Lingua   

Eravamo in ventinove

anonimo
Lingua: Italiano (Lombardo Bresciano)


Ti può interessare anche...

Coaliers
(Nikos Kavvadias / Νίκος Καββαδίας)
La Giulia
(Nuovo Canzoniere Bresciano)


[1872/1882]
Canto appartenente al repertorio dei fratelli Bregoli di Pezzaze, in Val Trompia, Brescia.
Testo reperito sul sito de Il Deposito

Airolo. Monumento alle vittime del Gottardo. Altorilievo dello scultore Vincenzo Vela, 1932.

Tra il 1872 e il 1882 venne costruita la Galleria ferroviaria del San Gottardo, che collega il Canton Ticino con il Canton Uri.
Le condizioni di lavoro e di vita degli operai, moltissimi dei quali italiani, erano a dir poco terribili. Quasi 200 di loro morirono per incidenti o per la cosiddetta "anemia del Gottardo”, una parassitosi dovuta alle pessime condizioni igieniche.
Responsabile del cantiere era l'ingegnere svizzero Louis Favre che, per risparmiare sui costi, non aveva installato nè un adeguato impianto di aerazione delle gallerie, nè servizi igienici sufficienti, nè alloggiamenti appropriati per i lavoratori e le loro famiglie e nemmeno un servizio efficiente di approvvigionamento di acqua e viveri. E quando gli operai esasperati decisero di scioperare - era il 27 luglio del 1875 - Favre chiamò la polizia che non trovò di meglio che sparare sulla folla dei manifestanti uccidendo 4 operai:

Costantino Doselli, di Parma, anni 20;
Giovanni Merlo, di Torino, anni 26;
Salvatore Vila, di Torino, anni 25;
Giovanni Gotta, di Torino, anni 25


Nessuno di loro - manco a dirlo - ebbe giustizia, perchè il sentimento anti-italiano in Svizzera era fortissimo (eravamo sporchi, puzzolenti e pure scioperati...) e la repressione poliziesca fu ritenuta necessaria ed "adeguata",,,
Però Favre fu severamente punito da Domineiddio che fulminò il porco con un bell'infartazzo che lo colse il 19 luglio 1879 durante un sopralluogo in cantiere...
Eravamo in ventinove
solo in séte siamo tornà
e li altri ventidue
e li altri ventidue
eravamo in ventinove
solo in séte siamo tornà
e li altri ventidue
soto i colpi sono restà

Farem far d'un cimitero
quatrocento metri quadrà
per quei poveri minatori
e per quei poveri minatori
farem far d'un cimitero
quatrocento metri quadrà
per quei poveri minatori
soto i colpi son restà

E le povere vedovèle
le va in chiesa per pregar
per la perdita del marito
per la perdita del marito
e le povere vedovèle
le va in chiesa per pregar
per la perdita del marito
la pensione le g'à de ciapà

maledet si-à 'l Gotardo
gl'ingegneri che l'àn progetà
per quei poveri minatori
soto i colpi son restà
per quei poveri minatori
soto i colpi son restà.

inviata da Alessandro - 1/10/2009 - 09:36



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org