Lingua   

Clochard

Grazia Di Michele
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Il diritto di amare
(Grazia Di Michele)
Au 22e
(Gaston Couté)
Noi fuori
(Ministri)


Seduto sul fiume col cuore spezzato
il vecchio vide il sole attraversare il cielo
portava via la luce sul suo carro alato
e per la prima volta si sentì solo
E ricordò Deauville, le giovani donne in fiore
vestite di merletto, di filigrana e sole
sentì le onde rompere risate d'argento
vide i capelli di rame asciugare nel vento

Ma il tempo all'improvviso scordò le sue cadenze
Parigi chiuse gli occhi, finirono le danze
fox-trot, mazurke e valzer andarono alla guerra
e ballerini folli rimasero per terra
Di lui che non andò dissero "un disertore"
lo fece perché all'odio lui preferì l'amore
una razza maledetta, la stirpe di Caino
guardava ancora il mondo con gli occhi di un bambino

Così è passato un secolo, un secolo violento,
lui restò sempre ai margini
non potè starci dentro
i boulevards, i ponti, i fianchi della Senna,
le raccontava tutto come fosse la sua donna
E un brivido improvviso, il dubbio di un istante,
lasciarono sul viso due gocce di diamante
e non capì la morte ma strinse tra le dita
qualcosa d'incredibile o solamente vita.

4/9/2005 - 18:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org