Lingua   

Puviri surfarara sbinturati

anonimo


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Giuni Russo e Franco Battiato: Strade Parallele (Aria Siciliana)
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Spiranza
(Agricantus)
Razza predona
(Mau Mau)


Testo trovato su Rocca di Cerere – Segni della tradizione: atlante antropologico ipertestuale.

Canzone di miniera (uno dei “canti 'r 'a surfara”) raccolta da Maria Nicoletti (?) dalla voce di un ex minatore di Villarosa, in provincia di Enna:

“Dintra 'na conca sutta 'na muntagna, 'ntra dù ciumi, unu amaru e l'autru duci, cc'è un paiseddu ccu li strati 'n cruci e tanticchia di virdi a la campagna; 'ntra ripa e ripa la terra siccagna di centu rarità frutti produci, di jornu fumichìa, di notti luci e 'ntra li 'nterni sò chianci e si vagna.”
Dalla poesia “Bellarosa, terra amorusa” di Vincenzo De Simone (1879-1942), poeta siciliano.

[traduzione italiana] “Dentro una conca sotto una montagna tra due fiumi, uno amaro e l'altro dolce, c'è un paesino con le strade in croce e poco verde nelle campagne; nella terra arida attorno cento rarità di frutti produce, di giorno fumiga, di notte luccica e nelle sue viscere si piange e si suda.”

Miniera di zolfo, Sicilia 1953. Foto di Fulvio Roiter.
Miniera di zolfo, Sicilia 1953. Foto di Fulvio Roiter.



“Ho lavorato dal '55 all' '84. Ho cominciato a 7 anni facendo il caruso, caricavo zolfo a spalla e lo portavo nei vagoni. Poi, a 13 anni circa si diventava garzone di miniera, vagonaro a 18, poi manovale specializzato e picconiere. Il picconiere doveva essere bravo a salvare la vita a lui e al manovale che stava con lui perché tutti i giorni si rischiava la vita, un minatore che scendeva non si sa se tornava, c'erano crolli, fughe di gas”.
Testimonianza di Filippo M., ex minatore di Carrapipi (Valguarnera Caropepe), sempre in provincia di Enna
Puviri surfarara sbinturati
Ca notti e jornu sutt'a terra siti
Sempri amminzu li periculi ci stati
E pallita la facci vi faciti
Ddi fatti a cincu grana ca vuscati
Subbitu a la taverna li spenniti
E quanno duppu muriti, chi lassati?
Ddu strazzu di picuni si l'aviti

inviata da Bartleby - 25/5/2011 - 15:59



Lingua: Italiano

POVERI MINATORI SVENTURATI

Poveri minatori sventurati
che giorno e notte state sottoterra
sempre in mezzo ai pericoli siete
e pallido vi si fa il viso
Dei pochi soldi che guadagnate
subito li spendete all'osteria
e dopo morti che lasciate?
Uno straccio di piccone se l'avete.

inviata da Bartleby - 25/5/2011 - 16:00


È un canto popolare INALIABILE.
Patrimonio popolare immateriale UNESCO
Racconta la dignità dei Poveri

elioregazzoni@virgilio.it - 11/3/2018 - 20:55



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org