Lingua   

Cittadini

La Talvera


Lingua: Italiano



[2003]

Album :Pòble Mon Pòble

fp-tal10


In attesa di reperire il testo originale ...

Versione italiana di Francesco Torello pubblicata sul numero di aprile della rivista : ALP
CITTADINI DELLA TERRA INTERA

Cittadini della terra intera
Ascoltate bene la mia canzone
sarà un racconto, un'epopea
un'allegra narrazione.
tra due mari viveva un popolo
che non era peggiore di altri, ma con una differenza:
s'indeboliva tra quelle frontiere
Nonostante i canti dei trovatori le preghiere dei buoni uomini catari
rimaneva sempre tormentato
nulla lo poteva rallegrare
non esisteva un altro paese così demoralizzato
Ed ecco che un giorno, al cambiar del vento
giunse un popolo straniero che disse loro:
"smettetela di tormentarvi!siamo arrivati per portarvi allegria"
Restarono per più di settecento anni
e cambiarono tutto da cima a fondo
uomini e dei, leggi e lingua
mai si era visto un paese così ordinato
Scelsero la tolleranza
di mescolaesi di meticciarsi:
allo stesso tempo scelsero la resistenza
non perdevano nulla nell'attesa
Cittadini, prestate fede alla mia canzone
perchè il messaggio è onesto e chiaro
si deve coltivare il meticcio
per rinvigorire la propria cultura.

inviata da adriana - 2/4/2011 - 15:01



Lingua: Italiano (Piemontese)

Versione piemontese pubblicata sul numero di aprile della rivista :ALP
CITADIN DËL MOND ANTER


Citadin dël mond anter
Scoté la mia canson
A sarà na cunta,n'epopéa,
na stòria ch'a fa piasì quintela:
trames a dui mar a-i era dla gent
ch'a j'ero pa pesc che jèt,
ma për na ròba a j'ero diferent:
as andebolissìo stand serà tra coj dui confin
Bele con ij cant dij trovador e j'orassion dij bonòm càtar,
a restavo semper nech e tormentà.
A-i era gnente ch'a podìa tireje su 'd moral,
a.i era gnun pòst parej dësmalcorà
Ma và là che 'n bel di,col'cambiè dël vent,
a l'è rivaje dla gent forostera
ch'a l'ha dije parej:"Piantela li 'd tribulè!
O soma rivà chi nujèt a mneve l'alegria!"
A son restà bele-là për ancorpì che scent agn
E a l’ha cambìa tut d’an sciuma a ‘nfond:
òmme e sant, règole e lengua,
a l’avo mai s-cerà un pòst parèj ben ardrissà.
A l’avo scernù ‘d vive e lassè vive,
‘d mes-cesse e mariesse tra gent diferente
E al midem temp a l’avo scernù la resistenza.
Speciand a-i përdìo gnente
Citadin, deje dament a la mia canson
Përchè che’l so message a l’è onest e ciàr
A venta confrontasse cin ij forestè
Për fé arbuté la nòssa coltura

2/4/2011 - 15:24


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org