Lingua   

"G" Suits And Parachutes

anonimo


Lingua: Inglese



[ca. 1951]
To the tune of "Bell Bottom Trousers"
Sull'aria di "Bell Bottom Trousers"

Quante canzoni, quanti libriccini (si pensi a quelli di Liala...) e soprattutto quanti film hanno esaltato la figura dell'aviatore americano...si pensi soltanto a "Top Gun" o a "Ufficiale e Gentiluomo", film che dietro la patina "romantica" nascondono (male) un'ottica bellica che li rende assolutamente vomitevoli. Sarà quindi bene inserire tra le CCG anche questa anonima canzoncina che sfata decisamente lo stupido mito dell'aviatore come cavaliere senza macchia e senza paura. La canzone ha comunque una storia che ci riporta decisamente in argomento, essendo nata all'epoca della guerra di Corea. [RV]

http://www.mudcat.org
Once there was a barmaid down in Brewery Lane
Her master was so kind to her, her mistress was the same
Along came a pilot, handsome as he could be
He was the cause of all her misery!

CHORUS:
Singing "G" Suits and parachutes
And uniforms of blue
He'll fly a fighter
Like his daddy used to do!

Now in the morning before the break of day
A five-pound note he handed her, and this to her did say:
"Take this my darling, for all the harm I've done
For you may have a daughter, and you may have a son

If you have a daughter, put ribbons in her hair
And if you have a son, get the bastard in the air!"
Now the moral of my story as you can plainly see
Is never trust a pilot an inch above your knee
The barmaid trusted one and he went off to fly
Leaving her a daughter to help the time go by!

FINAL CHORUS:
Singing "G" Suits and parachutes
And uniforms of blue
She'll never fly a fighter
Like her daddy used to do!

inviata da Riccardo Venturi - 21/11/2005 - 09:34



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
29 novembre 2005
ANTI-G E PARACADUTE

C’era una volta una cameriera in un bar giù in Brewery Lane,
il suo padrone era tanto gentile con lei, e pure la padrona.
Arrivò un pilota, bello quant’altri mai,
e quello fu la causa di tutta la sua sventura !

CORO :
Cantando « Anti-G e paracadute »
e le divise azzurre
volerà in combattimento
come faceva il suo papà !

Ora, al mattino prima del fare del giorno,
le mise in mano un biglietto da cinque sterline e le disse :
« Prendi questo, cara, per tutto il male che ti ho fatto,
poiché c’è il caso che tu abbia una figlia, o un figlio.

Se avrai una figlia, mettile nastrini nei capelli,
e se hai un figlio, fallo volare, quel bastardo ! »
La morale della mia storia, come vedete chiaramente
è di non fidarsi mai per niente di un pilota.
La cameriera del bar si è fidata di uno, e lui se n’è volato via
lasciandole una figlia per aiutarla a passare il tempo !

CORO FINALE :
Cantando « Anti-G e paracadute »
e le divise azzurre,
lei non volerà mai in combattimento
come faceva il suo papà !

29/11/2005 - 20:52


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org