Lingua   

Shalom

Roberto Vecchioni


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Stranamore (pure questo è amore)
(Roberto Vecchioni)
תפילת האמהות / Prayer Of The Mothers/ صلاة الأمهات
(Yael Deckelbaum)
Canzone per Alda Merini
(Roberto Vecchioni)


[2002]
Testo e musica di Roberto Vecchioni
da "Il lanciatore di coltelli"
lct

"Visto che si fa un gran parlare di guerra al terrorismo, perchè non andare a vedere il terribile massacro palestinese?"
(Alessandro Nava dal NG it.fan.musica.guccini)

shalompeace
C'è un tempo per combattere
e un tempo per sognare,
un tempo per raccogliere,
uno per seminare;
e un tempo per andarsene:
ora quel tempo è mio,
arrivederci, padre,
illuminato da Dio.
Un io che sollevava il mare
come una punizione,
per distinguere gli altri uomini
dalla sua vera nazione:
ma, padre, qui c'era un popolo,
piantato nella terra,
e la terra non può darla Dio,
ma la fame, l'amore di averla.
Come mi pesa questo canto,
padre, tu non sai quanto!
Ma non lo senti che è più forte
la vita della morte?
Shalom padre, shalom, io vado via.
Ma dov'è casa mia?
A furia di tenerci insieme
per salvare quel che siamo,
ci mancan, padre, gli altri, gli altri,
quelli che noi non siamo;
ci manca, anche se avessimo
soltanto noi ragione,
l'umiltà di non vincere
che fa uguali le persone.
E invece li strappiamo via
in nome del Signore,
come sterpaglia e funghi d'acqua,
nati qui per errore,
dovesse mai succederci,
ad esser troppo buoni
di fare chissà poi per chi,
la figura dei coglioni.
Arrivederci, padre, o forse addio:
mio nonno, era mio nonno il padre mio!
Dio, come brucia questo canto
brucia più del mio pianto,
padre, perdonami, ma è più forte
la vita della morte;
shalom, padre, shalom, io vado via.
Ma dov'è casa mia?
Arrivederci, padre, o forse addio:
era mio nonno il vero padre mio,
cancellato come un numero
dalla lista delle spese,
ma così tanto più grande
delle offese.
Dio se mi brucia questo canto
brucia più del mio pianto,
ma tu non senti che è più forte
la vita della morte;
shalom, padre, shalom, io vado via.
Ma dov'è casa mia?

terribile massacro palestinese?
hmm

si tocca sempre un solo problema

e perchè non guardare anche che succede nei territori e non parlo dell'esercito israeliano, di questo tutti parlano e troppo, quanto all'autorità palestinese e le frange estremiste e del caos che regna qui che non lasciamo in primis vivere in pace la gente normale che vuole vivere ed è stufa di vedere bambini armati e pagati pochi dollari per uccidere altri innocenti o persone normali che vengano accusate come collaborazioniste solo perchè chiedono di vivere in pace e trovare una soluzione a un problema.

perchè vedere un solo punto di vista?

comunque in ogni caso mi auguro che presto ci sarà la pace.

free


Non è questione di vedere da una parte, la guerra è guerra e perdono tutti, i malfattori e i giusti, ma questo non significa che non ci siano giusti e non esistano malfattori.

Conny - 4/4/2007 - 21:42


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org