Lingua   

Canto dei carcerati calabresi

Ornella Vanoni
Lingua: Italiano (Calabrese)


Ti può interessare anche...

Lagerlied
(Dieter Süverkrüp)
Ciani
(Il Parto delle Nuvole Pesanti)
Svegliati (Calabria version)
(Eman)


[1958]
Testo di anonimo, tradizionale
Musica di Gino Negri
Album: Le canzoni della mala, vol.2 [1984]

Le canzoni della mala


Dopo il debutto di Ornella nel 1956, a soli 24 anni, sul palcoscenico in veste di attrice, Giorgio Strehler intuite le sue doti vocali, le fece interpretare alcuni canti popolari della Rivoluzione Francese, negli intervalli dello spettacolo "I Giacobini" di Federico Zardi..
Fu in seguito a questa esperienza e all'interessamento di Roberto Leydi che nacquero le cosiddette "Canzoni della mala", scritte per lei oltre che dallo stesso Strehler, anche da Fiorenzo Carpi, Michele Straniero, Fausto Amodei, Gino Negri e Dario Fo.
Presentate come vecchi canti popolari ritrovati dopo una serie di ricerche (talvolta come nel caso di questo canto è anche vero), raccontano storie violente e tragiche di minatori uccisi, delinquenti milanesi e carcerati calabresi.
Brani come il "Canto dei carcerati calabresi", lato B del 45 giri "Sentii come la vosa la sirena" di Dario Fo (poi reincisi lo stesso anno nell’EP "Le canzoni della malavita", che contiene anche "Jenny delle spelonche", tratta dall'"Opera da tre soldi" di Bertolt Brecht), se si guadagnarono critiche di snobismo altoborghese, oltre alla censura in radio e in tivvù, imposero però la Vanoni come interprete sofisticata e intellettuale.. certamente un personaggio un po' fuori dal coro.
Tutti 'sti caribinìri
su' tutti maliditti:
ce mìttene le manette
ce portane 'n prigione,
ce cunzègnane a re guardiane,
co 'nu mazze de chiavi 'n mane,
ce portane e ce arrinchiùdene
dentre a 'nu camerone...

Quande so' le sette e meze
ce ve' ru secondine,
co 'na faccia d'assassine
ru buon giorno ce ve' a da'.

Quande so le nove e meze
ce portano la pagnotta
mieza crude e meza cotta,
come se pò campa'?

E passeggio ncarzerato, oilì oilà..

Quando so' l'undici e meze
ce portane la minèsta
mizze cuppìne a testa,
come se pò campa'?

Niente me dispiace
che io ha da parti'
ma passando pe la chiazza
quacche ragazza
pe me chiagne..

A le carzare de Capace
ce so' male materasse
chi dorme e chi passe,
chi fa l'infamità…

Noce, nucèlle,
castagne abbruscate,
chesta è la vita de lu carzerate!

E passeggio ncarzerato, oilì oilà..

inviata da giorgio - 15/5/2010 - 08:41



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org