Lingua   

Boat people

La Tresca
Lingua: Italiano



2001
Da "me sà mmianno da veda"
me sà mmianno da veda
Intro tratto dall'album live "Lasciare libero il passo"
Questo brano è un po' la storia di una transumanza umana il popolo delle navi, boat people, che come gli animali lasciano le loro terre aride e secche per cercarne di più verdi altrove, questa gente lascia le loro terre per cercare fortuna sulle nostre coste dove probabilmente poi non ce n'è.
Anni fa abbiamo pensato di dedicare a questo popolo un brano che si intitola per l'appunto Boat People
(DonQuijote82)
Inermi in mezzo al mare,
il Boat people ospite
sulla carretta della disperazione
non osano dire nulla
le loro parole
sono scolpite sul volto impietrito
solo il pianto dei bambini
dà un alito alla vita
poi il buio l'ignoto il nulla l'oblio

non vi lasceremo mai morire
la voce di Dio fattasi uomo
il canto della vita
che si è fatto poesia
Boat People non sei solo
ci siamo noi non diperare mai

Nell'acqua limpida che scorre
la gioia che riempie
il sorriso che divampa
la luce si accende
la vita ritorna
Boat People non sei solo
ci siamo noi non diperare mai

Dì al nostro padre
noi gli esecutori del bene
respingiamo gli avvoltoi
gli sfruttatori
rimbocchiamoci le maniche
che è arrivata l'alba
del nuovo millennio,
è qui con noi

siamo tutti uguali
siamo un unico mondo
siamo tutti uguali
siamo la nuova umanità

non vi lasceremo mai morire
la voce di Dio fattasi uomo
il canto della vita
che si è fatto poesia
Boat People non sei solo
ci siamo noi non diperare mai

Nell'acqua limpida che scorre
la gioia che riempie
il sorriso che divampa
la luce si accende
la vita ritorna
Boat People non sei solo
ci siamo noi non diperare mai

inviata da DonQuijote82 - 6/12/2010 - 15:11


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org