Lingua   

Jalàlàbàd

Muvrini


Lingue: Francese, Corso


Ti può interessare anche...

Di u populu
(Canta u Populu Corsu)
Una terranova
(Muvrini)
Comme dans un film
(MC Solaar)


Jalalabad - foto tratta da questo blog
Jalalabad - foto tratta da questo blog
[2002]
muvrini umani

feat. MC Solaar
Parole di Ghjuvan Francescu Bernardini e Claude M'Baral (MC Solaar)
Musica di Ghjuvan Francescu Bernardini
Arrangiamenti di Ghjuvan Battista Rongiconi

Sempre dall'album "Umani" una canzone dedicata alle donne afghane ed a tutte le infinite guerre, privazioni e schiavitù cui sono state doppiamente sottoposte, come afghane e, soprattutto, come donne...

La canzone è per metà in francese, per metà in còrso.

Jalalabad è la capitale della provincia afghana di Nangarhar.
Je vous étreins d'ici
Femmes de ce pays
Et je vous vois passer
Toutes de bleu drapées
Il est vingt heures chez moi
Vos visages vos voix
Il est vingt heures chez moi
C'est le monde qui va
Il pleut
Sur Jalàlàbàd

Vi mandu un abracciu
O mamme quallà
Mi stringhje lu core
Vi sentu chjamà
Di pannu turchinu
Vi vecu passà
Ottu ore di sera
In lu mondu chì và
Ottu ore di sera vi sentu chjamà
Ottu ore di sera in lu mondu chì và

Vi mandu un curagiu
E chì possu dì
A muntagna negra
A vecu da quì
Vi cantu una fede
Un altru campà
Un core chì crede
Un sognu chì và
Ottu ore di sera vi sentu chjamà
Ottu ore di sera in lu mondu chì và

Piove, piove
A Jalàlàbàd
Piove
A Jalàlàbàd

Il pleut encore sur Jalàlàbàd
La montagne saigne le monde est mad
Je pense aux yeux de la jeune afghane
A son fils en arme, à sa mère en larme
Que le soleil brille sur la femme nomade
D'Islamabad jusqu'à Jalàlàbàd
Ci hè forse un amore
Una alma chì và
Un fiume chì corre
Un Diu chì sà

Vi porghju una manu
Surelle d'amà
Hè natu lu granu
Dumane sarà
Ottu ore di sera vi sentu chjamà
Ottu ore di sera vi vecu passà
Ottu ore di sera in lu mondu chì và
Piove à Jalàlàbàd
Hè donna a libertà
A Jalàlàbàd
E donna hà da campà
A Jalàlàbàd

Pè u to zitellu ti vurria accumpagnà
Apre u to libru è le to scole fà cantà
Tù da le to mane, o surella di quallà
Vestila turchina, falla bella a dignità
A Jalàlàbàd
A Jalàlàbàd
E sarà
E sarà.

inviata da Riccardo Venturi - 30/11/2004 - 13:59



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
30 novembre 2004
JALALABAD

Vi abbraccio da qui
donne di quel paese
e vi vedo passare
tutte avvolte in blu
da me son le otto di sera
i vostri volti e voci
da me son le otto di sera
è il mondo che va
piove
su Jalalabad

[ la strofa viene poi ripetuta in còrso ]

Vi mando un augurio
e che posso dire
la montagna nera
la vedo da qui
vi canto una speranza
una vita diversa
un cuore che crede
un sogno che va
le otto di sera, vi sento chiamare
le otto di sera nel mondo che va

Piove, piove
su Jalalabad
piove
su Jalalabad

Piove ancora su Jalalabad
La montagna sanguina il mondo è pazzo
e penso agli occhi della giovane afghana
a suo figlio in armi, a sua madre in lacrime
e che il sole splenda sulla donna nomade
da Islamabad a Jalalabad
e c'è forse un amore
un'anima che va
un fiume che scorre
un Dio che sa

Vi porgo una mano
sorelle da amare
è spuntato il grano,
domani sarà
le otto di sera, vi sento chiamare
le otto di sera, vi vedo passare
le otto di sera nel mondo che va
Piove su Jalalabad
è donna la libertà
a Jalalabad
e la donna deve vivere
a Jalalabad

Per il tuo bambino ti vorrei accompagnare
apri il tuo libro e le tue scuole fai cantare
dai le tue mani, sorella di laggiù.
vestila in blu, falla bella la dignità
a Jalalabad
a Jalalabad
e sarà
e sarà.

30/11/2004 - 14:10



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org