Lingua   

La Cantagranda

Ivan Della Mea
Lingue: Italiano, Italiano (Lombardo Brianzolo)



Ho tante cose che voglio dire,
a volo d’ape o di vispa Teresa,
mi serve un suono garbato e gentile
perché il canto sia grande alla stesa.

Ho visto posti vicini e lontani,
ho visto un mondo che insegna a morire,
ho visto preti mangiare cristiani
e i profeti contavan le lire.

Ho visto Itaca tornare a Ulisse,
ho visto Ulisse tornare al suo mare,
“Quando io torno, io parto”, mi disse,
“E quando parto io debbo tornare.”

Ho visto muri di pietra e fatica
tirare sere di veglie costanti,
lì la parola è piana ed è amica,
dice sapienze e sospiri amanti.

E ho visto i denti di ruspe lascive
morire i muri lisciati da mani,
sorti magnifiche e progressive
ci fanno orfani d’ieri e domani.

Ho visto bimbi traditi già in culla,
pronti alla vita verso i quarant’anni,
ricchi di tutto sì come di nulla,
vittime forse, e forse tiranni.

O donn semm chí a cantà 'l Cristé
de fà 'ndà ben i cavalé
se me darì on quaj uvètt
farem 'ndà ben anca i galètt
se me darì un palancún
farem 'ndà ben anca i marsciún.
O donn semm chí a cantà 'l Cristé
de fà 'ndà ben i cavalé.

Ho visto un suono senza campana
e un’averla cercar la sua rama,
diceva, “Al vespro non c’è più magia
se anche l’ave non trova a Maria.”

Ho visto il merlo tacere il suo canto,
ho visto il salcio smarrire il suo pianto,
ho visto rosa del rosa più antico,
andare a sposa di maggio col fico.

Ho visto un uomo vestito di bianco,
quasi ogni giorno lui viene da me:
mi dice: “Sai, ti vedo un po’ stanco,
ho un posto bianco apposta per te.”

“Non posso”, dico, “io debbo andare,
non ho alpeggi e mi vivo pastore,
canto coi matti, coi gatti, col mare,
ho un tempo mio per gioia e dolore.

E ho una nave, e ho vele di scorta
per far memoria passata e presente,
forza Giuàn, ché l’idea non è morta,
chi è compagno è folle e cosciente.”

Ma la ginestra mi dice: “Pastore,
dall’ermo colle non c’è più infinito,
l’errore errante è errare per ore,
e fare sera col fiore passito.”

Dammi, ginestra, un vento levante,
e la ventura io levo dal sogno.
“Come ti chiami, pastore cantante?”
“Di nome Niente, cognome Bisogno”.

Ma so le notti ridenti alla vista,
di cieli fondi tra punti di stelle,
scoprire un dio nel mio comunista
che ha creato le cose più belle.

Povero Dio, che piange sconfitto
in ogni banca che l’uomo ha sacrato
al dio denaro e al figlio profitto
e al santo spirito d’ogni mercato.

“La verità”, mi dici, o ginestra,
“è che fa male, fa male sognare,
non si può dir ‘stagion gli è, sa, cotesta’,
e l’avvenire”, mi dice, “è già grave.”

O donn semm chí a cantà 'l Cristé
de fà 'ndà ben i cavalé
se me darì on quaj uvètt
farem 'ndà ben anca i galètt
se me darì un palancún
farem 'ndà ben anca i marsciún.
O donn semm chí a cantà 'l Cristé
de fà 'ndà ben i cavalé.

Ho visto il mare gridare al gabbiano:
“Per altri lidi convien che tu vada,
qui muori spento, è meglio a Milano,
ci trovi il tuo in ogni contrada.”

E il gabbiano volò sulla piazza
dei vecchi e soli che frullan le dita,
chi ammazza il tempo la mente si ammazza,
non è così che si ammazza la vita.

E ho visto il giorno dei passi perduti
senza uno straccio d’amore per mèta,
il tempo svelto smarrisce i saluti
il baco solo fa sola la seta.

E ho visto il viale di ogni tramonto
di una classe chiamata operaia,
storia e memoria non fan più di conto,
restan gli avanzi di satira gaia.

E a meriggiare si fan sceme l’ore,
dice l’esubero senza lavoro,
alla miseria che rima in dolore
non c’è poeta che renda decoro.

E ho rivisto la rosa sposata
senza profumo e petali gnécchi,
sposare un fico non è ben pensata,
se non sei noce e i fichi son secchi.

E ho visto il mondo della canzone
far di versetti contanti sonanti,
ci riesce meglio, c’è più ispirazione,
los compañeros son tutti cantanti.

E ho visto un segno della poesia
chiedere al braccio un’ultima vena
addio pazienza, così è, così sia,
non è così che si ammazza la pena.

E ho visto Beppe, cognome Anarchia,
ucciso a schianto da una finestra,
per chi sa il vero la sorte è più ria,
è un pentito che gli spara in testa.

E ho visto i nostri tutori di pace
i bianchi armati più duri e più tecchi
dare la guerra a chi già soggiace,
non eran bianchi i lanzichenecchi?

Sì come bianca è la nostra violenza,
sì come bianca è la nostra cultura,
perché la pace divenga coscienza
tocca negare la nostra natura.


Ma tu ancora mi dici, o ginestra:
“Quanto fa male, fa male sognare”.
Io duro sogno di carne, di testa
la Cantagranda può ancora cantare.

O donn semm chí a cantà 'l Cristé
de fà 'ndà ben i cavalé
se me darì un quei uvètt
farem 'ndà ben anca i galètt
se me darì un palancún
farem 'nda ben anca i marciún.
O donn semm chí a cantà 'l Cristé
de fà 'ndà ben i cavalé.

E ho fatto i cori di rivoluzione,
pure una nota da sempre stonava,
là tra le voci con grande passione
c’era il potere e cantava, cantava

Con voce chiara, decisa, scandita,
ma senza il blues che è dentro all’amore,
che rende al canto un segno di vita,
per dire gioia, per dire dolore.

Per dire rabbia e malinconia,
la donna all’uomo, la loro stagione,
il ritmo è storia, il suono è poesia,
e il canto infine può dare ragione

al Calendimaggio di ozio e lentezza
del tempo nostro per la nostra vita,
questa canzone mai sarà finita,
e non ci attrista alcuna certezza.

E alla chitarra d’antica protesta
io chiedo solo la corda ben tesa
per dare suoni di gioia e di festa
sia Cantagranda e si canti alla stesa.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org