Lingua   

Napoli

99 Posse


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Cildren ov babilon
(Bisca 99 Posse)
Don' Let Yo' Watch Run Down
(anonimo)
Spara
(99 Posse)


da "Curre curre guaglió" (1993)
Al sax Daniele Sepe
In "Curre curre guaglió" (2014) con Enzo Avitabile e i Bottari
Curre curre guagliò

emergenza rifiuti



Questo pezzo ha ormai diciott'anni ma sembra, ne chiedo conferma agli amici napoletani, che ben poco sia cambiato ("La speranza Iervolino può lenire il mio dolore?" cantava Federico Salvatore, vedremo ora che succederà con la speranza De Magistris). Certo ora i camorristi non votano PSI ma PDL (ma votano anche alle primarie del PD...)

Per il resto, ancora oggi il governo sa solo mandare la polizia, giunto da Roma è arrivato a Napolì Bertolaso e l'ommo tutt’ ’e nu piezzo che "fà’ ’o gallo ’ncoppa munnezza" non è più Improta ma De Gennaro. Cambiano i nomi ma non la sostanza.

Senza dimenticare che la canzone ha anche una strofa significativa sull'immigrazione napoletana al nord, in particolare a Torino, che la fa rientrare nel percorso sulla guerra del lavoro.
Napolì
criature vuttate ’mmiez’ ’a na vi’
Napolì
crisciute cu ’e pippate ’e cucaì’
Napolì
guagliune ca se fanno l’eroì’
Napolì
a scola nun ce sò maje putut’ì’
Napolì
Puceriale rint’ ’o destì’
Napolì
affiliate rint’a cocche famì’
Napolì
’o guverno ce ra sulo ’a polizì’
Napolì
’e signore vonno sta chiù tranquì'
Napolì
nisciuno chiù le scippa ’o burzellì’
Napolì
’e benpensante votano Dc
Napolì
’e camurriste votano Psi
Napolì
’e sicchie ’e lota votano Msi
Napolì
ma ’mmiez’ ’a via continuano a murì’
Napolì

ma tenimmo ’o sole ’a pizza e ’o mandulino
tarantelle canzone sole e mandulino
a Napoli se more a tarallucce e vino

Napolì
Na-Na-Na-Na Napolì

Città dimenticata sfruttata abbandonata
da tutti disprezzata ma a Agnelli c’è piaciuto
’o lavoro ’e l’emigrato pacche scassate
famiglie disgregate e a Torino Milano
napulitano terrone e ignorante
magnate ’o sapone lavate cu l’idrante
e tuornatenne a casa felice e cuntento
ce he fatto fà’ ’e miliardi e nun he avuto niente
però sinceramente dico sinceramente
nun te può lamentà’ tiene ’a machina e ’a patente
ma rint’ ’o parlamento ce teneno sempe a mente
rint’ ’o parlamento nun se scordano maje niente
nun se scordano ad esempio ’o curdinamento
ca ce sbatte sempre ’nfaccia ’e prubleme ’e tutt’ ’a ggente

e allora immediatamente dico immediatamente
manneno a Improta cu na cricca ’e malamente
giunto da Roma st’ommo tutt’ ’e nu piezzo
ca ’ncoppa Prefettura va a fà’ ’o gallo ’ncoppa munnezza

giunto da Roma st’ommo tutt’ ’e nu piezzo
giunto da Roma se n’è venuto a Napoli
Na-Na-Na-Na Napolì

Napolì
criature vuttate ’mmiez’ ’a na vi’
Napolì
crisciute cu ’e pippate ’e cucaì’
Napolì
guagliune ca se fanno l’eroì’
Napolì
a scola nun ce sò maje putut’ì’
Napolì
Puceriale rint’ ’o destì’
Napolì
affiliate rint’a cocche famì’
Napolì
’o guverno ce ra sulo ’a polizì’
Napolì
’e signore vonno sta chiù tranquì'
Napolì
nisciuno chiù le scippa ’o burzellì’
Napolì
’e benpensante votano Dc
Napolì
’e camurriste votano Psi
Napolì
’e sicchie ’e lota votano Msi
Napolì
ma ’mmiez’ ’a via continuano a murì’
Napolì

ma tenimmo ’o sole ’a pizza e ’o mandulino
tarantelle canzone sole e mandulino
a Napoli se more a tarallucce e vino
Napolì
Na-Na-Na-Na Napolì

