Lingua   

Lettera a Sacco [P'o figlio suoio]

Alfredo Bascetta
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Histoire de l'ouvrier
(Daniele Sepe)
‘A verità
(Rocco Hunt)
Sacco e Vanzetti
(Vampo - Pensiero)


[27 maggio 1927]
[May 27, 1927]
Lyrics and Music: Ambro's-Ferraro
Testo e musica: Ambro's- Ferraro

Alfredo Bascetta (1889-1982)
Alfredo Bascetta (1889-1982)


"Lettera a Sacco" (sottotitolato "P'o figlio suoio") è un brano realizzato dal duo Ambro's-Ferraro il 27 maggio 1927. E' inciso da Alfredo Bascetta, il quale decide di affrontare a testa alta la polizia americana, con un comizio intitolato "L'America dei vinti". "Lettera a Sacco" è eseguita da Bascetta, per la prima volta, durante il comizio.
Il brano narra dell'incontro del padre di Nicola Sacco con suo figlio nel carcere di Charlestown. Durante quest'incontro c'è la richiesta di Sacco di raccontare alla sua figlioletta, un domani, che il papà non ha mai ucciso nessuno e che perdonerà chi lo ucciderà. Poi, uno straziante abbraccio di pochi minuti con il genitore che lascia il figlio con la frase "Cu tutt"o core mio, te voglio bbene... addio!".

Anche questa composizione, come sopra, non è mai stata inserita nel fascicolo piedigrottesco del 1927 edito a New York. Anche questo disco, considerato sovversivo dalla polizia statunitense, è stato sequestrato e distrutto.
Mio caru figlio doppo 7 anne mo te l'aggio ditto
tu stive addulurato e triste
tenive l'uocchie cunsumate e chiante
Me visto me parlato
Cchiù cunfurtato affruntarraggio a morte

Ninetta a sora toia t'arracumanna
Che piccerelle e nun capisce niente
Ma quanno se fatta grossa
Dincello papà nuoste e n'annucente

Figlio carnale sette anne sempe a vuie aggio penzate
preganno e v'abbraccià ncopp'a
E mo chistu volo se spezzate
Dimostra chi è nucente, tu me more

inviata da Riccardo Venturi - 6/1/2006 - 14:04



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org