Lingua   

Luang Prabang

Dave Van Ronk


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

L'Italia a nudo
(ZamboNoise)
Hallelujah, I'm a Bum
(Barbara Dane)
White Rabbit
(Jefferson Airplane)


Words by Dave Van Ronk
Testo di Dave Van Ronk
Music / Musica: Byker Hill (Traditional English folksong / Canzone popolare inglese)
Album: Songs That Made America Famous [Patrick Sky - 1974]
Going Back to Brooklyn [Dave Van Ronk - 1994]

“Luang Prabang” fu scritta da Dave Van Ronk nei primi anni 70. Fu incisa per primo da Patrick Sky nel suo disco “Songs That Made America Famous”, pubblicato nel 1974. Van Ronk la incise nel suo “Going Back To Brooklyn” del 1985.

Going Back To Brooklyn


Luang Prabang si trova nel Laos e fu l’epicentro della cosiddetta “guerra segreta”, il teatro delle operazioni sotto copertura realizzate prima dai francesi e poi dagli americani durante la guerra d’Indocina, la guerra del Vietnam.
Mi sembra di ricordare che Luang Prabang sia proprio il posto da dove parte il capitano Willard (Martin Sheen) per risalire il Mekong alla ricerca del colonnello Kurtz (Marlo Brando) in “Apocalypse Now” di Francis Ford Coppola (Bernart Bartleby).

Luang Prabang is a song written by Dave Van Ronk, originally recorded by Patrick Sky for his album Songs That Made America Famous (finally released in 1974). Van Ronk recorded a version himself for Going Back To Brooklyn in 1994. It is named for the city Luang Prabang in Laos It is one of the few songs Van Ronk wrote himself. Patrick Sky discussed at a concert how Van Ronk was supposed to appear on the album but for some reason did not. At this concert in 1973, Sky and Van Ronk performed the song together.

The song is based on the tune "Byker Hill", but with lyrics about the Vietnam war, and a refrain at the end of each verse of the song "now I'm a fuckin' hero". en.wikipedia


songsthatmade
When I got back from Luang Prabang
I didn't have a thing where my balls used to hang
But I got a wooden medal and a fine harangue [1]
And now I'm a fuckin' hero

Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me
Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me

And now the boys all envy me
I fought for Christian democracy
With nothin' but air where my balls used to be
Now I'm a fuckin' hero

Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me
Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me

And one and twenty cannon thunder
Into the bloody wild blue yonder
For a patriotic ball-less wonder
Now I'm a fuckin' hero

Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me
Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me

In Luang Prabang there is a spot
Where the corpses of your brothers rot
And every corpse is a patriot
And every corpse is a hero

Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me
Mourn your dead, land of the free
If you want to be a hero, follow me
[1] A large number of websites say here “hoorang”. This means that an equal number of Americans -or, at least, of English-speaking people- doesn't know the word “harangue”, or doesn't know how to spell it correctly. Btw, “hoorang” is Australian slang for “loose cannon”, and also the name of a New Zealand race horse. [RV]

15/1/2006 - 12:07



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
23 ottobre 2016, 10:26

Luang Prabang.
Luang Prabang.
LUANG PRABANG

Quando sono tornato da Luang Prabang
Non avevo più nulla da dove mi pendessero i coglioni
Ma ci ho avuto una medaglia di legno [1] e un bel discorso [2]
E ora sono un bell'eroe del cazzo

Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi [3]
Seguimi se vuoi diventare un eroe
Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe

E ora tutti i ragazzi m'invidiano
Ho combattuto per la democrazia cristiana [4]
E ora non ci ho che aria dove prima stavano i coglioni
E sono un bell'eroe del cazzo

Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe
Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe

E rombano ventuno cannoni [5]
Puntati a quel cielo di merda lassù
Per un meraviglioso patriota senza più i coglioni
E ora sono un bell'eroe del cazzo

Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe
Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe

A Luang Prabang c'è un posto
Dove marciscono i cadaveri dei tuoi fratelli
E ogni cadavere è un patriota
E ogni cadavere è un eroe

Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe
Piangi i tuoi morti, Terra dei Liberi
Seguimi se vuoi diventare un eroe.
[1] Vale a dire una bara.

[2] “Harangue” significa genericamente “discorso solenne, ufficiale”; si tratta chiaramente qui del discorso pronunciato dinanzi al feretro dell'eroe caduto.

[3] “Terra dei Liberi” (Land of the Free): espressione ripresa dall'inno americano, lo Star-Spangled Banner. Indica, naturalmente, gli Stati Uniti d'America.

[4] Curiosamente, il testo originale recita esattamente “Christian Democracy”. Certo, nel tradurre in italiano si poteva agevolmente evitare un certo e simpaticissimo doppio senso; ho però deciso di non evitarlo affatto.

[5] La batteria di cannoni che sparano a salve al ritorno della bara di un eroe è compostra tradizionalmente da ventuno pezzi.

23/10/2016 - 10:26



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org