Lingua   

L'oppression

Léo Ferré


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

La Poésie Fout Le Camp, Villon !
(Léo Ferré)
S’i’ fosse foco
(Fabrizio De André)
T'es Rock, Coco !
(Léo Ferré)


Paroles et musique de Léo Ferré
Testo e musica di Léo Ferré

Léo Ferré: Dipinto di Charles Szymkowicz.
Léo Ferré: Dipinto di Charles Szymkowicz.


Non solo una "canzone contro la guerra", ma soprattutto contro il sistema oppressivo che genera altra oppressione e si rigenera menato e fomentato da sempre nuovi, ed eterni, metodi oppressivi. Una canzone difficile sotto ogni senso, difficile da leggere, difficile da cantare, difficilissima da tradurre...e ancor più difficile da digerire. [RV]
Ces mains bonnes à tout même à tenir des armes
Dans ces rues que les hommes ont tracées pour ton bien
Ces rivages perdus vers lesquels tu t'acharnes
Où tu veux aborder
Et pour t'en empêcher
Les mains de l'oppression

Regarde-la gémir sur la gueule des gens
Avec les yeux fardés d'horaires et de rêves
Regarde-là se taire aux gorges du printemps
Avec les mains trahies par la faim qui se lève

Ces yeux qui te regardent et la nuit et le jour
Et que l'on dit braqués sur les chiffres et la haine
Ces choses "défendues" vers lesquelles tu te traînes
Et qui seront à toi
Lorsque tu fermeras
Les yeux de l'oppression

Regarde-la pointer son sourire indécent
Sur la censure apprise et qui va à la messe
Regarde-la jouir dans ce jouet d'enfant
Et qui tue des fantômes en perdant ta jeunesse

Ces lois qui t'embarrassent au point de les nier
Dans les couloirs glacés de la nuit conseillère
Et l'Amour qui se lève à l'Université
Et qui t'envahira
Lorsque tu casseras
Les lois de l'oppression

Regarde-la flâner dans l'œil de tes copains
Sous le couvert joyeux de soleils fraternels
Regarde-la glisser peu à peu dans leurs mains
Qui formerons des poings
Dès qu'ils auront atteint
L'âge de l'oppression

Ces yeux qui te regardent et la nuit et le jour
Et que l'on dit braqués sur les chiffres et la haine
Ces choses "défendues" vers lesquelles tu te traînes
Et qui seront à toi
Lorsque tu fermeras
Les yeux de l'oppression.

inviata da Riccardo Venturi - 20/11/2004 - 13:14



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
21 novembre 2004
L'OPPRESSIONE

Queste mani buone a tutto, anche a tenere armi
in queste strade che gli uomini hanno tracciato per il tuo bene
queste rive sperdute verso le quali ti accanisci a andare
dove vuoi approdare
e, per impedirti di farlo
le mani dell'oppressione

Guardala gemere sul muso della gente
con gli occhi imbellettati d'orari e di sogni
guardala tacere in faccia alla primavera
con le mani tradite dalla fame che si alza

Quegli occhi che ti guardano sia la notte, sia il giorno
e che si dicono braccati sulle cifre e sull'odio
quelle cose "proibite" verso le quali ti trascini
e che saranno tue
quando chiuderai
gli occhi all'oppressione

Guardala puntare il suo sorriso indecente
sulla censura imparata e che va alla messa
guardala godere in quel giocattolo da bambini
e uccidere fantasmi rovinandoti la giovinezza

Quelle leggi che ti ostacolano al punto di negarle
nei corridoi gelati della notte che porta consiglio
e l'Amore che si innalza all'Università
e che ti invaderà
quando sfascerai
le leggi dell'oppressione

Guardala indugiare nell'occhio dei tuoi amici
sotto la maschera gioiosa di soli fraterni
guardala scivolare poco a poco nelle loro mani
che formeranno pugni
quando avranno raggiunto
l'età dell'oppressione

Quegli occhi che ti guardano sia la notte, sia il giorno
e che si dicono braccati sulle cifre e sull'odio
quelle cose "proibite" verso le quali ti trascini
e che saranno tue
quando chiuderai
gli occhi all'oppressione.

inviata da Riccardo Venturi - 21/11/2004 - 08:38



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org