Lingua   

Ὁ Ἥλιος καί ὁ χρόνος

Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης



Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Είμαστε δυο
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)
Επίκειται
(Nikos Damigos / Νίκος Δαμίγος)
Guantanamo Guantanamera
(Marco Cinque)


O 'Ilios kai o hrónos
theodypografi
Μουσική και στίχοι Μίκη Θεοδωράκη

Ερμηνεύουν: Μαρία Φαραντούρη, Μαρία Δημητριάδη, Αντώνης Καλογιάννης, Πέτρος Πανδής.

Ηχογράφηση του 1971, από τη συναυλία στο Palais de Chaillot του Παρισιού.

Testo (politonico nell'originale) di Mikis Theodorakis
(composto durante la detenzione presso la Sicurezza Generale,
via Bubulina, nella cella numero 4 nell' agosto-settembre 1967.)
Musica di Mikis Theodorakis
Primi interpreti: Maria Farandouri, Maria Dimitriadi, Adonis
Kaloyannis, Petros Pandìs, Georges Willson (voce recitante) nel concerto al Palais de Chaillot, Parigi, 1971

ilioshronos

Dal diario del musicista: «Il 21 agosto (1967 n.d.t.) fui catturato a Haidari. Al quarto piano in via Bubulina, nella cella n. 4, aspettavo la tortura e la morte. Il 4 settembre mi portarono carta e matita. Allora scrissi 32 poesie. Le notti precedenti le avevo trascorse insonne con la schiena incollata al muro, aspettando da un momento all'altro che mi venissero a prendere per la tortura o l'esecuzione. Tutta la mia esistenza fu segnata da quell'attesa della morte certa. Mentre il tempo scorreva inesorabile e tormentoso, vedevo chiara con la mente l'immagine dell'ultimo istante. Il cielo mattutino aveva un colore blu carico. L'atmosfera trasparente, di cristallina purezza. Cosa avrei gridato in quel momento della fine? Questo pensiero si impadronì totalmente di me. Un guardiano restava sempre insieme a me dentro la cella. Se aveva un po' di comprensione potevo allora parlare un po' con lui. Viva la vita! Viva la vita! Griderò dunque " viva la bellezza", "viva l'amore"?
Allora pensavo di essere rimasto un incorreggibile romantico. La vita esiste! La vita esiste! La vita esiste!
Tutto esiste: la Grecia, il Fronte, il Partito!
A volte la guardia era d'accordo. Più spesso aveva un'opinione differente. La discussione continuava senza fine.
Nelle ore centrali del giorno il caldo era raccapricciante. Soffrivo terribilmente. Dormivo sopra il cemento, nudo come nel momento della cattura. Per cuscino avevo le mie scarpe. La barba era cresciuta e mi pungeva. Mangiavo poco, senza cucchiaio e forchetta. Con le mani. Ero sporco.
Qualche volta mi sedevo sulla seggiola, l'unico "mobile". Altrimenti camminavo. Cinquecento passi ogni volta. Cinquecento passi in cerchio. Contavo le sbarre. Osservavo di nascosto i muscoli della guardia. Mi odiava? Perché? Di sicuro avrà cantato le mie canzoni. Quando, allora, si sarebbe gettato su di me? Quando verranno a prendermi? I loro occhi! Se li guardo dritto negli occhi, allora proveranno vergogna? E' utile che si vergognino!
A questa angoscia subentrava un'inspiegabile euforia. Ero fortunato! Alla fin fine la morte non è così spaventosa. Magari può essere bella, dico al mio guardiano.
Ma all'arrivo del nuovo giorno, appena il sole si metteva a picchiare, la vita tornava a prendersi i suoi diritti. La vita mi vinceva. Mi sbaragliava. I volti dei miei bambini attraversavano i miei pensieri. Sarebbero stati per sempre orfani e il dolore avrebbe albergato nei loro occhi belli. Scacciavo con forza questa immagine.
Ero sfortunato perché non mi uccidevano subito. Cosa mi avrebbero fatto adesso? In che modo mi avrebbero ucciso? La testa doleva. Il sangue doleva. Alle 2, 3,4, 5, 6 del pomeriggio. "Dentro i giardini paradisiaci del mio cranio, un sole giallo viaggia sulle ali del tempo".
Piango, grido! Il mio cuore ne è sollevato. Nessuno sa che mi trovo qui. "934.303", 934.303", grido. Forse qualcuno mi sente e telefona: "Mikis è vivo".
Penso ai compagni. Maria è stata catturata insieme a me. Mi spinsero dentro l'auto di Leloudas, che prima guidava Iason. Forse sono stati presi anche loro. Silva si trova con Elena a Vouliagmeni. Staranno nuotando adesso. A Silva piaceva Peppino di Capri. A Filothéi ascoltavamo Markopoulos. La sera passeggiavamo circospetti nell'oscurità del giardino sotto gli albicocchi. Elena aveva una fisarmonica "Ali, fisarmoniche, suoni dell'acqua, lucertole, lune". Kostas, Adonis, Babis stanno chiusi in casa. Adesso io morirò. Yannis e Dora fumavano sigarette profumate Xanthis.
Non sono un poeta, ma quando i versi cominciarono a martellarmi il cervello sentii quanto le parole possano rivestirsi nel sangue. Quanto possono lavarmi. Sono un creatore. Vinco il tempo e la morte...
Sono il tempo.
Ecco perché il SOLE e il TEMPO sono diventati un ciclo della Vita e della Morte. Alla fine sono diventati un ciclo della vittoria. Vittoria amara, perché l'anima del poeta soffre per tutti gli esseri umani. Anche per quelli che lo odiano e lo torturano.
...
«Quando i soldati vennero ad arrestarmi, io dormivo. Mi fecero alzare e mi ordinarono di mettermi in ginocchio. Poi mi legarono i gomiti dietro la schiena, come fanno gli Americani con i Vietcong. Quando entrò Maria, provai vergogna e chiesi che mi mettessero le mutande. Mi misero le mutande e i miei calzoni. Ero scalzo e dissi a Maria di mettermi le mie scarpe. Si chinò davanti a me e mentre mi allacciava le stringhe, le sussurrai: "Coraggio, Maria"»

