Lingua   

The Guns of Brixton

The Clash


Lingua: Inglese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Clampdown
(The Clash)
So' Rugantino
(Radici nel Cemento)
Comunicato n°38
(Banda Bassotti)


[1979]
Lyrics & Music by Paul Simenon
Album: London Calling
London Calling




The song has a strong reggae influence, reflecting the culture of the area, with a knowing nod to the classic reggae gangster film, "The Harder They Come". It was written and sung by bassist Paul Simonon who grew up in Brixton, south London. It pre-dates the race riots that took place in the 1980s in Brixton, but the lyrics depict the feelings of discontent that were building due to heavy-handedness of the police that led to the riots, the recession and other problems at that time...

Il brano è stato oggetto di molte cover da parte di numerosi gruppi nel corso degli anni, tra cui gli Arcade Fire, i Red Hot Chili Peppers, Unwritten Law, i Dropkick Murphys, i Rancid, Jeff Klein, i Bandits, i Nouvelle Vague, i Calexico, gli Optimus Rhyme, i My Red Hot Nightmare, la punk band tedesca dei Die Toten Hosen, il gruppo argentino dei Los Fabulosos Cadillacs, i Libertines, e il cantautore Enrico Ruggeri.
When they kick at your front door
How you gonna come?
With your hands on your head
Or on the trigger of your gun

When the law break in
How you gonna go?
Shot down on the pavement
Or waiting on death row

You can crush us
You can bruise us
But you'll have to answer to
Oh, the guns of Brixton

The money feels good
And your life you like it well
But surely your time will come
As in heaven, as in hell

You see, he feels like Ivan
Born under the Brixton sun
His game is called survivin'
At the end of the harder they come

You know it means no mercy
They caught him with a gun
No need for the Black Maria
Goodbye to the Brixton sun

You can crush us
You can bruise us
Yes, even shoot us
But oh-the guns of Brixton

When they kick at your front door
How you gonna come?
With your hands on your head
Or on the trigger of your gun

You can crush us
You can bruise us
Yes, even shoot us
But oh-the guns of Brixton

Shot down on the pavement
Waiting in death row
His game is called survivin'
As in Heaven as in Hell

You can crush us
You can bruise us
But you'll have to answer to
Oh, the guns of Brixton..

inviata da giorgio - 15/6/2010 - 08:24




Lingua: Italiano

Versione italiana da RadioClash
LE PISTOLE DI BRIXTON

Quando prenderanno a calci la tua porta
Come conti di uscirne?
Con le mani in alto
O sul grilletto della pistola?

Quando irromperà la legge
Che fine farai?
Steso morto sul pavimento
O in attesa nel braccio della morte?

Potete schiacciarci
Potete pestarci
Ma dovrete rispondere
Alle pistole di Brixton

Il denaro fa un bell'effetto
E sei soddisfatto della vita che fai
Ma senz'altro verrà la tua ora
Tanto in paradiso quanto all'inferno

Vedi lui si sente come Ivan
Nato al sole di Brixton
Il suo gioco si chiama sopravvivenza
Alla fine di "They Harder They Come"

Sapete che significa "nessuna pietà"
L'han fatto secco con un fucile
Non c'è bisogno del furgone cellulare
Addio al sole di Brixton

Potete schiacciarci
Potete pestarci
Ma dovrete rispondere
Alle pistole di Brixton

Quando prenderanno a calci la tua porta
Come conti di uscirne?
Con le mani in alto
O sul grilletto della pistola?

Potete schiacciarci
Potete pestarci
Si, anche spararci
Ma oh… le pistole di Brixton

Steso morto sul pavimento
O in attesa nel braccio della morte
Il suo gioco era la sopravvivenza
Tanto in paradiso quanto all'inferno

Potete schiacciarci
Potete pestarci
Ma dovrete rispondere
Alle pistole di Brixton

15/6/2010 - 22:25





Versione italiana trascritta dal disco della Banda Bassotti Check Point Kreuzberg, Live At The SO36, Berlin (2010) con la collaborazione di Rude

Yaeh, yeah Berlin City...
the guns of Roma,
the guns of Berlin,
the guns of Brixton
donde estamos Berlin?

