Lingua   

Chini Marco

Fabrizio Zanotti
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Big Chimney
(Richard Thompson)
Milonga del peon de campo
(Atahualpa Yupanqui)


Testo di Valentina La Barbera e Fabrizio Zanotti, musica di Fabrizio Zanotti, illustrazione diJoey Guidone
Dal my space dell'associazione culturale Fabrika
Mi chiamo Chini Marco
lavoro in un call center
si riparano
armi
di tipo intelligente

son veramente certo
non durerà per sempre
mio
caro Presidente
qui il futuro conta niente.

Ho consumato libri
trovato e
perso il senso
in funambolici equilibri
non calcolando il vento,
non
calcolando il tempo

lo sa
che sono stanco
di sorridere per forza,
di
illudere la gente
che telefona
e mi ascolta

E sono bravo
e sono
bravo
rendo ogni giorno di più
come uno schiavo
come uno schiavo
lavoro
ma conto
finchè non servo più

Mi frigge nelle orecchie
la voce di chi
offende
son diventato un filtro
dell’aria che si vende

e questa giungla
inghiotte
speranze e desideri
mi consuma la terra
che trema sotto i
piedi.

lo sa
che vivo ancora con i miei
a trentun’anni,
fa paura il mio
futuro
che poi è
quello di tanti


E sono bravo
e sono bravo
rendo
ogni giorno di più
come uno schiavo
lavoro si conto
finchè non servo
più

sotto il sole
crepano le illusioni
quante voglie
stringono le mie
mani

E non rimango
fermo a guardare
mentre affondiamo quaggiù
perché c’è
vita
c'è da cercare
più in là degli occhi
chini su di noi

Mi chiamo
Chini Marco
lavoro in un call center
si dedicano anni
a restringere la
mente

ora mi rendo conto
mio caro Presidente
che dietro al suo
sorriso
c’è un vuoto indifferente

e che il mio unico futuro
oggi non vale
niente

inviata da adriana - 16/1/2010 - 09:54


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org