Si tratta di un'opera importante, e non solo dal punto di vista "civile". Nell'angoscia della carcerazione (la prima del periodo della Giunta), Theodorakis si scopre poeta e "inventa" un nuovo tipo di composizione: la canzone-fiume. Torno a vivere anch'io un altro tipo di angoscia, in questo periodo, e non ho tutto il tempo che vorrei dedicare ad AWS: mi limito a tradurre i brani che furono musicati. Avrei desiderato metterci anche gli altri, rimasti senza note: e chissà che un giorno non riesca a farlo. (gpt)

λιος καί ὁ χρόνος

κύκλος ποιημάτων Μίκη Θεοδωράκη

Μαρία Φαραντούρη

Μ. Δημητριάδη, Α. Καλογιάννης, Π. Πανδῆς



1.


Γειά σου Ἀκρόπολη
Τουρκολίμανο, ὁδὸς Βουκουρεστίου
ὁ Πολικὸς σημαδεύει μὲ φῶς
τὸ σταθερὸ σημείο τοῦ κόσμου.

Ἀθήνα ἡ πρώτη
στὸ βυθὸ τῶν αἰώνων
μὲ τὸ γυαλί
σε βλέπουν οἱ ψαροντουφεκάδες.

Γαλέρες, γιωταχὶ, πορνεία κρυφά
ἡ Γενικὴ κέντρο τοῦ κόσμου.

Ο Πολικὸς γυρίζει σταθερά
τὸ φουγάρο τοῦ μαγειρίου
σημαδεύει μὲ καπνό
τὸ σταθερὸ σημείο τοῦ Στερεώματος

Ἡ Πούλια, ἡ Ἀφροδίτη
ἡ Ντίνα, ἡ Σούλα, ἡ Εύη, ἡ Ρηνιώ

πέντε ἑκατομμύρια ἔτη φωτός
σταθερὴ γραμμὴ διασχίζει
πέντε δισεκατομμύρια γαλαξίες
σὲ πέντε μέτρα
σὲ πέντε μέτρα
σὲ πέντε μόνο μέτρα
απὸ τὸ κελί μου.

