Lingua   

Il fiume dei profumi

Mia Martini
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Nel nome della bella
(Massimiliano Larocca)
Mujer de Vietnam
(Alí Primera)
Madre madre
(Italo Marino)


[1992]
Dall’album “Lacrime”.
Scritta da Biagio Antonacci.

Huế, 1968. Il ponte sul Fiume dei Profumi dopo i bombardamenti
Huế, 1968. Il ponte sul Fiume dei Profumi dopo i bombardamenti



Il “Fiume dei Profumi”, in vietnamita Sông Hương o Hương Giang, è quello che attraversa Huế, al centro del Vietnam, città che durante la guerra era sul confine tra la repubblica democratica del nord e lo Stato collaborazionista del sud.
La battaglia di Huế, combattuta durante l’offensiva del Tết del 1968, fu una delle più cruente e sanguinose dell’intero conflitto nel sud est asiatico e durò tutto il mese di febbraio: vi morirono quasi 700 soldati statunitensi e loro alleati, 2.500 gli uccisi fra i vietcong. Alla fine della campagna del Tết, svoltasi a più riprese nel corso dei primi 8 mesi del 1968, i morti tra i marines e i loro alleati furono più di 9.000, forse più di 45.000 fra le “formiche” combattenti del nord… I civili uccisi – ovviamente tutti vietnamiti - vengono stimati in 14.000…

Tutto questo non emerge dalla canzone, ma il segreto di questo testo credo sia proprio nel contrasto tra ciò che sappiamo che successe, l’Orrore di conradiana/coppoliana memoria, e la calma e malinconica rassegnazione del soldato statunitense che forse morirà sulle rive di un fiume dal nome splendido, con in bocca il sapore della sua donna e la vana speranza di riportarla a ballare come avevano fatto innamorandosi… La guerra è quasi tagliata fuori dalla scena, potenza dell’amore (perché: “E’ sempre l’ammore cche vince e il male cche perde!”).
Amore
ti scrivo
da molto lontano
ma non so dirti il giorno
e nemmeno l'ora

Amore
ti mando
un bacio grosso e vero
tanto che sento sulle labbra
la tua saliva.

Qui fa caldo e la notte non ha fine
e le carezze sono bombe
che non mi fanno dormire.

Amore
tra poco
cambiamo postazione
ci incamminiamo verso il fiume dei profumi
dove i soldati dalla riva scrivono poesie
e ritrovano i sapori familiari.

Amore
fosse l'ultima cosa
appena torno ti porto in Europa,
questa guerra finirà.
Amore
se mi pensi ancora
se fai fatica ricorda quel ballo italiano
e vedrai che non siamo lontani…

Come ti chiami?
Ci siamo gia incontrati noi…
Classica frase per
incominciare a ballare.
Ma chiamami come vuoi tu
e fammi ballare così…. così….

Amore
mi scrivi
dal fiume dei profumi
dove oltre alle foglie galleggiano i ricordi
Le cose
che a volte
sembravano banali
vissute da lontano diventano le più grandi
E questa guerra in fondo a noi,
a noi non appartiene
arriverà la pace e ti riporterà.

Amore
fosse l'ultima cosa
appena torno ti porto in Europa.
Questa guerra finirà.
Amore
se mi pensi ancora
se fai fatica ricorda quel ballo italiano
e vedrai che non siamo lontani, lontani…

Ma come ti chiami?....

inviata da Bartleby - 22/2/2011 - 16:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org