Lingua   

No! No! Giusta causa non è d'Iddio

Giuseppe Verdi
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Friede auf Erden
(Arnold Schönberg)
Concerto pour la main gauche en ré majeur
(Maurice Ravel)
Il poveretto
(Giuseppe Verdi)


Da "I Lombardi alla Prima Crociata"
Dramma Lirico in quattro atti
Libretto di Temistocle Solera, dall'omonimo poema di Tommaso Grossi

Prima rappresentazione: 11 febbraio 1843
Teatro alla Scala di Milano


Giuseppe Verdi, 1813-1901.
Giuseppe Verdi, 1813-1901.


Il dialogo lirico, noto anche come "Qual nera benda", tra Giselda, Arvino e l'Eremita, è tratto dall'Atto II, Scena IX.
GISELDA:
Mio padre!... egli stesso!...

EREMITA
(additando Giselda):
Ecco, adempio a' miei detti, o signor.

ARVINO:
Mia Giselda! ritorna all'amplesso
Di tuo padre!...

GISELDA
(retrocede inorridita):
Qual sangue!

SOFIA:
Oh dolor!

GISELDA
(quasi colpita da demenza):
No!...No! giusta causa - non è d'Iddio
La terra spargere - di sangue umano;
È turpe insania - non senso pio
Che all'oro destasi - del mussulmano!
Queste del cielo - non fûr parole...
No, Dio nol vuole - No, Dio nol vuole!

EREMITA E CORO:
Che ascolto!

ARVINO, SOFIA:
O misera!

GISELDA:
Qual nera benda
Agli occhi squarciami - forza divina!
I vinti sorgono - vendetta orrenda
Sta nelle tenebre - d'età vicina!
A niuno sciogliere - fia dato l'alma
Nel suoi 've l'aure - prime spirò!
L'empio olocausto - di umana salma
Il Dio degli uomini - sempre sdegnò. -

ARVINO:
Empia!... sacrilega! -

GISELDA:
Gioco dei venti
Già veggo pendere - le vostre chiome;
Veggo di barbari - sorger torrenti,
D'Europa stringere - le genti dome!
Ché mai non furono - di Dio parole
Quelle onde gli Uomini - sangue versâr.
No, Dio nol vuole - No, Dio nol vuole;
Ei sol di pace - scese a parlar!

inviata da Riccardo Venturi - 8/4/2005 - 18:11



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org