2.


Ὁ χρόνος διαλύεται
μέσα στὴ στιγμή
τὸ ελάχιστο γίνεται
ὁ μέγιστος τύραννος

βασανίζει ἀνθησμένες πληγές
γεμάτες χαμόγελα καὶ ὑποσχέσεις

γιὰ κάτι ἄλλο, αὐτό τὸ άλλο
εἶναι ποὺ ζοῦμε κάθε στιγμή
νομίζοντας ὄτι ζοῦμε τὸ ἄλλο

ὅμως τὸ ἄλλο δὲν ὑπάρχει

εἴμαστε ἐμεῖς ἡ Μοίρα μας
ποὺ μᾶς λοξοκοιτάζει,

Σφίγγα ποὺ ξέχασε τὸ αἴνιγμα
δὲν ἔχουμε τίποτα νὰ λύσουμε
δὲν ὑπάρχει αἴνιγμα
δὲν ὑπάρχει διαφυγή
ἀπό τὸν πύρινο κύκλο
τοῦ Ἥλιου καὶ τοῦ Θανάτου.

3.


Ἥλιε θὰ σε κοιτάξω στὰ μάτια
ἕως ὅτου ξεραθεῖ ἡ ὅρασή μου
νὰ γεμίσει κρατῆρες μὲ σκόνη
νὰ γίνει Σελήνη δίχως διάστημα, κίνηση, ῥυθμό
χαμένος διάττων ἐσβεσμένος ἀπό αἰώνες
καταδικασμένος ν' ἀκούει κραυγὲς ἀνθρώπων
νὰ ἀνασαίνει πτωμαΐνη λουλουδιῶν.
ὁ Ἄνθρωπος πέθανε! Ζήτω ὁ Ἄνθρωπος!

4.


Ἐπάνω στὸ ξερὸ χῶμα τῆς καρδιᾶς μου
ξεφύτρωσε ἕνας κάκτος

πέρασαν πάνω ἀπό εἴκοσι αἰώνες
ποὺ ὀνειρεύομαι γιασεμί
τὰ μαλλιά μου μύρισαν γιασεμί
ἡ φωνή μου εἶχε πάρει κάτι
ἀπό τὸ λεπτὸ ἄρωμά του
τὰ ροῦχα μου μύρισαν γιασεμί
ἡ ζωή μου εἶχε πάρει κάτι
ἀπό τὸ λεπτὸ ἄρωμά του

ὅμως ὁ κάκτος δὲν εἶναι κακός
μονάχα δὲν τὸ ξέρει καὶ φοβᾶται

κοιτάζω τὸν κάκτο μελαγχολικά
πότε πέρασαν κιόλας τόσοι αἰώνες

θὰ ζήσω ἄλλους τόσους
ἀκούγοντας τὶς ρίζες νὰ προχωροῦν
μέσα στὸ ξερὸ χῶμα τῆς καρδιᾶς μου.

5.


Ἀνάμεσα σ' ἐμένα καὶ στὸν Ἥλιο
δὲν ὑπάρχει
πάρα μόνο ἡ διαφορά
τοῦ χρόνου

ἀνατέλλω καὶ δύω
ὑπάρχω καὶ δὲν ὑπάρχω

με βλέπουν
χωρὶς νὰ δῶ τὸν ἑαυτό μου.

6.


Ὅταν σταματήσει ὁ χρόνος
τὸ κελί μου γεμίζει μήνες

μήνες, μέρες, ὥρες, στιγμές

δέκατα δευτερολέπτων
δέκατα δευτερολέπτων
δέκατα δευτερολέπτων
ἕνα βῆμα πρὶν ἀπὸ τὸ χάος
ὑπάρχει χάος

ἕνα βῆμα μετὰ τὸ χάος
ὑπάρχει χάος

ἐγώ ὑπάρχω λίγο πρίν, λίγο μετά
ὑπάρχω μέσα στὸ χάος
δὲν ὑπάρχω

7.


