Lingua   

Divise

Paolo Pietrangeli
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Ninna nanna
(Paolo Pietrangeli)
L'Uno
(Ivan Della Mea)
Il canto di Rifondazione
(Paolo Pietrangeli)


(1976)
Album: Lo sconfronto
Lo sconfronto

Con una citazione della celebre poesia di Bertolt Brecht
Specchio delle mie brame con la cornice d'oro
tu specchi solo me non specchi loro
anche se sono solo, divento diecimila
vedo le mie avventure in prima fila
mi scordo la paura, la fiacca e la speranza
e mi ritrovo il cielo in una stanza
Vestito di broccato e con la spada in mano
comando un'astronave o un aeroplano
atterrerò a Betlemme o sopra un gran veliero,
son la Madonna ed il Corsaro Nero
Questa non è schizofrenia
rispecchi le mie vogli senza ipocrisia
la mia camicia che è sempre lisa
me la trasformi in una splendida divisa
Io sono Spartaco sono Nerone
son la giustizia sono un ladrone
un eremita, mangio parecchio
ma nella vita io sono un vecchio
E mi rispecchio per farmi coraggio
da topo che ero senza il suo formaggio,
mangio l'antilope a colazione
della foresta sono il leone
senza nessuna battaglia campale
dei generali sono il generale

Generale il tuo carro
è una macchina potente
spiana boschi e poi sfracella
cento uomini come niente generale
ma ha un difetto generale
ha bisogno di un carrista
ha bisogno di un carrista generale
ma ha un difetto generale
ha bisogno di un carrista
ha bisogno di un carrista generale
Generale l'uomo fa di tutto
può volare e può uccidere magari
ma ha un difetto generale
l'uomo può pure pensare
ma ha un difetto generale
ma ha un difetto generale
l'uomo può pure pensare
ma ha un difetto generale

Ed ha pensato proprio stamattina
da Roma a Trento a Como a Gibellina
dalle Alpi al Lilibeo alla Bovisa
non è rimasta più nemmeno una divisa
Appese a ogni lampione a ogni balcone
sembrava un'infinita processione
appese per i piedi per le strade
in meno di mezz'ora sono bruciate
Divise a mezzo tempo oppure intere
complete di alamari e bandoliere
private o anche del clero e dello stato,
un eskimo è rimasto bruciacchiato
Chi è stato? Chi è stato? Chi è stato?
Chi è stato? Chi è stato? Chi è stato?
Sono stato io Sono stato io Sono stato io
Sono stato io Sono stato io Sono stato io

Ma stateci un po' attenti tutte queste divise le mandate in fumo...
adesso s'è capita, la dimostrazione è finita ma non esageriamo...
spegnete questi fuochi lasciamo questi giochi adesso discutiamo...
zuzzerellone che fai? Ma lascia stare la divisa del papa, ma sei matto!
Ma come non capisci ma come non capisci tutto questo è astratto
Padapadapadì padapadapadà sessantotto
padapadapadì padapadapadà rivoluzione
padapadapadì padapadapadà ismo
padapadapadì padapadapadà ismo
Sono stato io Sono stato io Sono stato io
Ma non bruciare quella ma non bruciare quella ma non bruciare quella
lasciatemi un pennacchio una mostrina un grado lasciatemi una stella
carabinieri nudi alpini senza penna oddio che confusione
Sono stato io Sono stato io Sono stato io
Avete ragione avete ragione avete ragione
son io che ho sbagliato son io che ho sbagliato son io che ho sbagliato
anch'io voglio bruciare una divisa datemi del fuoco
la brucio pelo per pelo la calpesto spargo la cenere
i carabinieri in mutande il papa senza veste come Venere sì sì
Il rumore del fuoco... il rumore del fuoco...
Avete ragione...
Sono stato io Sono stato io Sono stato io

Io che faccio il contabile
e che non so contare
io che detesto il mare
mentre la barca va
Io che parlo stonato
e canto balbuziente
io penso senza mente
sento senza ascoltar
voglio il letto rifatto
e non lo so rifar
Io che detesto i nobili
e la gallina lessa
è grazie a una contessa
se sono ancora qua
è grazie a una contessa
se sono ancora qua
è grazie a una contessa
se sono ancora qua.

Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org