di Stalin si parlerà solo durante e dopo la disastrosa campagna di Russia del 1941/43. A onor del vero, diverse centinaia di italiani trovarono la morte nel sistema concentrazionario sovietico a partire dalla fine del 1918, anno in cui, in seguito al fallito attentato a Lenin, prese avvio l’interminabile periodo del cosiddetto “terrore rosso”, ma non si trattò di “prigionieri di guerra” bensì di marittimi, oppure dirigenti, impiegati ed operai delle fabbriche FIAT in URSS, oppure fuorisciti perseguitati dal fascismo, tutti finiti malamente perché considerati spie.
Perchè negli anni 20 o 30 questo soldato napoletano fosse finito prigioniero in Siberia non è dato sapere. L’unica spiegazione è quella della propaganda anticomunista in un’Italia con il fascismo al suo apice e in un’Europa dove si stavano palesando i nefasti intenti di dominio del nazismo tedesco.

A proposito del tema ricorrente del ritorno del soldato si vedano anche, per esempio, Le retour du marin, ou Brave marin revient de guerre, Müde kehrt ein Wandersmann zurück, Trois soldats revenant de la guerre e La partance.
Mme sóngo ricurdato 'a strada e 'o nummero
e aggio truvato 'a porta comm'a quanno,
da 'o lunnerì a matina fin'ô sabato,
passavo 'e ssettimane faticanno.

Felicitá ca mm'aspettave â sera,
duje figlie piccerille, na mugliera.
Mo só' sagliuto e, invece, aggio truvato
vicino â porta, scritto 'o nomme 'e n'ato.

E mme só' 'ntiso 'e dicere:
"Chella ca vuje cercate nun sta ccà,
ca rimanette vedova,
ma doppo, s'è turnata a 'mmaretà".

E io sóngo 'o muorto ch'è turnato a nascere,
no 'o priggiuniero asciuto a libertà.

Ah, comme ce tenive a restà vedova
tu ca dicive: "'Ammore, quann'è ammore,
dura n'eternità, cchiù forte 'e ll'edera.
Nemmeno 'a morte spartarrà sti core".

E invece 'a guerra è stata assaje cchiù forte.
'A guerra è stata, è stata pe'mmé 'a morte.
St'ammore ch'era eterno, ll'ha spezzato,
mo i' só' n'estraneo e tu 'a mugliera 'e n'ato.

Meglio a restà in Siberia,
senza sapé ch'era succieso ccà.
Desideravo Napule
e nu penziero mme diceva "va'".

E só' turnato a dì:
"Io mo só' libero".
Ma a che mme giova chesta libertà?

No!'Nnanz'ê figlie mieje tu nun hê'a chiagnere,
se pò accuncià stu fatto e sacc'io comme.
Ll'ommo songh'i', songh'io ca mme sacrifico,
ll'ommo ch'ha perzo tutto,'a casa e'o nomme.

Si lloro te dicessero:
"Fance cuntente, pàrlace 'e papà"
dincello: "Era nu giovane
ca maje nun se stancava 'e faticà.

Po' jette 'nguerra
e nun turnaje cchiù a Napule".
Di' 'sta buscìa ch'è cchiù d' 'a verità.

Da ogge in avanti, chesto ce 'o ppuó' dicere,
ca ll'ombra mia risponne: "E' verità".

inviata da Bartleby - 28/6/2011 - 13:36




Lingua: Italiano

Traduzione italiana trovata su www.napoligrafia.it
PRIGIONIERO DI GUERRA

Mi sono ricordato la strada e il numero
e trovato la porta come quando,
dal lunedì mattina fino al sabato,
passavo le settimane lavorando.

Felicità che mi aspettava alla sera,
due figlie piccole, una moglie.
Ora sono salito e, invece, ho trovato
vicino alla porta, scritto il nome di un altro.

E mi sono sentito dire:
“Quella che voi cercate non è qua,
rimase vedova,
ma dopo, si è sposata di nuovo”.

E io sono il morto che è rinato,
ora il prigioniero uscito in libertà.

Ah, come ci tenevi a rimanere vedova
tu che dicevi: “L'amore, quando è amore,
dura un'eternità, più forte dell'edera.
Nemmeno la morte dividerà questo cuore”.

E invece la guerra è stata molto più forte.
La guerra è stata, è stata per me la morte.
Questo amore che era eterno, l'ha spezzato,
ora sono estraneo e tu la moglie di un altro.

Meglio rimanere in Siberia,
senza sapere cos'era successo qua.
Desideravo Napoli
e un pensiero mi diceva “Vai”.

E sono ritornato a dire:
“Io ora sono libero”.
Ma a cosa mi serve questa libertà?

No! Davanti ai miei figli non devi piangere,
si può aggiustare questa cosa e so io come.
L'uomo sono io, sono io che mi sacrifico,
l'uomo che ha perso tutto, la casa e il nome.

Se loro ti dicessero:
“Facci felici, parlaci di papà”
diglielo: “Era un giovane
che mai si stancava di lavorare.

Poi andò in guerra
e non tornò più a Napoli”.
Di' questa bugia che è più della verità.

Da oggi in avanti, questo glielo puoi dire,
perchè la mia ombra risponde: “E' verità”.

inviata da Bartleby - 28/6/2011 - 13:36




Lingua: Portoghese

Versione portoghese di Laís Figueiredo
Lembrei-me da estrada e do número
e encontrei a porta como quando,
de segunda de manhã até sábado,
passava as semanas trabalhando.

Felicidade que me esperava à noite,
duas filhas pequenas, uma esposa.
Agora fui-me embora e, ao invés disso, encontrei
perto da porta, escrito o nome de um outro.

E me falaram:
"Aquela que você procura não está aqui,
ficou viúva,
mas depois, casou-se de novo".

E eu sou o morto renascido,
agora um prisioneiro liberto.

Ah, você não se importava com ficar viúva,
você que dizia: "O amor, quando é amor,
dura uma eternidade, mais forte que uma Hedera.
Nem mesmo a morte separará este coração".

Mas, na verdade, a guerra foi mais forte.
A guerra foi, para mim, a morte.
O amor que era eterno foi rompido,
agora sou estrangeiro e você tem outro marido.

Seria melhor ter ficado na Sibéria,
sem saber o que aconteceu aqui.
Eu desejava Nápoles
e um pensamento me dizia "Vai".

E voltei a dizer:
"Agora eu sou livre".
Mas para quê serve essa liberdade?

Não! Na frente dos meus filhos não deve chorar,
isso pode se resolver e eu sei como.
O homem sou eu, sou eu que me sacrifico,
o homem que perdeu tudo, a casa e o nome.

Se eles te disserem:
"Faça-nos felizes, fale-nos de papai"
diga-os: "Era um jovem
que não cansava de trabalhar.

Depois foi à guerra
e não voltou mais a Nápoles".
Diga essa mentira que é mais bela que a verdade.

De agora em diante, você pode dizer isso a eles,
porque o meu fantasma responde: "É verdade".

inviata da Laís Figueiredo - 14/6/2014 - 00:24


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org