Lingua   

Lu mari ntra li recchi

Cantacunti


Lingua: Italiano (Pugliese Otrantino)


Ti può interessare anche...

Capitano uomini a mare
(Cantacunti)
Il bosco di betulle
(Cantacunti)
Zarafina
(Cantacunti)


Grazie a Maria Rosaria Coppola dei Cantacunti che ci ha fatto avere le parole e la traduzione italiana di questa canzone tratta da "Il martirio di Otranto", dov'è raccontata la sanguinosa presa di Otranto da parte dei Turchi nel 1480.

cantacunti il martirio di otranto



I soldati spagnoli presidiari invece di difendere Otranto preferirono fuggire: non era loro quella terra, non erano loro quelle case, non erano loro quelle donne e quei bambini.

A difendere la città restano gli Otrantini.
Pescatori, gente di mare che mai aveva usato un'arma, unita combatte: per il Regno, per il proprio paese, per la Fede in Dio.
E quando il Regno li abbandona alla loro sorte, Dio li dimentica e il paese è distrutto dal fuoco e dalle palle di cannone, quando ormai tutto è perduto...
combatte ancora.

Combatte per un sogno, un sogno semplice di pescatori: una vita serena fatta di partenze e ritorni; nell'immensità del mare o nella piccola case, tra gli schizzi salati o nelle calde braccia delle mogli. Una vita in PACE attendendo la fine.
(dalle note del disco)
Cumbattera, cumbattera
cu lu sangu alli uecchi,
pescatori e marinari
cu lu mari ntra li recchi

Cumbatera, cumbattera
na battaja atroci
cu difendunu lu paisi
lu regnu e la Croci

Resistera, resistera
pi spittari lu rignanti
cu cavalli e cavalieri
li fucili e li bombardi.

La spiranza puei sparìu
e na breccia s’appriu:
cumbattera pi lu paisi
e pi lu loru Ddiu

Cumbattera, cumbattera
tra critassi e tantu sangu,
tra lu fierru ca bbattia
e la carni ca s’appria

Cumbattera sott’a soli
cu li stelli e lu terrori
ca a difendiri lu paisi
no ncera mancu cchiui lu Signori!

Resistera, resistera
ntra li casi e ntra li strati,
cu la puzza ti lu lientu
ti lu mari e ti li frati.

Resistera, resistera
frasturnati a capu acanti
cu si scordunu la vita
cu la morti ormai ti nanti

Puei murera, puei murera
comu tutti ntra stu munnu
pescatori, marinari
ntra lu fumu ti nu suennu

Pi turnari ntra lu mari,
pi piscari e puei turnari
a nu postu ti la terra
ddo si campa pi muriri

31/8/2005 - 20:14



Lingua: Italiano

Versione italiana
IL MARE NEGLI ORECCHI

Combatterono, combatterono
col sangue agli occhi,
pescatori e marinai
con il mare negli orecchi

Combatterono, combatterono
una bataglia atroce
per difendere il paese,
il regno e la Croce.

Resisterono, resisterono
aspettando il regnante
con cavalli e cavalieri
fucili e bombarde.

Poi la speranza sparì
e si aprì una breccia:
combatterono per il paese
e per il loro Dio

Combatterono. combatterono
tra grida e tanto sangue,
tra il ferro che batteva
e la carne che si apriva

Combatterono sotto il sole
con le stelle ed il terrore
ché a difendere il paese
Non c’era più neanche il Signore

Resisterono, resisterono
nelle case e nelle strade,
con il tanfo del sangue fresco (*)
del mare e dei fratelli

Resisterono, resisterono
confusi, con la testa vuota
per dimenticare la vita
con la morte ormai di fronte.

Poi morirono, poi morirono
come tutti in questo mondo
pescatori, marinai
nel fumo di un sogno:

per tornare nel mare
per pescare e poi tornare
in un posto della terra
dove si vive per morire
NOTE

(*) "puzza ti lientu" è il tanfo caratteristico dell’albume, tanfo che normalmente permane sui piatti non perfettamente sgrassati. Lo stesso penetrante odore, caratterizza il sangue fresco (non era inusuale sentirlo nelle macellerie di un tempo) ed è in questo senso che viene usato nella ballata: dovrebbe quindi leggersi "con il tanfo del sangue fresco".

31/8/2005 - 20:17


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org