Lingua   

Cincu ciuri russi

Pino Veneziano


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

La festa ddi li porci
(Pino Veneziano)
Nustalgia (Nostalgia di Ribera)
(Rosa Balistreri)
Ammazzàti, ammazzàti
(MondOrchestra)


[1975]
"Lu patruni è suvecchiu" ("Il padrone è di troppo")

fronte

Lauro Farioli, Ovidio Franchi, Emilio Reverberi, Marino Serri, Afro Tondelli: i morti di Reggio Emilia, uccisi dalla polizia il 7 luglio 1960.
Cincu ciuri russi comu lu focu
foru pigghiati a muzzu ddi ‘nta lu mazzu,
eranu comu li spirdi ppi lu nimicu
chi pi lu scantu addivintau pazzu.

Foru pigghiati e turturati,
po’ cu disprezzu foru ammazzati.

Cincu omini russi di culuri
morsiru senza nuddu a lu capizzu
morsiru cantannu
chistu è lu prezzu
chi paga cu si voli libbirari.

Eranu patri
eranu figghi
di tutti chiddi ca su sfruttati.

Morsiru senza jittari mancu ‘na vuci,
comu careru si misiru a vulari
ppi diri a ccu ancora ‘un voli capiri,
chi lu fascismu ammazza li nimici.

Ma ‘un la sintiti
la so vuci chi dici :
"Pi la libirtàti muriri è dduci!"

inviata da Alessandro - 18/4/2010 - 20:00



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da www.pinoveneziano.altervista.org
CINQUE FIORI ROSSI

Cinque fiori rossi come il fuoco
sono stati presi a caso nel mazzo,
erano come spiriti per il nemico
che per la paura è impazzito

Sono stati presi e torturati,
poi sono stati ammazzati con disprezzo.

Cinque uomini di colore rosso
sono morti senza nessuno al capezzale,
sono morti cantando
questo è il prezzo
che paga chi si vuole liberare.

Erano padri
erano figli
di tutti quelli che sono sfruttati.

Sono morti senza un lamento,
appena sono caduti si sono messi a volare
per dire a chi ancora non vuole capire
che il fascismo ammazza i nemici.

Ma non la sentite
la loro voce che dice:
"Morire per la libertà è dolce!"

inviata da Alessandro - 18/4/2010 - 20:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org