Quando la polizia bussa alla tua porta
dimmi come ti senti?
con le mani sulla testa,
o la pistola contro i denti
quando arriva la legge
Rude poi meglio si fugge
e ti dicono in questura
esci morto

You can crush us
You can bruise us
or even shoot us
Oh, the guns of Brixton

Il mondo è una cosa strana
conta solo chi ha la grana
per un po' di marjuana
addio al sole di Roma
ma regine e presidenti
ministri e maraja
pagherete tutto,
spero non nell'aldilà

You can crush us
You can bruise us
or even shoot us
Oh, the guns of Brixton
la banda suena
Oh, the guns of Brixton
Oh, the guns of Brixton

inviata da DonQuijote82 - 17/8/2011 - 14:05




Lingua: Albanese

Versione albanese da lyricstranslate.com
Pushket e Brinkstonit

Kur derën te ta shkelmojne
Si mendon te dalesh?
Me duart mbi krye
Apo me gishtin ne kembez?

Kur ligjin e shkel
Si do perfundosh?
Shtrirë vdekur ne dysheme
A ne qeli te vdekjes do qendrosh?

Ju mund të na shtypni
Ju mund të na rrihni
Por keni per te dhene llogari tek
Oh Pushket e Brinkstonit

Paratë bejne te ndihesh mirë
Dhe jeten e con rehat
Por me siguri koha jote do vij
Si në parajsë si ne ferr

Shihni ,ai ndjehet si Ivani
Lindur nën diellin e Brixtonit
Loja e tij quhet mbijetesë
Në fund kur"Te fortet do vijne"

E di qe ata s'kane mëshirë"
E shtrine perdhe me pushke
S'duhet furgoni Black Maria
Lamtumirë diellit te Brixtonit

Ju mund të na shtypni
Ju mund të na rrihni
Por keni per te dhene llogari tek
Oh-Pushket e Brinkstonit

Kur derën te ta shkelmojne
Si mendonte dalesh?
Me duart mbi krye
Apo me gishtin ne kembez?

Ju mund të na shtypni
Mund të na rrihni
Po, edhe te na shtihni
Por oh...Rovolet e brixtonit

Shtrire vdekur ne dysheme
Në qeline e vdekjes
Loja e tij qe mbijetesa
Si ne parajse si ne ferr

Ju mund të na shtypni
Ju mund të na rrihn
Por do jepni llogari..
Oh-Pushket e Brinkstonit
Oh-Pushket e Brinkstonit
Oh-Pushket e Brinkstonit
Oh-Pushket e Brinkstonit
Oh-Pushket e Brinkstonit

inviata da dq82 - 21/10/2015 - 15:01




Lingua: Francese

Versione francese da lyricstranslate.com
Les Flingues De Brixton

Quand ils défonceront ta porte d'entrée à coups de pied,
Comment vas-tu venir ?
Les mains sur la tête
Ou sur la gâchette de ton flingue ?

Quand les forces de loi feront irruption chez toi,
Comment vas-tu partir ?
Descendu à coups de flingue sur le pavé,
Ou en attendant en rang la mort ?

Vous pouvez nous broyer,
Vous pouvez nous nous meurtrir,
Mais vous devrez en répondre,
Oh, Flingues de Brixton !

L'argent, ça fait du bien,
Et votre vie, elle vous plait bien;
Mais certainement votre temps viendra
Au paradis comme en enfer.

Tu vois, on dirait Ivan,
Né sous le soleil de Brixton;
Son jeu, c'est la survie,
Plus dure sera leur chute.

Tu sais que ça veut dire "Pas de pitié"
Ils l'ont attrapé avec un flingue,
Pas besoin de la Vierge Noire :
Adieu, soleil de Brixton.

Vous pouvez nous broyer,
Vous pouvez nous nous meurtrir,
Et même nous tirer dessus !
Oh, Flingues de Brixton !

Quand les forces de loi feront irruption chez toi
Comment vas-tu partir ?
Descendu par balle sur le pavé,
Ou attendant en rang la mort?

