Lingua   

El dio del vilan

anonimo


Lingua: Italiano (Lombardo)


Ti può interessare anche...

Mé, Pék e Barba: Filastrocca
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Rosastela
(Gruppo Pane e Guerra)


[192?]

Sull'aria di "Allarmi siam fascisti".
Testo trovato su Il Deposito
Fonte: Giuseppe Vettori, “Il folk italiano. Canti e ballate popolari”, 1975
Strofe raccolte negli anni 60 a Rovigo e in provincia di Como.
El dio del vilan l'è la carriola
el so sacro santo è la badila
tentando per i maùn la roda prila
e tera e sol che ghe seca la gola

Come l'è stà, come l'è 'ndà?
l'è stà Lenìn ch'al m'ha abandonà
e mi par dir la me rason
ho trovà i fascisti col baston

E anche se la man de rabia trema
lu tuto el giorno se rompe la sciena
e quando ch'el va a cà a n'ha gnent da sena
el se senta int' on canton e po' 'l biastema

Come l'è stà, come l'è 'ndà?
l'è stà Lenìn ch'al m'ha abandonà
e mi par dir la me rason
ho trovà i fascisti col baston

La vita del vilàn l'è la carriola
alla sera quando va a casa senza sena
se trova nel cantòn de la cüsina
e lui si mise a bestemmiare.

Cosa è successo cosa l'è nato
l'è stà Lenin che mi ha abbandonato
e con quest'affar de sta questiòn
salta fora i fascista e col bastòn
patapím patapòm.

Benito Benito
te m'è ghe ciapà pulito
te me gh'è cresü l'affito
te me gh'è calà la paga

Mentre "Bandiera rossa" si cantava
e trenta lire al giorno si ciapava
e adesso che si canta "Giovinesa"
si crepa dalla fame e da debolessa

E avanti popolo e alla riscossa
bandiera rossa trionferà

inviata da The Lone Ranger - 29/7/2010 - 08:48



Lingua: Italiano (Novarese)

[192?]

Sempre sull’aria di "All'armi siam fascisti", l’ultima parte di “El dio del vilan” come raccolta da Cesare Bemani nel novarese.
Fonte: Anton Virgilio Savona e Michele Straniero, “Canti della Resistenza italiana”, 1985.
Testo trovato su La Musica de L’Altra Italia
Nel cd intitolato “Duce, il vestito mi si scuce“, supporto integrativo all'opera “Avanti popolo”, a cura dell'Istituto Ernesto De Martino

cd cover
STROFETTE SATIRICHE (BENITO)

Benito te m'è calà la paga
te m'è cresü l'afito.
Quando “Bandiera rossa” se cantava
cinquanta lire al giorno si pigliava
e adesso che se canta “Giovinezza”
si casca in terra dalla debolezza.
Come l'è sta, come sarà
l'è sta Benito che n'à fregà
e in fin de la question
l'è sta Benito col baston.

inviata da The Lone Ranger - 29/7/2010 - 08:49



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org