21/6/2011 - 23:50


Guardo la fotografia del vicolo di Napoli dominato dal mucchio delle immondizie, e mi viene in mente Alfredo Panzini che commentava le notizie sui morti della prima (o della seconda?) guerra balcanica, dicendo: "ecco la piramide della nostra civiltà", perché li immaginava accatastati l'uno sull'altro, come oggi vediamo i sacchetti della spazzatura napoletana. Di fronte ai quali anche a me viene da dire: "ecco la piramide della nostra civiltà". A ognuno la sua piramide.
I morti delle guerre balcaniche furono caterve: ma noi - o meglio, i nostri liceali - di quelle guerre anticipatrici nell'orrore dell'imminente primo conflitto mondiale non sappiamo altro che le festose sparate futuristiche di F. T. Marinetti sull'assedio di Adrianopoli (oggi Edirne). Ma più che futuriste, surreali mi sembrano le sparate di Berlusconi, ieri, e di de Magistris, oggi, a proposito della spazzatura di Napoli. Non si rendono conto, i due bellimbusti, che Napoli altro non è che un'avanguardia, perché prima o poi tutti finiremo sepolti in eterno dentro la piramide della spazzatura.
E quelli invece pensano che in quattro giorni la piramide sparisca come una labile impronta del passato. Non sanno che a nessuno è dato di cancellare il futuro.

Gian Piero Testa - 23/6/2011 - 22:42



Lingua: Napoletano

Versione pubblicata su "Curre Curre Guaglio' 2.0 Non un passo indietro" (2014) con la partecipazione di Enzo Avitabile & i Bottari

curre-curre-guaglio-2


NAPOLINAPOLINAPOLI

Napolì
criature vuttate ’mmiez’ ’a na vi’
Napolì
crisciute cu ’e pippate ’e cucaì’
Napolì
guagliune ca se fanno l’eroì’
Napolì
a scola nun ce sò maje putut’ì’
Napolì
Puceriale rint’ ’o destì’
Napolì
affiliate rint’a cocche famì’
Napolì
’o guverno ce ra sulo ’a polizì’
Napolì
'e signore ponno stà chiù tranqì
Napolì
nisciuno chiù le scippa ’o burzellì’
Napolì
’e benpensante vutavano Dc
Napolì
’e camurriste vutavano Psi
Napolì
’e sicchie ’e lota vutavano Msi
Napolì
ma ’mmiez’ ’a via continuano a murì’
Napolì
ma tenimmo ’o sole ’a pizza e ’o mandulino
tarantelle canzone sole e mandulino
a Napoli se more a tarallucce e vino a

Napoli napoli napolì

'e case popolari m'assumigliano
songo l'aria e 'a distanza cà me fa viaggià
niente 'e sicuro niente 'e preciso
comme 'a vita stessa
comme 'a stessa vita

Città dimenticata sfruttata abbandonata
da tutti disprezzata ma a Agnelli c’è piaciuto
’o lavoro ’e l’emigrato pacche scassate
famiglie disgregate e a Torino Milano 'o
napulitano terrone e ignorante
magnate ’o sapone lavate cu l’idrante
e tuornatenne a casa felice e cuntento
ce he fatto fà’ ’e miliardi e nun he avuto niente
però sinceramente dico sinceramente
nun te può lamentà’ tiene ’a machina e ’a patente
ma rint’ ’o parlamento ce teneno semp' a mente
rint’ ’o parlamento nun se scordano maje niente
nun se scordano ad esempio ’o curdinamento
ca ce sbatte sempre ’nfaccia ’e prubleme della gente

e allora immediatamente dico immediatamente
manneno a Improta cu na cricca ’e malamente
giunto da Roma st’ommo tutt’ ’e nu piezzo
ca ’ncoppa Prefettura va a fà’ ’o gallo ’ncoppa munnezza

giunto da Roma st’ommo tutt’ ’e nu piezzo
giunto da Roma se n’è venuto a

napoli napoli napolì


'e case popolari m'assumigliano
songo l'aria e 'a distanza cà me fa viaggià
niente 'e sicuro niente 'e preciso
comme 'a vita stessa
comme 'a stessa vita

2/9/2015 - 22:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org