Lingua   

Adam The Inventor

Pete Seeger


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Wasn't that a time
(The Weavers)
Plow Under
(Almanac Singers)
Down on Penny's Farm
(Pete Seeger)


[1968]
Testo di Pete Seeger, Santiago Genovés e Wolf Rilla
Lyrics by Pete Seeger, Santiago Genovés and Wolf Rilla

Musica: Da una ballata tradizionale inglese
Music: Tune adapted from British Traditional Ballad

Una canzone dall'origine assai curiosa: fu infatti commissionata a Pete Seeger dal comitato organizzatore delle Olimpiadi di Città del Messico del 1968, per un film celebrativo dell'evento intitolato "Peace" (Pace). Seeger non avrebbe mai immaginato che proprio all'inizio di quei giochi olimpici si sarebbe verificata la strage di Piazza delle Tre Culture...
Early in the morning,
Just as the sun was rising
Adam started inventing things,
And the results were surprising.

Later in the morning
The sun was getting higher.
Adam made a discovery,
He learned to handle fire.

Invented spears, invented guns,
Invented arrow and bow;
And what is it now he's going to invent?
I'm not sure I want to know.

Invented language, invented words,
Invented alphabets.
But when it comes to communicating,
Sometimes he was deaf.

Conquered desert, conquered ice,
Conquered ocean and shore,
Conquered every animal beside himself,
Then Adam invented war.

Adam, brilliant Adam,
So brilliant, you're made blind,
Inventing some new kind of world,
With no place for mankind.

Stomp your foot, we've got one earth,
One big red apple to share,
All around us one ocean of water,
And just one ocean of air.

Can we break the grip of this Dance of Death?
Can this world be released?
Will Adam's children, the young inventors,
Will they now invent peace?

Now some will scoff and some will scorn,
But what makes them so certain?
Adam's children might surprise us all,
And build anew the Garden.

inviata da Riccardo Venturi - 3/1/2006 - 21:43




Lingua: Italiano

Versione italiana di Kiocciolina
ADAMO L'INVENTORE

La mattina presto,
Proprio al sorgere del sole
Adamo cominciò ad inventare cose,
E i risultati furono sorprendenti.

Più tardi in mattinata
Il sole si stava alzando.
Adamo fece una scoperta,
Imparò a maneggiare il fuoco.

Inventò lance, inventò pistole,
Inventò arco e frecca;
E cos'è che inventerà ora?
Non sono sicuro di volerlo sapere.

Inventò il linguaggio, inventò le parole,
Inventò l'alfabeto.
Ma quando era il momento di comunicare,
A volte diventava sordo.

Conquistò il deserto, conquistò il ghiaccio,
Conquistò l'oceano e la costa,
Conquistò ogni animale vicino a sé,
Poi Adamo inventò la guerra.

Adamo, brillante Adamo,
Così brillante, ti sei reso cieco,
Inventando una sorta di nuovo mondo,
Senza posto per l'umanità.

Batti i piedi, abbiamo una sola terra,
Una grande mela rossa da condividere,
Tutto intorno a noi un oceano d'acqua,
E solo un oceano d'aria.

Possiamo spezzare la stretta di questa Danza della Morte?
Questo mondo può essere liberato?
I figli di Adamo, i giovani inventori,
Ora inventeranno la pace?

Adesso alcuni scherniranno e alcuni disprezzeranno,
Ma cosa li rende così certi?
I figli di Adamo potrebbero sorprenderci tutti,
E costruire un nuovo Giardiano.

inviata da Kiocciolina - 1/9/2008 - 04:14


Curioso... Wolf Rilla, uno degli autori del brano, è il regista del famoso "Il villaggio dei dannati" (1960), film di science fiction dove gli abitanti di un villaggio cadono in un sonno letargico, il paese rimane come isolato da un invisibile cupola di energia e, quando tutti si svegliano, si scopre le donne sono tutte gravide, destinate a partorire dei bambini inquietanti, molto simili fra loro e dotati di poteri eccezionali... una stirpe di alieni. Molto bello. P.v.c.

Alessandro - 28/7/2009 - 14:12




Lingua: Italiano

Versione in italiano tradotta e cantata da Andrea Buriani

ADAMO L’INVENTORE

Quando era ancor mattino, al sorgere del sole,
Adamo si mise a inventar cose ed erano meravigliose.

Più tardi di mattino, quando il sole scalda poco,
Adamo fece una scoperta grande: lui si impadronì del fuoco.

Inventò lance e pure spade, arco e frecce ma dopo
vorrei proprio sapere a cosa porterà questo bel gioco.

Inventò lingue,creò parole,le desinenze in “are” ed “ire”,
ma in fatto di comunicare, finse a volte di non capire.

Conquistò deserti e i poli, come oceani e terra,
ammaestrò animali accanto a sè, poi inventò la guerra.

Adamo, grande Adamo, grande è la tua cecità:
non vedi ciò che hai inventato è un mondo senza umanità?

Sotto i piedi una sola Terra, grande mela da spartire,
e intorno a noi un solo oceano d’acqua e d’aria da pulire.

Scioglier la morsa della “Macabra Danza”,chi ne sarà mai capace?
Sapran d’Adamo i figli neo-inventori,un giorno inventar la pace?

Tra voi c’è ora chi piange e chi disprezza, vana è la vostra fede.
d’Adamo i figli vi sorprenderanno e faran rifiorire ancor l’Eden.

inviata da Andrea BURIANI - 12/3/2010 - 19:10


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org