Vous pouvez nous broyer,
Vous pouvez nous nous blesser,
Mais vous devrez en répondre,
Oh, Flingues de Brixton !
Oh, Flingues de Brixton !
Oh, Flingues de Brixton !
Oh, Flingues de Brixton !
Oh, Flingues de Brixton !

inviata da dq82 - 21/10/2015 - 15:02




Lingua: Polacco

Versione polacca degli Analogs
Dall'album "Oi! Młodzież" (1996)
da http://lyriki.com



Analogs
Analogs




E qua un ampio elenco di gruppi che hanno eseguito la cover della canzone https://pl.wikipedia.org
STRZELBY Z BRIXTON


Kiedy kopną w Twoje drzwi
Jak uciekniesz stąd
Podniesiesz w górę ręce
Czy wyciągniesz swoją broń

Kiedy prawo już Cię znajdzie
Jak z nim sobie radę dasz
Możesz umrzeć na ulicy
Albo poznać zimno krat

Będziemy krwawić będziemy konać
Nigdy nie damy się pojmać
Ooo! - Strzelby z Brixton!

Kiedy pełne masz kieszenie
A za tobą pusty bank
Wybierz niebo albo piekło
Bo nadchodzi już Twój czas

On czuje się jak książę
Słońce świeci w jego twarz
Jego gra to przetrwanie
Ale znajdą go i tak

Będziemy krwawić będziemy konać
Nigdy nie damy się pojmać
Ooo! - Strzelby z Brixton!

Znaleźli go ze strzelbą
Bez litości pojmać chcą
Nie pomożesz mi Madonno
Żegnaj słońce i Brixton!

Będziemy krwawić będziemy konać
Nigdy nie damy się pojmać
Ooo! - Strzelby z Brixton!

Kiedy kopną w Twoje drzwi
Jak uciekniesz stąd
Podniesiesz w górę ręce
Czy wyciągniesz swoją broń

Kiedy prawo już Cię znajdzie
Jak z nim sobie radę dasz
Możesz umrzeć na ulicy
Albo poznać zimno krat

Będziemy krwawić będziemy konać
Nigdy nie damy się pojmać
Ooo! - Strzelby z Brixton!

inviata da Krzysi€k - 21/10/2015 - 20:38




Lingua: Serbo

Versione Serba da lyricstranslate.com
Oružje Brikstona

Kad ti razvale prednja vrata
Kako ćeš izaći?
S rukama na potiljku
Ili na obaraču?

Kad zakon provali
Kako ćeš završiti?
Upucan na trotoaru
Ili iščekujući smrtnu kaznu

Možete nas srušiti
Možete nas tući
Ali moraćete da odgovorite na
O, oružje Brikstona

Novac se čini lepim
I život ti se sviđa
Ali tvoje vreme će sigurno doći
U Raju ili u Paklu

Oseća se kao Ivan
Rođen pod suncem Brikstona
Njegova igra je preživljavanje
Dolaze na kraju težeg dela

Znaš da nema milosti
Uhvatili su ga s oružjem
Nema potrebe za maricom
Opraštanje sa suncem Brikstona.

Možete nas srušiti
Možete nas tući
Ali moraćete da odgovorite na
O, oružje Brikstona.

Kad ti razvale prednja vrata
Kako ćeš izaći?
S rukama na potiljku
Ili na obaraču?

Možete nas srušiti
Možete nas tući
Čak i upucati nas
Ali, o, oružje Brikstona.

Upucan na trotoaru
Iščekujući smrtnu kaznu
Njegova igra bila je preživljavanje
U Raju ili u Paklu

Možete nas srušiti
Možete nas tući
Ali moraćete da odgovorite na
O, oružje Brikstona
O, oružje Brikstona
O, oružje Brikstona
O, oružje Brikstona
O, oružje Brikstona.

inviata da dq82 - 21/10/2015 - 15:03




Lingua: Spagnolo

Versione Spagnola dei La Furia

Cuando entren en tu hogar
como les vas ha esperar
con las manos en la nuca
o en el gatillo de la starc

Cuando te atace la ley
como crees ce acabaras
desangrándote en la acera
o en la celda de un penal

Te condenan, te torturan,
pero un dia tambien caerán.
Oh,oh, armas de barrio...

Sus sueldos les sientan bien
su vida les gusta aún mas
pero piensa ce algún día
su hora tambien llegará

Acuerdate de luis
intentando sobrevivir
cuanto más dura es la vida
más te van a perseguir

Le pillarón con un arma
para el no hubo cuartel
tan solo ceda el recuerdo
y una mancha en la pared

Te condenan, te torturan,
pero un día tambien caerán
OH,oh, armas de barrio...

