Lingua   

I lament di tosann tutt disperaa perché gh'è i giuven che va a soldaa

Nanni Svampa
Lingua: Italiano (Lombardo)


Ti può interessare anche...

Davide Van De Sfroos: La balàda del Genesio
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Povero Cristo
(Nanni Svampa)
E con la cicca in bocca
(anonimo)


[1868?]
Autore: Giuseppe Alfieri
Nel disco di Svampa “Milanese. Antologia della canzone lombarda n. 2 - Il Risorgimento, i mestieri e l'officina” del 1970.
Testo trovato su La musica de L’Altra Italia

Questo “Lamento delle ragazze disperate perché i giovani vanno soldati” è una “bosinata” composta da tal Giuseppe Alfieri, “bosinatore” piuttosto prolifico nella seconda metà dell’800. Probabilmente si riferisce alla terza guerra di indipendenza italiana.

“[…]Bosino a Milano [ma anche in Piemonte, nel novarese e nell’alessandrino, ndr] era il paesano (soprattutto, ma non soltanto, del territorio a nord della città), ignorante e grossolano. Esattamente come il burino (etimologia comune?) a Roma.
Le bosinate erano quindi componimenti poetici in lingua bosina che s'immaginavano esser usciti dalla bocca appunto di un bosino, quindi ridicole.
Le bosinate a Milano, erano lette per strada da professionisti del genere, ma soprattutto vendute, stampate su fogli volanti, sui banchetti dei mercati […]” (Roberto Leydi, dalla prefazione al libro di Franco Castelli “I peccati in piazza. Bosinate carnavalesche in Piemonte”, 1999)
O pover tosann che secol sii rivàa
che vegnii tanto a bon mercàa
tutt a soldà vann omen e pivej
vegní al prezzi di solfanej
e la mamma la se stuffa
ai tosann ghe vègn su la muffa
gh'avii di goeubb, di nan e di stropiàa
e i pussée bej vann tucc a soldàa

La piang adèss la Tira-cazzòtt
che l'è andàa via el sò merlòtt
el contingent l'è andàa a l'armada
lée la voreva trass giò in strada
ma a trass giò in strada la se fa mal
l'è andada a beven on boccal
de la passion del sò tulipan
l'ha mangiàa dú chili e mezz de pan.

La piang fort la Pissa-in-lètt
perchè gh'è andàa via el sò Richètt
pover tosann a cunt di sti guaj
vegnii al prezzi giust de l'aj
a cunt de la guerra la sciora Ruminga
la vègn al prezzi de se sa minga
donca tosann se pur avii intes
sii al prezzi che costa i scires.

El cervellée per nòmm Clement
l'han ciamaa sú in contingent
e per morosa el gh'aveva ona madamin
che ghe dava el salamin
adèss la piang sta povera madamm
la gh'ha domà el pan senza el salamm
e la spera la sciora Carucò
che quel di salamm el torna ancamò.

Pover tosànn a cunt de la guerra
sii tucc al prezzi di pomm de terra
e se, va innanz sta marmagna
vosen tucc tríi sold la cavagna
e coi vècc senza discor
o tosann avii de fa l'amór
l'ultim prezzi a divel ciar nètt
o tosann l'è quel d'on brichètt.

inviata da Bartleby - 9/6/2011 - 09:03


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org