Lingua   

C'è un re

Nomadi


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Dammi un bacio
(Nomadi)
Uno come noi
(Nomadi)
Le mal
(Arthur Rimbaud)


dall'album "Gente come noi" (1991)
Interpretata anche dagli Inti Illimani nel disco "Tributo ad Augusto"

Gente come noi

Ispirata alla poesia Le mal di Rimbaud.
Mentre il fucile urla fuoco tutto il giorno
volano avvoltoi nel cielo blu attorno,
avanza il battaglione, brilla il ferro e l'ottone,
e cadono sull'erba mille bravi cittadini.

C'è un re, c'è un re
che non vuol vedere,
c'è un re, c'è un re
che non vuol sapere.

Mentre il cannone lancia lampi nel cielo,
rullano tamburi incalzano zampogne,
insieme nella polvere, sangue e sudore,
e cadono sull'erba mille bravi contadini.

C'è un re, c'è un re
che non vuol vedere,
c'è un re, c'è un re
che non vuol sapere.

C'è un re che dorme rapito dalle rose,
non si sveglia nemmeno quando madri silenziose
unite nel dolore a giovani spose,
gli mostrano un anello con inciso sopra un nome.

C'è un re, c'è un re,
che non scende dal trono,
c'è un re, c'è un re
che non fa nessun dono.

C'è un re, c'è un re
che non scende dal trono,
c'è un re, c'è un re
che non fa l'ultimo dono.


Lingua: Italiano (Lombardo Brianzolo)

Versione nel dialetto brianzolo di Casatenovo (LC) di Lele de Casanöv
GH'È UN RÈ

Intànta che ul sĉiupètt el vùsa fögh tött ul dé
E sgólen tànti nìbi in del cêl bloeu atùrnu,
el vègn innànz ul batajón, el lüsés ul fèrr e l’utón,
e börlen gió in de l’erba mila bràvi paisàn.

Gh’è un rè, gh’è un rè
Che ‘l vör mia vedè,
gh’è un rè, gh’è un rè
che ‘l vör mia savè.

Intànta che ul canón el tìra saètt sö in del cêl,
e trùnen i tambüür e vegnèn innànz i baghèt (1)
insèma in de la pùlvera, sàngh e südûr,
e börlen gió in de l’erba mila bràvi paisàn.

Gh’è un rè, gh’è un rè
Che ‘l vör mia vedè,
gh’è un rè, gh’è un rè
che ‘l vör mia savè.

Gh’è un rè che ‘l dòrma menaa via di rös,
el se desìa gna’ quànd di màder silenziûs
metüü insèma in del dulùr, a di giùvin spûs,
ghe mùstren un anèll cùnt incìs a sùra un nòm.

Gh’è un rè, gh’è un rè
Che ‘l vègn mia gió del sò tròn,
gh’è un rè, gh’è un rè,
che ‘l fa mia gna’ un dòn.

Gh’è un rè, gh’è un rè
Che ‘l vègn mia gió del sò tròn, (2)
gh’è un rè, gh’è un rè,
che ‘l fa mia l’ültim dòn.
(1) tipica cornamusa lombarda ancora oggi usata specialmente nelle valli bergamasche (in Brianza viene chiamàta pìva)

(2) "tròn" e "dòn" li ho usàti per la rima: normalmènte si dirèbbero rispettivamente "scàgn" e "regàl"

inviata da Lele de Casanöv - 11/12/2004 - 14:15


Grande canzone..un vero inno contro tutte le guerre, le ingiustizie che prevalgono nel mondo e contro tutte le dittature. Speriamo che questo mondi cambi!!! Pace

Andrea - 28/1/2008 - 21:45


Cover dei Folkstone da "Il confine" 2012

IlConfine

dq82 - 14/5/2015 - 18:01


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org