Lingua   

Cosa piangi mia cara Gemma

Lucilla Galeazzi
Lingua: Italiano (Umbro)


Ti può interessare anche...

Anema e colore
(Raffaello Simeoni)
E prima di canta' chiedo permesso / La Valnerina è il centro della lotta / E io dormo tra le pecore e li cani
(anonimo)
Sotto la croce Mmaria
(La Macina)


da "Amore e acciaio" (2006)
galeazzi amore

Tradizionale.
Registrazione effettuata da Valentino Paparelli a Colicelli (Morro/Rieti) il 27 luglio 1974.
Cosa piangi mia cara Gemma
Cosa piangi mio caro teso'
Forse piangi che vado alla guerra
chissà quando ritornerò

Se li taglia i biondi capelli
E si vest'a la melita'
Se lo sceglie lo meglio cavallo
E va sul campo a guerreggia'

La sua madre su la finestra
Il suo babbo sul balco'
Remirando la loro figliola
ch'entra in menz'al battaglio'
Remirando la loro figliola
ch'entra in menz'al battaglio'

La presi per una mano
menz'a un lago la portò
e s'è vero che sei 'na donzella
qui le mano ti devi lava'

Li sordati che vann'alla guerra
non si lavano mai le ma'
se le lava 'na vorda sola
con il vero sangue uma'
se le lava 'na vorda sola
con il vero sangue uma'

La presi per una mano
Manz'a un prato la portò
E s'è vero che sei 'na donzella
Qui per terra ti devi getta'

Li sordati che vann'alla guerra
non si gettano mai per te'
se ci getta 'na vorda sola
quando vedo 'l nemico arriva'
se ci getta 'na vorda sola
quando vedo 'l nemico arriva'

La presi per una mano
Ne un giardino la portò
E s'è vero che sei 'na donzella
Qui ti sceglio lo meglio fio'

Li sordati che vann'alla guerra
non si scegliono i meglio fio'
Se le sceglio' le meglio armi
Pe' servire l'imperato'
Se le sceglio' le meglio armi
Pe' servire l'imperato'

6/6/2010 - 17:55


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org