Lingua   

A' finestra

Carmen Consoli


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Madre Terra
(Carmen Consoli)
Mundu a scali
(Mattanza)
E forse un giorno
(Carmen Consoli)


Da Elettra 2009.

elettra
Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada
Genti bedda, laria, allegra, mutriusa e siddiata
Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta
“Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda”
Iddu ci arrispunni: “Giusi, quannu ti chiamavi Giuseppina,
eri licca pà brioscia cà granita”
“Turi tu n’ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori
t’ha ‘nsignari a classi ‘ntò parrari”

Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata,
sduvacata ‘nte panchini di la piazza, stuta e adduma a sigaretta,
gente ca s’ancontra e dici “ciao” cu na taliata,
genti ca s’allasca, genti ca s’abbrazza e poi si vasa,
genti ca sa fa stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna,
annunca st’autru ‘nvernu non si canta missa,
genti ca sa fa ‘lliccannu a sadda,
ma ci fa truvari a tavula cunsata a cu cumanna

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari
“Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu,
“avemu u picciu arreri o vitru”.
Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare.

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
a vuci ‘i Patri Coppola n’antrona i casi, trasi dintra l’ossa
“piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni
quannu u riavulu s’affaccia rafforzatevi a mutanna”.
Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone
scinni Saro Branchia detto Re Leone
Patri Coppola balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli
picchì sua Maestà s’ha fari a comunioni

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari
almeno un pocu di chiffari
“Itavinni un pocu a mari”, vannia un vecchiu tintu
“accussì janca mi pariti ‘n spiddu”
Jù ci dicu “m’ha scusari,
ma picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà ‘nsultari”.

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà
ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu,
tannu si pinsava ca “La diversità è ricchezza”
tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza
Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari
si truvamu semi boni di chiantari
‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori
e dici ca li cosi stannu pì canciari

Chi ci aviti di taliari ‘un aviti autru a cui pinsari,
almeno un poco di chiffari
Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari
Jù ci dicu “Cù piaciri, c’è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari!?”

inviata da Donquijote82 - 20/11/2009 - 09:16



Lingua: Italiano

Versione italiana
LA FINESTRA

Sono sempre alla finestra e vedo gente che gira per la strada,
gente bella, brutta, allegra, arrabbiata, seccata
gente "(ben)riuscita" con le ciglia alzate e la bocca stretta:
« Turi ho voglia di qualcosa, un passabocca, una Lemonsoda »
Lui le risponde: « 'Giusy', quando ti chiamavi Giuseppina,
ti piaceva la brioche con la granita! »
« Turi, tu ne hai fatta di strada, e ora che sei un grosso imprenditore
devi imparare a parlare con classe »

Sono sempre alla finestra e vedo gente sfaccendata,
stravaccata nelle panchine della piazza, spegne e accende la sigaretta,
gente che s'incontra e dice «ciao» con uno sguardo
gente che si evita e quella che si abbraccia e si bacia
Gente che tira avanti stringendo la cinta, si strapazza e non si arrende
altrimenti il prossimo inverno non si canta messa (1)
gente che tira avanti leccandosi la sarda (2)
ma che fa trovare la tavola apparecchiata a chi comanda.

« Che ha da guardare? non ha altro a cui pensare?
almeno un po' di da fare?
Vada a lavorare – grida un vecchio indispettito –
c'è il malocchio dietro i vetri! »
Io dico: « Mi deve scusare, ma a casa mia sto dove mi pare »

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
la voce di padre Coppola ci fa tremare le case, ci entra nelle ossa:
« Peccatori rinunciate a quei peccati della carne
quando il diavolo si mostra rinforzatevi le mutande »
d'un tratto si parcheggia vicino la chiesa un macchinone
scende Saro Branchia detto Re Leone,
padre Coppola balbetta, chiude con tre parole l'omelia
perché sua Maestà si deve fare la comunione!

« Che ha da guardare? non ha altro a cui pensare?
almeno un po' di da fare?
Se ne vada un po' al mare – grida un vecchio malconcio e tosto –
così bianca sembra un fantasma »
Io gli dico « Mi deve scusare,
ma perché deve stare sotto casa mia a insultare? »

Sono sempre alla finestra e vedo la grande civiltà che c'è stata,
dove turchi, ebrei e cristiani si stringevano la mano,
allora si pensava che 'la diversità è ricchezza'
tempi di bellezza e di poesia, d'amore e di saggezza
Quel che è stato ieri oggi forse potrebbe tornare
se troviamo i semi buoni da piantare
in questa terra di fuoco e di mare oggi sento che mi parla il cuore
e dice che le cose stanno per cambiare..

« Che ha da guardare? non ha altro a cui pensare?
almeno un po' di da fare?
Vada a ballare, va' a fare quattro salti ed esca giusto per svagarsi! »
Gli rispondo con piacere: « C'è qualche danza bizzarra che mi vuole consigliare?!? »

(1) "nun si canta missa": non si mangia.
(2) "lliccàrisi 'a sàıdda": fare la fame.

inviata da giorgio - 22/11/2009 - 11:02


Splendida canzone. L'unico appunto che vorrei fare è che questa canzone non è di Carmen Consoli ma di Rosa Balistreri. Riguardo l'autore, in realtà, non saprei esattamente. Ma quella di Carmen Consoli è solo una cover, quindi non trovo corretto farla uscire come una sua canzone. Almeno da morta, diamo a Rosa quello che le spetta. Con questo non voglio screditare la versione di Carmen che è fantastica!

elisa - 21/4/2011 - 10:35


Scusate ma mi sono sbagliata. Quella di Rosa è Vitti na bedda affacciata a' finestra. Scusate ancora!

elisa - 21/4/2011 - 10:43



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org