Lingua   

Mo' che pure

Silvano Spinetti
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Uno, evviva Giordano Bruno (Socialismo trionferà)
(Canzoniere del Lazio)
Che Guevara va in pensione
(Andrea Rivera)


Proveniente dal durissimo dopoguerra romano, questo testo deve essere cantato sull'aria della notissima canzone napoletana "Chi ha avuto ha avuto, scurdammoc' 'o passat'".
Il testo è ripreso dal nostro "sito fratello" Il Deposito-canzoni di lotta.

Composta intorno al 1950 dal bracciante Silvano Spinetti, detto Cicala, di Genzano (Roma), militante di base del PCI. Registrata da Sandro Portelli, è entrata nel repertorio del Canzoniere del Lazio.
(Nota tratta da "Canzoni italiane di protesta - 1794/1974 - Dalla Rivoluzione Francese alla repressione cilena", a cura di Giuseppe Vettori, Paperbacks poeti/26, Newton Compton Editori, 1974) [Alessandro]
Mo' che pure chist'americani
che come li cani ce vonno trattà
e ce chiamino fratelli
pe' 'na zuppa de piselli
che ci hanno fatto magnà,
e la carne quann'è congelata
che j'è rivanzata la mannino qua

Ce sfàmino davero, lo dice pure er clero
che senza 'sti fetenti qua in Italia se po stà;
e prima ci hanno oppressi, poi ci hanno fatto fessi,
e mo' vanno dicenno ci hanno dato la libbertà.

Ma la gente nun crede più a niente
perchè se n'avvede ch'è 'n brutto campà,
li governi stanno fermi,
fanno solo discussioni
pe' qua' piano organizzà;
fino ad oggi vediamo i vantaggi
con il patto atlantico e il piano Marshàll.

Ma qualcuno se sbaja si vo rifà la guera
perchè stavorta unito tutto er popolo dirà:
Si 'a guerra vui a vulite, 'a guerra v'a facite,
a noi non ce fregate perchè ci avete fregato già

inviata da Riccardo Venturi - 22/9/2005 - 23:38


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org