Τὰ κελιὰ ἀνασαίνουν
τὰ κελιὰ ποὺ βρίσκονται ψηλά
τὰ κελιὰ ποὺ βρίσκονται χαμηλά
ἡ βροχή μας ἑνώνει
ὁ ἥλιος ντράπηκε νὰ φανεῖ, Νίκο
Γιῶργο, κρατιέμαι ἀπό ἕνα λουλούδι.

17.


Ποτὲ ποτὲ ποτέ
δὲν θὰ μπορέσω νὰ ξεδιπλώσω ὅλες τὶς σημαίες
πράσινες κόκκινες κίτρινες μπλὲ μὼβ θαλασσιές

ποτὲ ποτὲ ποτέ
δὲν θὰ μπορέσω νὰ μυρίσω ὅλα τὰ ἀρώματα
πράσινες κόκκινες κίτρινες μπλὲ μὼβ θαλασσιές

ποτὲ ποτὲ ποτέ
δὲν θὰ μπορέσω ν' ἀγγίξω ὅλες τὶς καρδιές
ὅλες τὶς θάλασσες νὰ ταξιδέψω

ποτὲ ποτὲ ποτέ
δὲν θὰ γνωρίσω τὴ μία σημαία
τὴ μοναδική
ἐσένα Τάνια

20.


jetΜέσα στοὺς παραδείσιους κήπους τοῦ κρανίου μου
κίτρινος Ἥλιος ταξιδεύει στὰ φτερὰ τοῦ χρόνου

ἀκολουθοῦν πουλιὰ μὲ ξύλινα φτερά
προπορεύονται ἄγγελοι μὲ τζέτ

μεγαλόπρεπη πορεία πάνω ἀπὸ μπανανιές
εὐκάλυπτους καὶ πεῦκα ποὺ καλύπτουν
τὴν ἀριστερὴ πλευρὰ τοῦ ἐγκεφάλου μου

στὴ δεξιὰ νύμφες καὶ οὐράνιες πόρνες
σκεπασμένες γιασεμιά, κόκκινες σαύρες
ἀκοῦν τοὺς καταρράχτες ποὺ χάνονται
στὶς καταβόθρες τοῦ νωτιαίου μυελοῦ μου
ἐκεῖ ἀρχίζει ἡ Γῆ καὶ τελειώνει τὸ Σύμπαν

Αἰφνιδίως ἡ μεγαλόπρεπη πομπὴ ἀκινητοποιεῖται
ὥρα ἕξι τὸ ἀπόγευμα
ὥρα ἕξι ἀκριβῶς
σταματᾶ ἡ πομπή, ὁ χρόνος, ὁ Ἥλιος

μονάχα τὰ πουλιὰ ταξιδεύουν
χτυποῦν τὰ ξύλινα φτερά
καὶ τὰ τζέτ
θρηνοῦν κι αὐτὰ ἀγγελικά

23.


Ἐπουράνιοι ποταμοί
ὑπόγειοι χείμαρροι
κατεβαίνουν παφλάζοντας
ὁδός ὀνείρων Ὁμόνοια

Σίλβα
[σίγμα γιῶτα λάμδα
βῆτα ἄλφα
Φιλοθέη Χαϊδάρι]

τὰ νερά τους ξανθά,
δύο στρώματα ξανθά
δύο στρώματα πράσινα
στὴ μέση ἐγώ, κόκκινη ἀκρίδα

φτερὰ φυσαρμόνικες
ἦχοι ἀπό νερό,
σαύρες φεγγάρια,
βουτοῦν βυθίζονται πνίγονται
κάγκελα
κάγκελα
κάγκελα.
Σίλβα.

24.


Ὅταν ἐσύ φωνάζεις
ἐγώ κοιμᾶμαι
ὅταν ἐσύ πονᾶς
ἐγώ χασμουριέμαι
ὅταν ἐσύ σφαδάζεις
ἐγώ ξύνομαι
Σεπτέμβριος
ἡμέρα δεκάτη ἕκτη
τῆς Δημιουργίας
Διονύση!

