Lingua   

O cuntadinu sutta lu zappuni

Rosa Balistreri


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

I bombardamenti
(Franco Trincale)
Unu, du’ e tri
(Rosa Balistreri)
Quannu moru
(Rosa Balistreri)


[1967]
45 giri - Serie Linea Rossa - Dischi del Sole (LR 45/8)

45linearossa
O cuntadinu sutta lu zappuni,
passi la vita stanca e assàj mischina,
Quanti latri ci su', quanti patruna
misi a cavaddu ri la to carina..

O prizzu 'i sti peni e omilazioni
trisori a cui ti scarna e ti ruvina..
E tu sinceru vai ddà, ma nun t'adduni
ca abbruci notti e jornu a la catina.

Tu cu la zappa, tu, cu amari stenti
duni a prìncipi, duca e 'mperaturi
pani, ricchizzi, spassi e 'nvistimenti,
susteni un munnu cu li to lavuri

Si nun travàgli tu, lu munnu è nenti!
Lu munnu vivi cu li to lavuri
Si nun travagli tu – lu munnu è nenti
Lu munnu vivi cu li to suduri.

inviata da giorgio - 3/4/2010 - 16:15




Lingua: Italiano

Versione italiana

O CONTADINO SOTTO LO ZAPPONE
O contadino sotto lo zappone
passi una vita stanca e assai misera
Quanti ladri vi sono, quanti padroni
che ti ritrovi sopra il groppone

E il prezzo di queste pene e umiliazioni
tesori a chi ti depaupera e ti rovina..
E tu onesto fai il tuo dovere e non ti accorgi
che ti consumi notte e giorno alla catena.

Tu con la zappa e con amari stenti
dai a principi, duchi e imperatori
pane, ricchezze, spassi e investimenti
supporti un mondo intero con le tue mansioni

Se non lavori tu, il mondo è niente
il mondo vive per la tua attività
Se non lavori tu – il mondo è niente
il mondo va avanti col tuo sudore.

inviata da giorgio - 24/4/2010 - 10:36




Lingua: Italiano

La versione riportata sopra è guasta in più parti. Basta ascoltare la Balistreri per rendersene conto (ovviamente se ad ascoltare è un siciliano, magari con qualche conoscenza del dialetto). Quella che riporto sotto l'ho desunta dal disco la cui copertina è visibile sopra la versione guasta.
O cuntadinu sutta lu zappuni,
passi la vita stanca e assaimischina.
Quanti latri ci su', quanti patruna
misi a cavaddu di la to carina.

E afflittu di 'sti peni - ohi mia - ci duni
trisori a cui ti scarna e ti ruvina.
E tu sinceru e babbu nun t'adduni
ca abbruci notti e jornu a la catina.

Tu ccu la zappa tu ccu amari stenti
duni a prìncipi, duca e 'mperaturi
pani, ricchizzi, spassi e vistimenti,
susteni 'u munnu cu li to lavuri

Si nun travàgli tu lu munnu è nenti!
Lu munnu vivi ccu li to lavuri.
Si nun travagli tu lu munnu è nenti
lu munnu vivi ccu li to suduri.

O contadino sotto lo zappone
passi una vita stanca e assai meschina.
Quanti ladri ci sono, quanti padroni
messi a cavallo della tua schiena.

E afflitto da queste pene - ahimè - tu dai
tesori a chi ti scarnifica e ti rovina.
E tu onesto e ingenuo non ti accorgi
che bruci notte e giorno alla catena.

Tu con la zappa tu con amari stenti
dai a principi, duchi e imperatori
pane, ricchezze, spassi e vestiti
sostieni il mondo col tuo lavoro.

Se non lavori tu, il mondo è niente
il mondo vive col tuo lavoro
Se non lavori tu il mondo è niente
il mondo vive col tuo sudore.

inviata da Francesco (Ciccio) Giuffrida - 7/10/2013 - 23:31



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org