Lingua   

Mareng

Piero Milanese


Lingua: Italiano (Piemontese mandrogno (Alessandria))


Ti può interessare anche...

La Benedicta
(Piero Milanese)
La balada ‘d Pipu Majen
(Piero Milanese)
I coscritti di Bonaparte
(anonimo)


E' la storia della battaglia di Marengo vista dalla parte dei contadini locali. E' scritta in dialetto alessandrino come "La balada 'd Pipu Majen" da voi pubblicata.

Battaglia marengo
Ombri lónghi smarvaji d' istà luntòn-ni
udur del tèri russi dla Fraschëta
campanén di paiz, parlè 'd campòn-ni
e tònta gént atur a na carëta

'd suldà franséis col roui 'ndrénta al foss
" Dum-ji 'na mòn .. pussuma tücc ansèma
.. atension ch' im rabatu el cassi adoss
u j' è niente da fè ..l' è in bel prublèma .. "

" Dai Filicén .. va a piè na cubia 'd bó
sént cul trunà da Burmia, i són canón
isti franseis j' òn prèssia, a crëd che ancó
ui sarà muvimént ans u stradón ".

" Merci monsieurs ! " pasònda in uficial
l' à salütà i paisòn vist la carëta
turna an carzà, sprunònda u só caval
vers el cuncert di spar da la Spinëta.

Müsichi 'd s-ciop, canón cme 'na grancasa
baraondi, burdèl semper pü fort
el campagni i dventavu la gran piasa
d' ina fèsta ansensaja, Féra dla Mort.

Tücc i mument is massu ans ista tèra
l' è cmensipiaja mal anche 'st' istà
e 'si suldà chi avnivu da Vughera
j' andavu 'd cursa, tücc, vers la sità.

Squadrón 'd franseis ans u stradón 'd Turtón-na
fanterea, granatié, tir ad canón
müsica e cunfisión, bònda ch' la són-na
forse lé 'n mez ui pasa Napulión.

Tempesta dla bataja ch' as auzén-na
" A n' ò za vist in mügg chi son scapà .. "
" Doni curì ant el stali, ant la cantén-na
scundiv bén, lasè nénta andè el maznà !"

Na nìula 'd cavalié surtì d' an sogn
spuntà d' an mez al piònti cme di lù
rivavu da Pussò vers el Mandrogn
trombi, créi e sbarlüz, sciabuli au sù

ondi 'd cava, tremè del cór dla tèra
puvi russa pü òuta di murón
sunè 'd lami, bestémmji, urur dla guèra
schitlè 'd sòng, s-ciümè 'd rabia, distrusión.

Poi in silensiu 'd mort ch' u cuata tütt
ammà chic crei 'd curnagg, lamént 'd ferì
i còmp, i foss, el piònti dventaj brütt
anche u sù, culur sòng, che 'l va a murì.

Riva la nocc ch' la sconda, u ciut ch' u cònta
socul 'd cavà chi curu, ültim drapèl
u general massà a la Vigna Sònta
i disu ch' l' era giuvu, ch' l' era bèl.

Viti da cuntadén, na sort maligna
dani 'd suldà chi avnivu da luntòn
j' òn rancà vea i firagn, spianà la vigna
'st' autënn um bsó gavèj .. e semnè el gròn.

inviata da Piero Milanese - 25/3/2011 - 23:24



Lingua: Italiano

Versione italiana di Piero Milanese
MARENGO

Ombre lunghe sbiadite di estati lontane
odore delle terre rosse della Fraschetta
campanili di paesi, parlare di campane
e tanta gente attorno a una carretta

di soldati francesi con le ruote nel fosso
" Diamogli una mano, spingiamo tutti insieme
attenzione che ci cadono le casse addosso
non c' è niente da fare , è un bel problema.. "

Dai Felice .. va a prendere una coppia di buoi
senti quelle tuonate da Bormida, sono cannoni
questi francesi hanno fretta, credo che oggi
ci sarà movimento sullo stradone".

" Grazie signori " passando un ufficiale
ha ringraziato i paesani vista la carretta
tornata in carreggiata, spronando il cavallo
verso il concerto di spari da Spinetta.

Musiche di fucili, cannoni come grancassa
baraonda, frastuono sempre più forte
le campagne diventavano una gran piazza
per una festa dissennata, Fiera della Morte.

Tutti i momenti si ammazzano su questa terra
è cominciata male anche 'st' estate
e questi soldati che arrivavano da Voghera
andavano di corsa, tutti, verso la città.

Squadroni di francesi sullo stradone di Tortona
fanteria, granatieri, tiri di cannone
musica e confusione, banda che suona
forse lì in mezzo passa Napoleone.

Tempesta della battaglia che si avvicina
" Ne ho già visti un mucchio che sono scappati "
"Donne correte nelle stalle, nella cantina
nascondetevi bene, non lasciate andare i bambini !"

Una nuvola di cavalieri usciti da un sogno
spuntati dalla boscaglia come lupi
arrivavano da Pozzolo verso Mandrogne
trombe, grida e luccichii, sciabole al sole

onde di cavalli, tremare del cuore della terra
polvere rossa più alta dei gelsi
suono di lame, bestemmie, orrori della guerra
schizzare di sangue, schiumare di rabbia, distruzione.

Poi un silenzio di morte che copre tutto
solo qualche grido di cornacchie, lamento di feriti
i fossi, i campi, le piante diventati brutti
anche il sole, color sangue, che va a morire.

Arriva la notte che nasconde, il gufo che canta
zoccoli di cavalli che corrono, ultimi drappelli,
il generale ucciso alla Vigna Santa
dicono che era giovane, che era bello.

Vita da contadini, una sorte maligna
danni di soldati che venivano da lontano
hanno strappato i filari, spianato la vigna
quest' autunno bisogna toglierli .. e seminare il grano.

25/3/2011 - 23:25



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org