Lingua   

Giovanna d'Arco

Angelo Branduardi
Lingua: Italiano



1994
Domenica e lunedì
Domenica e lunedì

Il testo di Paola Pallottino raccoglie molti degli elementi caratterizzanti la vicenda umana di Giovanna d'Arco, dalle visioni alle "voci", dalla scelta di armarsi alla consapevolezza di avere una missione da compiere. Una missione che costerà la vita alla contadina lorenese, al termine di un processo in cui i massimi teologi del tempo furono mobilitati per dichiararla eretica.

La fama di Giovanna vergine combattente, già alta durante la sua vita, fu tutt'altro che offuscata dalla fine riservatale, con la quale la supremazia inglese intendeva scoraggiare ogni dissenso: eroina popolare, appena l'influenza inglese sulla Francia iniziò a scemare fu riabilitata da un successivo processo (1456) e poi, al termine di una vicenda in cui il piano religioso si è intrecciato spesso a quello delle istanze e delle rivendicazioni nazionaliste (gli intenti antiinglesi con cui il nazionalismo francese si impossessò della sua figura sono evidenti), prima beatificata (1909) e poi dichiarata santa (1920).

Come succede spesso per le figure storiche su cui nascono dicerie e leggende, versioni dei fatti secondo le quali Giovanna sarebbe in un modo o nell'altro sfuggita al rogo sono sopravvissute ai secoli. "...Forse è andata sposa, o a una crociata, o ha continuato con altro nome a sterminare inglesi..." (M.L. Spaziani, Giovanna d'Arco, romanzo popolare in sei canti in ottave e un epilogo, 1990)
L’Angelo Michele primo ti parlò;
la seconda voce fu di Margherita.
Quando Caterina infine ti chiamò,
scese un’ombra d’oro sulla tua vita.

Non ascoltare aspetta,
non ascoltare più;
piede che sfiora l’erba
più non ritornerà.
Ma la tua gola ride:
"Solo mon Dieu, mon Roi".

Cantano le voci chiuse dentro te:
“Una contadina darà il trono a un re!”

Una spada, un elmo ed un cavallo avrai,
i capelli a ciocche taglierai leggera;
poi tutta di ferro ti rivestirai
sui fianchi di giglio e sulla croce nera.

Il fumo il sangue e il fango
l’alba riaccenderà,
al fuoco, al fuoco, brucia!
Che cosa brucerà?
Il bosco sta bruciando,
brucia la verità.

Cantano feroci chiuse dentro te:
“Una contadina ha dato il trono a un re!”

inviata da Io non sto con Oriana - 15/3/2010 - 15:23



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org