25.


dicapriΣτὸ τέταρτο πάτωμα
ἡ μαμά σου κοιμᾶται
Ἔλενα
μουσική θεῖα τὰ ὄνειρά της
τὰ ὄνειρά της Πεπίνο ντι Κάπρι
πέρα ἀπό τὴ θάλασσα
μὴν τὴν ξυπνήσεις.

26.


Ἡ ὀδοντοστοιχία τοῦ Ἥλιου
με απειλεῖ
τὸ κάγκελο τοῦ χρόνου
με προστατεύει

ὁ Γιάννης ὁ Ἰάσων
ὁ Βύρων ὁ Τάκης ὁ Ἀλέκος

στὰ κατάρτια ψηλὰ ὑψώστε
τὰ λεμόνια τὰ πορτοκάλια ὑψώστε
τὰ πέδιλα στὴν ἄμμο,

niveaφωνὲς κρέμα νιβέα
ἱππόκαμπος πασιέντσες νεσκαφέ

σημαίες ἀκριβές ἀπὸ φτηνὸ ὕφασμα κρατοῦν.

27.


Ἕκτη Σεπτεμβρίου
ὥρα ἕντεκα πρωινή

τώρα λούζονται τὰ πουλιά
στὰ ποτάμια
στὰ ἔλατα τρίβονται
οἱ Βοριάδες.

Σε χτύπησε ὁ Τούρκος
στο Μπιζάνι.

Τώρα κάθεσαι καὶ με κοιτᾶς
πίνεις καφέ
στάζεις φαρμάκι
ἀγάπη ἀγάπη
ὁ Ἥλιος ψήνει
ὥρα ἕντεκα πρωινή.

28.


Σουλεϊμάν ὁ Μεγαλοπρεπής
Κωνσταντίνος ὁ Παλαιολόγος

πάψε πιὰ νὰ φωνάζεις
λαθέμπορος λωποδύτης νταβατζῆς

φωνιτικὲς χορδές.
Ὁ Αντρέας ὁ Ἡλίας ἡ Ἀνθή
λαρύγγι ζώου λαρύγγι ἀνθρώπου

Ἄγια Σοφιὰ στίφη βαρβαρικά
τὸ ὑγρὸν πῦρ
ὁ Γέρος τοῦ Μοριᾶ σκουλίκι.

Σὲ κάθε βῆμα μου σκοντάφτω
ζερβὰ θηριὰ τοῦ Βόρνεο
δεξιὰ φλόγες στὸ Ναγκασάκι
μπροστὰ φουγάρα στὸ Μπούχενβαλντ
καὶ πίσω τὸ κελὶ τοῦ Μακρυγιάννη

πάνω κάτω ἀνατολικὰ δυτικά
μαχαίρια, μαστίγια ἀκόντια, ὀρδές
ὀρδὲς ἁγίων
ὀρδὲς δαιμόνων
ὀρδὲς ἁγίων
ὀρδὲς στρατηγῶν
εἶμαι ῥαδίκι σπαρμένο στὸν κρατῆρα
ἀντίο Ἤλιε
ἀντίο φῶς
καληνύχτα.

inviata da Gian Piero Testa - 15/5/2011 - 00:14



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa

Il Sole e il tempo

ciclo di poesie di Mikis Theodorakis

Maria Farandouri

Μ. Dimitriadi, Α. Kaloyannis, P. Pandìs



1.


Salute a te Acropoli
Turcolimano, via Bucarest
la stella polare indica con la sua luce
il punto fermo del cosmo.

Atene la prima
nella profondità dei secoli
attraverso la maschera
ti guardano i cacciatori subacquei.

Galere, vetture private, bordelli segreti
la "Generale" centro del mondo.
La stella polare gira sul suo asse
il camino della cucina
indica con il fumo
il punto fermo del firmamento.

Le Pleiadi, Venere,
Dina, Soula, Evi, Riniò

cinque milioni di anni luce
una stabile rotta è tracciata
cinque miliardi di galassie
a cinque metri
a cinque metri
a solo cinque metri
dalla mia cella.

