Lingua   

Ronda dos paisanos

José "Zeca" Afonso


Lingua: Portoghese


Ti può interessare anche...

Rosa de sangue
(Adriano Correia de Oliveira)
Arcebispíada
(José "Zeca" Afonso)
Un rincón de sol en la cabeza
(Pablo Guerrero)



[1964]
Testo e musica: José Afonso
Letra e música: José Afonso
Lyrics and music: José Afonso
Album: Baladas e Canções
Ofir - AMS 301 | 1964 | LP-33 rpm | Edição Discoteca Santo António, Porto | Texto: Adriano Peixoto | Capa: António Pimentel
Reeditado em:
1983 - Ofir SAM 808
1996 - EMI 7243 8 36617 2 5





“Ronda dei contadini” si chiama questa canzone, e bisogna tornare al Portogallo del 1964. Un paese poverissimo, sotto una dittatura lunghissima che, da un lato, addormenta le coscienze e, dall'altro, si dissangua in inutili e costosissime guerre coloniali per mantenere un “impero” che serve solo ai cartelloni propagandistici del regime affissi nelle città portoghesi. Chi ne paga le conseguenze? In primis le masse contadine, perché il Portogallo del 1964 è ancora un paese rurale (oltre che un paese di fortissima emigrazione). La “sentinella” di questa canzone, che dobbiamo immaginarci proprio in qualche posto in Africa a fare una guerra imbecille, è un contadino; ma non è escluso che contadini siano anche gli ufficiali, che vengono invitati a andarsene via pure loro da quell'inferno. Che taccia il cannone, che si butti via il pugnale, e che queste si facciano strada in tutti coloro che il regime ha mandato a combattere. E quanto tali cose si fossero fatte strada in profondo, lo si vide bene il 25 aprile di dieci anni dopo. [RV]
Ao cair da madrugada
No quartel da guarda
Senhor general
Mande embora a sentinela
Mande embora e não lhe faça mal

Ao cair do nevoeiro
Senhor brigadeiro
Não seja papão
Mande embora a sentinela
Mande embora a sua posição

Ao cair do céu cinzento
Lá no regimento
Senhor coronel
Mande embora a sentinela
Mande embora e deixe o seu quartel

Ao cair da madrugada
Depois da noitada
Senhor capitão
Mande embora a sentinela
Mande embora o seu guarda-portão

Ao cair do sol nascente
Venha meu tenente
Deixe a prevenção
Mande embora a sentinela
Mande embora e tire o seu galão

Ao cair do frio vento
Primeiro sargento
Junte o pelotão
Mande embora a sentinela
Mande embora e cale o seu canhão

Ao cair do sol doirado
Venha meu soldado
Largue o seu punhal
Vá-se embora sentinela
Vá-se embora que aí fica mal

Vá-se embora sentinela
Vá-se embora que aí fica mal

inviata da José Colaço Barreiros - 4/1/2005 - 11:41



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
3 novembre 2008
RONDA DEI CONTADINI

Allo spuntar dell'alba
Al posto di guardia
Signor generale
Faccia andar via la sentinella
La mandi via e non le faccia del male

E quando cala la nebbia
Signor brigadiere
Non sia un mostro
Faccia andar via la sentinella
E mandi via la sua postazione

E quando il cielo si fa grigio,
Là, nel reggimento
Signor colonnello
Faccia andar via la sentinella
La mandi via e se ne vada via anche lei

Allo spuntar dell'alba,
Dopo la nottata
Signor capitano
Faccia andar via la sentinella
E mandi via anche il guardaportone

E quando sorge il sole
Venga via, signor tenente
Lasci stare la prevenzione
Faccia andar via la sentinella
La mandi via, si tolga le mostrine

E quando soffia il ventro freddo,
Signor sergente capo
Raduni il plotone
Faccia andar via la sentinella
La mandi via e faccia tacere il cannone

E quando spunta il sole d'oro
Vieni, soldato mio.
Buttalo via, il pugnale
Vattene, sentinella,
Vattene ché qui butta male

Vattene, sentinella,
Vattene ché qui butta male.

3/11/2008 - 22:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org