Cuando entren en tu hogar
como les vas a esperar
con las manos en la nuca
o en el gatillo de la starc

Te condenan, te torturan,
y te acribillan!!!
Oh,oh, armas de barrio...

Con los sesos en la acera
o podrido en un penal
de cien te prohibe la vida
ce más puedes esperar

Te condenan, te torturan,
pero un día tambien caerán
Oh,oh, armas de barrio...
Oh,oh, armas de barrio...
Oh,oh, armas de barrio...
Oh,oh......

inviata da dq82 - 21/10/2015 - 15:10




Lingua: Italiano

Cover degli Ottavo Padiglione da Onde reggae (1999)

Dove te ne vai

Dove te ne vai
il lunedì deserto
Di notte ancora in giro
con tutto il mondo a letto
Figlio di nessuno,
di chi non conta niente
Riciclato male,
disperso nell'ambiente

Senza santi in paradiso, perchè santi non c'è n'è
Oh, dove vai?

Dove te ne vai
ancora comandato dal vicinato
e dal commissariato

Dove te ne vai
nato in mezzo ai guai
con la roba sotto casa
da trovare quando vuoi
che ti fa dimenticare
di sapere dove sei
e chi tocca dopo muore
o in galera te ne vai

Senza santi in paradiso, perchè santi non c'è n'è
Oh, dove vai?

Dove te ne vai
il lunedì deserto
Di notte ancora in giro
con tutto il mondo a letto
Figlio di nessuno,
di chi non conta niente
Riciclato male,
disperso nell'ambiente

Senza santi in paradiso, perchè santi non c'è n'è
Oh, dove vai?

inviata da dq82 - 22/10/2015 - 09:09


Londra e non solo

hackneyCar 1967240c


Tutto sta bruciando e pare che tra i piromani vi sia amalgamata ogni tipologia umana unita unicamente dall’odio verso la società attuale. Non è (non lo sono neanche le altre) una rivolta delle periferie ma una vera e propria rottura con le forme di questa società inumana, crudele, troppo spesso sanguinaria col suo sistema bancario e con le sue galere e con le sue radici cancerogene penetrate sempre più in profondità nel tessuto sociale.

È politica, sono azioni politiche dentro la negazione della politica. È politica, sono azioni politiche che spalancano e sbattono in faccia il divario esistente tra il politico e la politica, tra la falsificazione della verità e la complicità e l’omertà dei giornalai di regime. E non ci sarà soluzione sociale possibile perché la società, così come oggi si presenta, altro non sembra essere che un’astrazione priva di ogni consistenza, arti artificiali che ti vengono donati dopo averti mozzato i tuoi per permetterti di trascinarti ancora e poi ancora.

Ezio da Palabras en el viento

9/8/2011 - 14:17


I rivoltosi londinesi e il diritto al lusso
di Iside Gjergji
il lusso e' un diritto


Walter Benjamin si interrogò a lungo sul motivo per cui gli insorti parigini del 1830 sparavano agli orologi pubblici, facendolo in modo del tutto spontaneo e senza accordarsi tra di loro. Capire cosa rappresentavano quegli orologi per i rivoltosi di Parigi – che nel frattempo erano scesi in strada, avevano scalzato i pavé e innalzato le barricate – significava comprendere l’essenza stessa della rivolta. Per Benjamin quelli orologi erano il simbolo del tempo scandito dal “progresso” e dalla “disciplina del lavoro”, dettata dai ritmi e dai modi dell’economia capitalista. Erano cioè il simbolo di tutto ciò che aveva disumanizzato ed espulso da un’esistenza dignitosa intere fasce della popolazione di Parigi. E anche per questo che distruggerli significava allora chiudere con i vecchi tempi e aprire nuove dimensioni temporali.

