Lingua   

Dal nostro inviato speciale

Giangilberto Monti
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Le Poinçonneur des Lilas
(Serge Gainsbourg)
L'ordine è pubblico?
(Giangilberto Monti)
Chansons de La bande à Bonnot: 02. Les joyeux bouchers
(Boris Vian)


1978
L'ordine è pubblico?
ordine

interno
Lontano, molto lontano, dove il tempo non cresce con l'uomo
dove il sole non ha più il coraggio per farsi vedere.
Lontano, molto lontano, dove vita vuol dir sopravvivere
dove morte vale qualcosa se è il nemico a morire.
Lontano, lontano ci stanno persone
che non han più bisogno di sentire parole.
Lontano, molto lontano, dove il silenzio è fatto di attese
dove le case non hanno tappeti ne sete pregiate.
Lontano, molto lontano, dove un paese non c'è sulle carte
dove una tenda può esser città o una cattiva sorte.

Beirut megalopoli dei porci in costume
divisa nel sangue come un taglio di scure
ti vuoi mascherare con la croce e il Corano
il ricco qui parla in dialetto cristiano.

Beirut megalopoli a un passo dal cielo
la carne bruciata qui marcisce di meno
chi conta i tuoi giorni ragiona al sicuro.
Chi cade stasera davanti a quel muro?

Lontano, molto lontano, dove il sangue si vende ai giornali
dove fa più notizia una strage che cento trattati.
Lontano, molto lontano, dove le mosche non ti fanno dormire
dove i rumori che senti di notte non ti fanno sognare.
Lontano, molto lontano, dove un turista non passa l'estate
dove parole, comizi o canzoni son realtà già vissute.
Lontano, molto lontano, dov'è il vostro inviato speciale
non so più se sia meglio scappare, restare o sparare.

Beirut città sola a un passo dal mare
miseria, colera, troppo da ricordare
un braccio e un coltello qui duran per poco
nessuno sa ancora quanto durerà il gioco.

Beirut megalopoli a un passo dal cielo
hai vinto quel campo non ne hai ucciso il pensiero
chi conta i tuoi giorni ragiona al sicuro.
Chi cade stasera davanti a quel muro?
Chi cade domani davanti a quel muro?


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org