2.


Il tempo si dissolve
in un istante
la pochezza diventa
il grande tiranno
tormenta ferite in fiore
piene di sorrisi e di promesse

per qualcosa d'altro, questo altro
è che noi viviamo ogni istante
pensando di vivere un'altra cosa

ma l'altra cosa non esiste

siamo noi il nostro Destino
che ci guarda obliquamente

Sfinge che ha dimenticato l'enigma
non abbiamo niente da risolvere
nemmeno l'enigma c'è
nemmeno una via d'uscita c'è
nel cerchio di fuoco del Sole e della Morte

3.


Sole ti guarderò negli occhi
finché il mio sguardo si prosciugherà
per riempire coppe di polvere
per diventare Luna senza diadema, movimento, ritmo
perduto semplicemente estinto da secoli
dannato a sentire grida di uomini
e che abbia tregua la putrefazione dei fiori
l'Uomo è morto ! Viva l' Uomo !

4.


Sopra la zolla inaridita del mio cuore
è spuntato un canto.
Più di venti secoli sono passati
da quando ho sognato un gelsomino
i miei capelli ebbero profumo di gelsomino
la mia voce aveva rubato qualcosa
del suo sottile aroma
i miei vestiti ebbero profumo di gelsomino
la mia vita aveva rubato qualcosa
del suo sottile aroma

ma il cactus non è cattivo
è che non lo sa e ha paura

guardo il cactus melanconicamente
eppure quando sono passati tanti secoli

ne vivrò altrettanti
ascoltando le radici che avanzano
dentro la zolla inaridita del mio cuore.

5.


Tra me e il Sole
non esiste
se non la differenza del tempo

me levo e mi corico
esisto e non esisto

mi vedono
senza che io possa vedere il mio io.

6.


Quando il tempo s'arresta
la mia cella si riempie di mesi

mesi, giorni, ore, istanti

decine di secondi
decine di secondi
decine di secondi
un passo prima del caos
esiste un caos

un passo dopo il caos
esiste un caos

io esisto un poco prima, un poco dopo
esisto dentro il caos
non esisto.

7.


Le celle ansimano
le celle che si trovano in alto
le celle che si trovano in basso
la pioggia ci unisce
il sole si è vergognato di apparire, Nikos
Yorgos, mi aggrappo a un fiore.

17.


Mai mai mai
riuscirò a dispiegare tutte le bandiere
verdi rosse gialle blu viola turchine

mai mai mai
riuscirò a odorare tutti i profumi
verdi rossi gialli blu viola turchini

mai mai mai
riuscirò a sfiorare tutti i cuori
a viaggiare su tutti i mari

mai mai mai
conoscerò l'unica bandiera
la sola
te, o Tania.

20.


jetDentro i giardini paradisiaci del mio cranio
un Sole giallo viaggia sulle ali del tempo

lo seguono uccelli dalle ali di legno
lo precedono angeli sopra i jet

maestosa rotta sopra banani
eucalipti e pini che ricoprono
il lato sinistro del mio cervello

nel destro ninfe e prostitute celesti
ricoperte di gelsomini, di rosse lucertole
ascoltano cascate che si perdono
nei meandri del mio midollo spinale
lì comincia la terra e finisce l'universo.

Improvvisamente la maestosa parata si arresta
alle sei della sera
alle sei in punto della sera
s'arresta la parata, il tempo, il Sole

solo gli uccelli proseguono il cammino
battono ali di legno
e i jet si lamentano ma pur sempre in modo angelico.

23.


Fiumi celesti
torrenti sotterranei
scendono ribollendo
Omonia via dei sogni

Silva
[esse i elle
vi a
Filothéi, Haidari]

le loro acque fulve
due lettini biondi
due lettini verdi
e in mezzo io cavalletta rossa
ali fisarmoniche
suoni d'acqua
lucertole lune si tuffano s'immergono affogano
inferriate
inferriate
inferriate.
Silva.

24.


