Lingua   

Beyrouth (Il cielo di Beirut)

Marie Abou Khaled
Lingue: Italiano, Arabo



[2003]
In concorso alla 46ma edizione dello “Zecchino d'Oro”, Bologna dal 18 al 22 novembre 2003.
Testo originale di F. Aboudib
Testo italiano di F. Freyrie
Musica di I. Issahakian e M. Fadl

Marie Abou Khaled, nel 2003
Marie Abou Khaled, nel 2003


Beyrouth, nel 2006
Beyrouth, nel 2006
Il mio carillon è un minareto
E la mia sveglia è una campana
E la mia scuola ha una collana
Di fiori viola e di lillà

E giro con tre lingue in tasca
Per dire a tutti "libertà"
E va, il vento va,
La pace tingerà
Di sogni tutto il blu
Del cielo di Beirut.

La mia domenica è una piazza
Piena di sole e di bambini
Per far fuggire i pensierini
Ognuno il suo gelato avrà

Il mio ha un sapore un po' speciale
Ha il gusto della libertà
E va, il vento va,
La pace tingerà
Di sogni tutto il blu
Del cielo di Beirut.

Io sono solo una bambina
Ma nel mio cuore ho una speranza
Che tutti i ladri dell'infanzia
Per sempre fuggano da qua
E giro con tre lingue in tasca
Per dir: "Buongiorno" in libertà.
Fi Rihlati l mouthira (Nella mia gita avventurosa)
Fi 'awdati l kabira (Nella mia grande camera)
Bayroutou zawraki (Beirut la mia barca)
Bayroutou marfaï (Beirut il mio porto)

E va, il vento va,
La pace tingerà
Di sogni tutto il blu
Del cielo di Beirut

inviata da Bartleby - 13/1/2011 - 17:34


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org