Lingua   

Rosastela

Gruppo Pane e Guerra


Lingua: Italiano (Lombardo Bergamasco)



"La fame è la protagonista indiscussa di questo "minestrone" [o "risotto", nella tradizione lombarda] di motivetti popolari con testo riveduto. Si riconoscono marce militari, gli inni fascisti 'Allarmi siam fascisti' e 'Giovinezza', la "Piemontesina bella", e persino Lili Marlene. Il testo è stato raccolto nel territorio bergamasco, ma ne esistono versioni simili in molte località d'Italia, in particolare la parodia di Giovinezza, di cui una versione documentata in dialetto triestino contiene riferimenti al periodo asburgico."

Dal sito ufficiale del gruppo:
http://freeweb.supereva.com/paneguerra/

*

Sul tema della fame si veda anche Fagioli 'olle 'otenne.
Mateoti, Mateoti
grande martire d'Italia
Musolin co' i gambe a l'aria
lo faremo fucilare
Mussolino traditore
che a l'Italia fe' terrore
Mateoti uomo d'onore
lo faremo incoronar
Mateoti uomo d'onore
lo faremo incoron...

Ta senteret che roba,
oh Rosastela che pitansela
che'lven fora de li inscì
quand serà…bel bel rustì
Rosastela sta a sentì
ciapa 'l duce e fal rustì
che 'l buter ghe 'l mete mi
l'ho comprat incò al mesdì
con conturno de spinass
te ghe agiunget 'na Petass
e con quater fasulì
farinacci e fa' bulir
ta senteret che roba,
oh Rosastela che pitansela
che'l ven fora de li inscì
quand 'l serà bel bel rustì

(sull’aria di Lilì Marlene)

Tute le sere 'ndo in lecc sensa mangià
perchè 'l Benito m'ha dit de risparmià
mentre i ingles mangia 'l rost
i Italià i cicia i oss
per te sucù de legn
sta 'n pè su’l dit marmel


(sull’aria di Piemontesina bella)

Addio panini imburrati,
salami affettati, vi devo lasciar
ora che siam tesserati
abbiamo finito così di mangiar
la gioventù non sta più sù
si sente un certo languor
in Italia si vive d'amor
Non ti potrò scordare
oh bella pagnottella
tu sei la sola stella
che brillerà per me
Ricordi le patate
piantate al Valentino
ci manca pure il vino
di fame ci fan morir

(sull’aria di Allarmi siam fascisti)

oh Musso, oh Musso
te me’t ciavat pulito,
te me’t calat la paga
te me’t cresù l'afito (pepepepeee!!)

Quando bandiera rossa se cantava
almen'na volta al giorno se mangiava
adessa che se canta giovinessa
ga trema i gambe de la debolessa

come l'è stat, come l'è 'ndat
l'è stat Benito che m'ha fregat
ed a la fin de la questiù
i è stà i fascisti col bastù
Giovinessa........................ pent al cul
Giovinessa........................ pent al cul
primavera di tristessa...... pent al cul
del fascismo..................... pent al cul
de la schifessa.................. pent al cul
della nostra civiltà........... pent al cul, pent al cul, pent al cul

inviata da Riccardo Venturi - 7/8/2005 - 01:03


Queste strofette parodistiche, citate qui piuttosto confusamente e prive di fonti, sono già variamente presenti sul sito:
Mateòti, Mateòti, Ta senterét che ròba o Rosa stèla, Tute le sére 'ndo ‘n lèi sènsa mangià, El dio del vilan,...

Alcune si trovano poi commentate in“Quella fame terribile tra fascismo e guerra”, ricerca di Filippo Colombara pubblicata su Patria Indipendente del 16 dicembre 2007.

B.B. - 11/2/2016 - 14:09


Scusate... chissà perchè nei risultati della ricerca la pagina compariva senza introduzione, senza data e senza firma...

B.B. - 11/2/2016 - 14:11


Probabilmente perché google aveva indicizzato la pagina con solo il testo (accessibile dal menu Visualizza -> mostra solo il testo della canzone), che penso sia la funzione meno utilizzata di questo sito ... :)

CCG Staff - 11/2/2016 - 14:15


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org