Quando tu chiami
io dormo
quando tu soffri
io sbadiglio
quando ti dibatti
io mi gratto
Settembre
sedicesimo giorno
della Creazione
Dionigi.

25.


dicapriAl quarto piano
tua mamma dorme
Elena
musica divina i suoi sogni
i sogni di Peppino di Capri
al di là del mare
non svegliarla.

26.


La dentatura del Sole
mi minaccia
l'inferriata del tempo
mi protegge

Yannis Yason
Byron Takis Alekos

ammainate in cima agli alberi
ammainate i limoni le arance
i sandali nella sabbia,

niveavoci crema nivea
cavallucci marini solitari nescafé

bandiere costose di panno andante hanno ottima durata.

27.


Sei settembre
ore undici del mattino

Ora gli uccelli fanno il bagno
nei fiumi
sugli abeti
si sfregano i venti del nord
ti colpì il Turco
a Bizani.

Ora siedi e mi guardi
bevi caffé
stilli veleno
amore amore
il sole arrostisce
il grappolo
alle undici del mattino.

28.


Solimano il Magnifico
Costantino Paleologo

smettila di gridare
trafficante ladro di polli ruffiano

corde vocali
Andreas Ilìas Anthì
laringe d'animale laringe umana

Aghia Sofia orde barbariche
il fuoco greco
il Vecchio di Morea verme

A ogni mio passo inciampo
a sinistra belve del Borneo
a destra fiamme a Nagasaki
di fronte camini di Buchenwald
e alle spalle la cella di Makriyannis

sopra sotto a est a ovest
coltelli, fruste chiodate, orde
orde di santi
orde di diavoli
orde di santi
orde di generali
io sono un radicchio seminato nel cratere
addio Sole
addio luce
buona notte.

inviata da Gian Piero Testa - 15/5/2011 - 00:16


Note al testo.


1.


Turcolimano: uno dei porticcioli oggi turistici adiacenti a quello principale del Pireo.
Via Bucarest: via elegante del centro di Atene.
La "Generale": la Sicurezza Generale , sede della polizia di Stato, in via Bubulina.

23.


I versi in parentesi quadra non sono stati musicati.
Filothei, Haidari: quartieri della conurbazione Atene-Pireo.

27.


Bizani: vittoria (16-22 febbraio 1913) dei Greci sui Turchi nella prima guerra balcanica, che portò all'annessione al Regno di Grecia della città epirota di Gianina.

28.


Solimano il Magnifico: il famoso sultano il cui regno (1520-1566) coincise con l'acme dell'impero ottomano.

Costantino XI Paleologo: l'ultimo sovrano (1449 - 1453) dell' Impero Romano d'Oriente. Le sue tracce si perdono il 29 maggio 1453, giorno della caduta di Costantinopoli, quando probabilmente morì durante un disperato contrattacco contro gli assedianti già entrati in città.

Aghia Sofia: Santa Sofia, la grande chiesa cristiana di Costantinopoli, voluta da Giustiniano, poi moschea ottomana, e oggi monumento-museo del patrimonio universale protetto dall'Unesco.

Il Vecchio di Morea: così era soprannominato, non per l'età ma per la saggezza, l'eroe nazionale greco Thodoros Kolokotronis (1770 - 1843), figura fondamentale della guerra d'indipendenza cominciata nel 1821. Il suo nome è spesso affiancato a quello di Yannis Triandafillou "Makriyannis" (1794 - 1864), importante generale e scrittore dell'indipendenza greca. Entrambi assai popolari, ebbero difficili rapporti con la reggenza bavarese e subirono prigionie, processi e condanne capitali non eseguite.