Gli insorti contemporanei delle metropoli – a partire dalla sollevazione del 13 agosto 1965 del quartiere di Watts a Los Angeles e fino alla cronaca degli ultimi giorni delle periferie di Londra, Birmigham, Manchester, passando per le rivolte parigine dell’ottobre del 2006 – bruciano, invece, le macchine e saccheggiano i negozi, specie se di lusso. Condannarli è facile, ma non ci aiuta affatto ad avere un quadro lucido della situazione. Il nostro compito dovrebbe essere allora – seguendo l’esempio di Benjamin – quello di interrogarci sul senso profondo di tali gesti, che sembrano dettati quasi da una profonda esigenza, individuale e collettiva allo stesso tempo.

Lasciamo, quindi, che le banche tuonino per i milioni perduti (nel mentre saccheggiano e speculano sui mercati gettando nella povertà milioni di individui), che i sociologi mainstream si strappino i capelli e si sorprendano del ‘non sense’ delle rivolte londinesi o che attribuiscano le colpe di tutto quanto al multiculturalismo (nel mentre si costruiscono carriere dorate grazie alla loro acritica adesione alle ideologie dominanti), che i governanti gridino all’illegalità (nel mentre l’illegalità la mangiano con il pane ogni giorno), che la polizia condanni i violenti (nel mentre non condanna mai la sua di violenza).

Ecco, lasciamo tutto questo per un attimo e concentriamoci sul significato dei gesti dei rivoltosi. Interroghiamoci, cioè, sul motivo per cui gli insorti di oggi bruciano le macchine e saccheggiano i negozi, proprio come quelli di Parigi sparavano agli orologi pubblici.

La prima domanda da porsi dovrebbe essere: cosa rappresenta l’automobile nella nostra società? E’ un mezzo di trasporto, si dirà. D’accordo, ma ormai non si può negare che è prima di tutto uno status symbol, cioè qualcosa che denota la condizione economica, sociale e culturale di una persona. La macchina ha dunque un elevato valore simbolico. Se possiedi una bella macchina puoi dimostrare la legittimità della tua stessa esistenza, sia in quanto consumatore sia in quanto cittadino rispettabile. Esisti in quanto hai e non in quanto sei (concetto particolarmente chiaro ai milioni di africani che muoiono di fame ogni anno).

Insomma, nel mondo delle merci e del valore di scambio, l’automobile simboleggia una merce importante, con un forte significato simbolico.

Ora, viste in questa prospettiva, le rivolte dei giovani emarginati delle periferie metropolitane di Londra – dove la disoccupazione e la povertà regnano sovrane e dove le ferite della recessione economica sono ben visibili – sembrano opporsi, anche simbolicamente, alla società consumista e all’economia mercantile. A questo risultato giunse, infatti, Guy Debord, quando, analizzando la sommossa di Los Angeles nel 1965, scrisse: “I Neri di Los Angeles […], prendono alla lettera la propaganda del capitalismo moderno, la sua pubblicità dell’abbondanza. Vogliono subito tutti gli oggetti mostrati e astrattamente disponibili, perché vogliono farne uso” [G. Debord, Il declino e la caduta dell’economia spettacolare-mercantile, in Il pianeta malato, Nottetempo, p. 14].

Il lusso è un diritto”, ci urla del resto da ogni angolo di strada Vincent Cassel, seduttivo e convincente nel suo enorme manifesto pubblicitario dove campeggia sullo sfondo una bella auto. Ebbene, proprio quando questo messaggio viene preso sul serio, cioè quando dei cittadini, compresi quelli disoccupati, emarginati e che vivono nelle periferie, pretendono per davvero il rispetto del loro ‘diritto al lusso’, accade che il meccanismo si rompe. L’arcano si svela e la società dello spettacolo inizia a mostrare il suo vero volto, la sua vera struttura gerarchica, anche nel consumo. Certo, quando ciò accade, in molti si affrettano a spiegare che occorre avere pazienza e che, lavorando sodo, un giorno chiunque potrà esercitare il suo ‘diritto al lusso’.

Peccato però che si tratta di un altro messaggio pubblicitario.

12/8/2011 - 17:17


Il valore di questa canzone sta anche nel fatto che è profetica: scritta nel 1979, preconizza con assoluta precisione ciò che sarebbe accaduto due anni dopo, il "Brixton Riot" cui si riferisce la foto in apertura...

Bartleby - 19/3/2012 - 08:27


Versione Basca dei Radici nel cemento con Fermin Muguruza

dq82 - 22/10/2015 - 10:04


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org