Lingua   

Till Jack

Cornelis Vreeswijk


Lingua: Svedese


Ti può interessare anche...

Blues för Victor Jara
(Cornelis Vreeswijk)
È troppo comodo
(Pino Masi)
Saigon
(Francesco De Gregori)


[1973]
Testo e musica: Cornelis Vreeswijk
Lyrics and music: Cornelis Vreeswijk
Text och musik: Cornelis Vreeswijk
Album: I stället för vykort

Jack Vreeswijk, oggi, today, i dag
Jack Vreeswijk, oggi, today, i dag


" Dall'album "I stället för vykort" del 1973, la canzone è una "cartolina" diretta a Jack, che era il figlio dell'autore e all'epoca aveva nove anni. [Jacopo Laverdure]

Nel 1973, Jack Vreeswijk, il figlio di Cornelis, è un bambino di nove anni (è nato a Stoccolma il 25 gennaio 1964); oggi ne ha quasi cinquantaquattro (qualche mese più giovane di me, per inciso) ed è diventato, pure lui, un apprezzato cantautore che, naturalmente, canta spesso le canzoni del babbo (sembra quasi la riproposizione svedese di Fabrizio e Cristiano De André). Nel '73, “i stället för vykort”, cioè “invece di una cartolina illustrata”, babbo Cornelis gli inviò questa canzone che riporta un po' pure me a quell'anno, quando di anni ne avevo dieci. Allora ci erano i B52, le “fortezze volanti”, c'erano gli USA e c'erano i bambini che bruciavano assieme alla nonna in Vietnam. Oggi ci sono i B52 magari in versione “2.0”, ci sono gli USA e ci sono i bambini che bruciano da qualche altra parte del mondo, pure molto più vicina a noi del Vietnam. Invece di una cartolina. [RV]
Nu faller natten
Nu faller bomberna
Nu brinner barnen i hekatomberna
Vad ropar barnen, vad glor de på
B-52, B-52

Nu faller regnet
Från blåa skyarna
Nu brinner barnen i de små byarna
Och farmor brinner som en hund av halm
Det är napalm, det är napalm

Nu kommer morgonen
Över ruinerna
Och genast startar man grävmaskinerna
Säg varför är det sånt gråt och skrik
Man räknar lik, man räknar lik

Nu kommer dagen
Den kalla mordiska
Nu brinner barnen, de underjordiska
Men andra leker förmodar jag
I USA, i USA

Nu kommer kvällen
Nu faller natten
Nu faller bomber över land och vatten
Vad har kanonerna att sikta på
B-52, B-52

inviata da laverdure - 27/10/2009 - 09:18



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
9 novembre 2017 13:14

istaellet
A JACK

Ora cade la notte
ora cadono le bombe
ora bruciano i bambini nelle ecatombi
che sta gridando il bimbo, che sta fissando
i B-52, i B-52

Ora cade la pioggia
dalle nuvole azzurre
ora bruciano i bambini nelle piccole città
e la nonna brucia come un cane di paglia
è il napalm, è il napalm

Ora arriva il mattino
sopra le rovine
e subito si comincia con le scavatrici
ditemi perché c'è tanto pianto, tante urla
si contano i cadaveri, si contano i cadaveri

Ora arriva il giorno
il freddo assassino sanguinario
ora bruciano i bambini sottoterra
ma mi sa che ci saranno altri giochi
negli USA, negli USA

Ora scende la sera
ora cade la notte
ora cadon le bombe sulla terra e sull'acqua
che avranno i cannoni da puntare
i B-52, i B-52.

9/11/2017 - 13:14


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org