Lingua   

Cuncimi

Konon


Lingua: Siciliano (Sanconese)


Ti può interessare anche...

Pri la vinuta di l'eroi Garibaldi in Sicilia
(anonimo)
Radicazione sicula
(Poleman)
I pistacchi di Adele
(Konon)


Certe espressioni, certi modi di dire, persino certe invenzioni linguistiche vengono consciamente o no, dal modo in cui parlano i nostri genitori, i nostri zii e i nostri conoscenti. In tutto questo corre qualcosa di fondamentale, di decisivo. In cuncimi le strofe si alternano non in modo astratto e intellettualistico, ma in modo concreto e colorito. E' un brano ricco di sentimento e forza espressiva.
I gastimi su di canigghia
cu i manna si pigghia
I gastimi su di canigghia
cu i manna si pigghia

vivu nun ti viu
e mortu ti salutu
quannu m'accarizzi
voni l'arma mia

vivu nun ti viu
e mortu ti salutu
quannu m'accarizzi
voni l'arma mia

ogni arti duna pani
vucca ca nenti s'infila tuttu si vasa
ogni arti duna pani
vucca ca nenti s'infila tuttu si vasa

vivu nun ti viu
e mortu ti salutu
quannu m'accarizzi
voni l'arma mia

l'arbulu pecca u ramu ricivi
chianci u giustu po piccaturu
ogni arti duna pani
vucca ca nenti s'infila tutta si vasa

ogni arti duna pani
vucca ca nenti s'infila tuttu si vasa

Di na petra sciddichenti
ata ddari culu e denti
lassu i sordi a cuntari ma mine jjiri a ballari

vivu nun ti viu
e mortu ti salutu
quannu m'accarizzi
voni l'arma mia

occhi di vitru e manu di cira
occhi di vitru e manu di cira
chiassai su tutti i vuci chi i nuci falla comu vo sempri cucuzza je!

inviata da Matteo Vespucci - 16/6/2011 - 09:06



Lingua: Italiano

Versione italiana
CONCIME

Le maledizioni non producono alcun effetto
ritornano a chi le manda

Da vivo non ti considero
da morto ti onoro

Se mi accarezzi
vuoi la mia anima

Ogni mestiere dà pane
bocca che non mangia
accetta di tutto

L’albero ha peccato
ma lo sconta soprattutto il ramo

Piange il giusto
al posto del peccatore

Da una roccia scivolosa
(dovreste precipitare) fracassandovi
culo e denti

Me ne frego degli affari
devo andarmi a divertire

Occhi di vetro e mani di cera

Sono più le dicerie (le voci)
che le noci

Puoi cuocerla come vuoi
ma è pur sempre zucca.

inviata da giorgio - 18/6/2011 - 09:02


bellissima traduzione di Giorgio, non avrei tradotto meglio.

Konon - 30/8/2011 - 04:20


Mah,..non credo proprio, Davide.. Comunque grazie di cuore.
Ciao, Cono.. e complimentissimi: vai forte, continua così. Sei tutti noi!!

giorgio - 30/8/2011 - 13:07


Qual è il significato di "occhi di vetro e mani di cera"?

ALDO - 2/5/2013 - 08:52


Era un'espressione (come le altre nella canzone), nell'antica lingua, che si riferiva ai ladri:
Occhi 'i vitru e manu di cira.

Buona giornata.

giorgio - 3/5/2013 - 08:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org