Lingua   

Recordarse dei nostri bisnoni

Valmor Marasca


Lingua: Italiano (Talian)


Ti può interessare anche...

Quando Bepi l'è vegnesto
(Domenica Casarotto)
Elegia giudeo-italiana [La ienti de Sïòn]
(anonimo)
La planta 14
(Víctor Manuel)


[1963]
Faze più de cento ani,
che i taliani qua i zé rivai;
Zé rivati de bastimento,
i gà sofresto pezo que animai;
I gà trovato puro mato,
sensa querte i dormiva in tera;
I gà lutà tanto tanto,
quasi come èser ne la guera.

Bisogna recordarse de i nostri bisnoni
che grasie a lori poi noi semo qua!

De manara i taieva le piante,
per piantare formento e milio;
Quelo zera per el suo sustento,
pena rivati qua nte sto paise;
I gà piantà tanti vignai,
i gà inpienesto le bote de vin;
L' era Italiani che ghe fea veder,
la so forsa a tuto l Brasil.

Bisogna recordarse de i nostri bisnoni
che grasie a lori poi noi semo qua!

La domenica i ndeva a mesa,
fioi e fiole e i sui genitori;
I gaveva tanta fede a Dio,
che zé pupà anca de tuti noi;
Se tuta la gente del mondo,
fose stata come i nostri bisnoni,
deso el mondo el saria ben nantro,
sensa guera e meno povertà!

Bisogna recordarse de i nostri bisnoni
che grasie a lori poi noi semo qua!

Quando l'era giorni de festa,
se reuniva diverse fameie;
I canteva, i giugheva a le boce,
giugar carte i pasea note intiere;
Ben contenti i giugheva a la mora,
e i beveva anca tanto vin;
Quando che ghe bateva la fame,
i magnea polenta e scodeghin.

Bisogna recordarse de i nostri bisnoni
che grasie a lori poi noi semo qua!

Vardé adeso, me cari frateli,
che cità e che bele colonie;
Tante strade e che grande industrie,
che i ga fato per noi ver più sorte;
Noi qua adeso gavemo de tuto,
ascolté cosa che mi ve digo:
Recordeve de i nostri Italiani,
che adeso i è là ntel paradizo!

Bisogna recordarse de i nostri bisnoni
che grasie a lori poi noi semo qua!

inviata da giorgio - 3/7/2010 - 18:12




Lingua: Italiano

Versione italiana
RICORDARSI DEI NOSTRI BISNONNI
Fanno più di cento anni,
che gli Italiani qua sono arrivati;
Sono arrivati di bastimento,
hanno sofferto peggio degli animali;
Hanno trovato pura boscaglia,
senza coperte dormivano in terra;
Hanno lottato tanto tanto,
quasi come essere in guerra.

Bisogna ricordarsi dei nostri bisnonni
che grazie a loro oggi noi siamo qua!

Di mattina tagliavano le piante,
per piantare frumento e miglio;
Quello era per il loro sostenimento,
appena arrivati qua in questo paese;
Hanno piantato tanti vigneti,
hanno riempito le botti di vino;
Erano Italiani che facevano vedere,
la loro forza a tutto il Brasile.

Bisogna ricordarsi dei nostri bisnonni
che grazie a loro oggi noi siamo qua!

Alla domenica andavano alla messa,
figli e figlie e i loro genitori;
Avevano tanta fede in Dio
che ha avuto cura anche di tutti noi;
Se tutta la gente del mondo,
fosse stata come i nostri bisnonni,
adesso il mondo sarebbe ben altro,
senza guerra e meno povertà!

Bisogna ricordarsi dei nostri bisnonni
che grazie a loro oggi noi siamo qua!

Quando erano i giorni di festa,
si riunivano diverse famiglie;
Cantavano, giocavano a bocce,
giocando a carte passavano notti intere;
Ben contenti giocavano alla morra,
e bevevano anche tanto vino;
Quando gli batteva la fame,
mangiavano polenta e cotechino.

Bisogna ricordarsi dei nostri bisnonni
che grazie a loro oggi noi siamo qua!

Guardate adesso, miei cari fratelli,
che città e che belle colonie;
Tante strade e che grandi industrie,
che hanno fatto per noi avere più sorte;
Noi qua adesso abbiamo di tutto,
ascoltate cosa vi dico:
Ricordatevi dei nostri italiani,
che adesso sono là in Paradiso!

Bisogna ricordarsi dei nostri bisnonni
che grazie a loro oggi noi siamo qua!

inviata da giorgio - 3/7/2010 - 18:17




Lingua: Portoghese

Versão portuguesa
LEMBRAR-SE DOS NOSSOS BISAVÔS

Fazem mais de cem anos,
que os Italianos aqui chegaram;
Chegaram de navio,
sofreram pior do que animais;
Encontraram puro mato,
sem cobertores dormiam em terra;
Lutaram tanto tanto,
quase como ser na guerra.

É preciso lembrar-se dos nossos bisavôs
pois graças a eles hoje nos estamos aqui!

De manha cortavam as plantas,
para plantar trigo e milho;
Aquele era para seu sustento,
apenas chegados aqui neste país;
Plantaram muitos vinhedos,
encheram os tonéis de vinho;
Eram Italianos que faziam ver,
sua força a todo o Brasil.

É preciso lembrar-se dos nossos bisavôs
pois graças a eles hoje nos estamos aqui!

No domingo iam à missa,
filhos e filhas e seus pais;
Haviam tanta fé em Deus
que cuidou também de todos nós;
Se todas as pessoas do mundo,
tivessem sido como os nossos bisavôs,
agora o mundo seria bem outro,
sem guerra e menos pobreza!

É preciso lembrar-se dos nossos bisavôs
pois graças a eles hoje nos estamos aqui!

Quando eram os dias de festa,
reuniam-se diversas famílias;
Cantavam, jogavam boliche,
jogando baralho passavam noites inteiras;
Ben contentos jogavam a "morra",
e bebiam também muito vinho;
Quando batia a fome,
comiam polenta e salpicão.

É preciso lembrar-se dos nossos bisavôs
pois graças a eles hoje nos estamos aqui!

Olhem agora, meus queridos irmãos,
que cidades e que belas colônias;
Tantas estradas e que grandes industrias,
que fizeram para nos termos mais sorte;
Nos agora temos de tudo,
escutem o que vou dizer a vocês:
Lembrem-se dos nossos Italianos,
que agora estão lá no Paraíso!

É preciso lembrar-se dos nossos bisavôs
pois graças a eles hoje nos estamos aqui!

inviata da giorgio - 3/7/2010 - 18:29



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org