Gian Piero Testa - 15/5/2011 - 00:19


"Originale politonico", diceva di nuovo [gpt]; e allora mi sono messo, arrivato al Sole e al Tempo, a ripolitonizzare tutto anche qui. Non è una semplice questione di aderenza testuale (del resto, anche sulla copertina dell'album -come si può vedere dall'immagine che ne ho messa- gli spiriti e gli accenti ci son tutti e al loro posto), e la cosa va molto più in profondo per un testo del genere. Lo dirò brutalmente, senza preamboli: mi sono immaginato un uomo, che può essere poeta o non esserlo, rinchiuso nel carcere di una dittatura feroce e in attesa di una probabile tortura, di una probabile morte. Tormentato dal caldo feroce, dalla solitudine, dalla paura (coloro che noi, belli spaparanzati, definiamo "eroi" hanno tutti provato la più cupa paura). Immagino quest'uomo che scrive; poesie o biglietti, scarabocchi senza senso o semplici parole a caso. Bene, se i canoni della sua lingua, o i canoni di allora (che sono canoni secolari) gli dicono di metterci spiriti e accenti, è giusto, è doveroso che anche noi ce li mettiamo. Così ha scritto un uomo in quelle condizioni, e niente (neanche le mutate convenzioni ortografiche) può e deve mutarlo. E', in definitiva, un atto di rispetto.

Intervenire sull'ortografia di un testo può sembrare un atto meccanico, per quanto complesso (e il sistema politonico greco classico è complesso); non è soltanto questo. E' un'operazione che costringe chi la compie a mettersi davanti al testo e a leggerlo, a percorrerlo parola per parola. Così, mentre si compie un'azione meccanica, al tempo stesso ci si confronta col testo poetico. Lo si fa, generalmente, a voce alta. Leggere poesia in silenzio non è bene. La propria voce suggerisce sensazioni e modalità. Ci sono cose apparentemente banali che, inserite nel contesto della produzione poetica, appaiono in una luce nuova. Ad esempio, una cosa che molto mi ha colpito è, in alcune parti, la presenza di oggetti comuni, di tutti i giorni, addirittura prodotti di largo consumo (la crema Nivea, il Nescafé...). George Stearns Eliot diceva di avere scandalizzato i benpensanti introducendo un oggetto qualsiasi, un cucchiaino da caffè, in una sua poesia seria; confessava poi di avere imparato questo procedimento da un poeta italiano, tale Dante Alighieri. Eliot non scriveva, però, chiuso in galera e minacciato di tortura e di morte. Il poeta incarcerato (Ελλάς Ελλήνων βασανισμένων!) pensa al Nescafé e a Peppino di Capri, e mi chiedo se il cantante italiano abbia mai saputo che il suo nome è presente in una cosa del genere. Dovendo illustrare un po' questo testo, sono ricorso a quegli oggetti; l'iconografia è figlia delle suggestioni. Gli oggetti, e i più comuni, sono assenze al pari delle persone, al pari dei tanti nomi propri presenti in questo componimento imprigionato, sporco, puzzolente di sudore, disperato, e grandissimo. E politonico non soltanto per gli accenti.

Riccardo Venturi - 9/5/2012 - 10:46


Con il tuo eroico "ripolitonizzare" i testi politonici (e praticamente lo sono tutti quelli precedenti la riforma ortografica introdotta mi pare verso la fine degli anni Settanta), mi fai sentire un po' trasandato e colpevole, perché spesso io da un lato ho il testo monotonico rubato comodamente in internet, ma anche, dall'altro, ho lo stesso sulla pagina di un libro, rigorosamente scritto come andava scritto. E non trascuro quasi mai di confrontarli e anche, se mi è possibile, di ascoltare con che parole siano stati poi eseguiti nella musica. Ma, come tu sai assai meglio di me, rivedere parola per parola un testo e apportare le correzioni è una faticaccia infame, per quanto aiuti a comprendere quelle che spesso sono autentiche poesie, e talora difficili poesie. Io uso il sistema di un "ingenioso" professore spagnolo, che ingegnosamente lo ha escogitato e generosamente messo a disposizione di tutti: si chiama Tecleador Griego, è facile da usare, ma mi costringerebbe, ogni volta, a copiare il testo che intendo postare. Troppa fatica, per me.
Ti ringrazio per la bellissima, intensa nota che hai scritto qui sopra, che coglie così a fondo il senso della poesia e i materiali e gli strumenti con cui è stata composta.

Gian Piero Testa - 9/5/2012 - 11:31


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org