Lingua   

'Nu frate 'n polizia

Tonino Zurlo


Lingua: Italiano (Pugliese Brindisino)

Guarda il video

Ho trovato il video su Youtube.

Ciao e grazie per il vostro lavoro.



Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

Minguccio
(Tonino Zurlo)


[197?]
Album :L'ulivo che canta (2012)

http://1.bp.blogspot.com/-BU8RbyBvzoo/Uj8p7RUnjVI/AAAAAAAAARo/Ozt1qHLeZFE/s1600/lulivo+che+canta+cover.jpg
Dalle note di copertina di Sandro Portelli:

«"Lu frate in polizia" ci sembrò [negli anni '70] la risposta alla poesia di Pasolini su Valle Giulia: i poliziotti sono sì figli del popolo, ma figli rubati, alienati, tagliati via dagli affetti e dai legami. Questa canzone la ritroviamo adesso, dopo molti anni, dopo molte storie, e dopo altri due dischi che hanno confermato Tonino Zurlo come una delle voci più originali e più irriducibilmente radicali di tutta la canzone d'autore italiana. Piantato dentro la sua Puglia senza pizzica e taranta, Tonino canta di anime e corpi, di vita e di morte, di santi e di idoli che appartengono a tutti, in un linguaggio musicale che intreccia un'antica voce contadina con le suggestioni del blues, dello swing, persino del gospel, valorizzata negli arrangiamenti essenziali e rispettosi di questo disco». (Sandro Portelli)
Tegne 'nu frate 'n polizia
fu costretto a chéla via
che la paja che pigghiava
manca a iedd' la vastava.

È la colpa de li padroni
è la colpa de li padroni
è la colpa de li padroni
ca s'accattano li guajoni.

Ne portamme iove e gajine
a 'u capitane de marine
lu vulemme sistemate
ma cure frate l'ha precipitate.

È la colpa de li padroni...

Lu dolore de mamma e tatà
a nissule se pò cuntà
lu guverne n'ha fregate
e luntane s'l'ha purtate.

È la colpa de li padroni...

Qua tu iere 'nu sfruttate
e mò tu te sì scurdate
da lu core t'hanno luate
e 'nu chingone t'hanno 'nsaccate.

È la colpa de li padroni...

Ta la cape t'hanno scuadrate
do cum'ire te sì scurdate
pe ce faje chera vita
te lassaste puro la zita.

È la colpa de li padroni...

Tu cu mia t' curcave
e lu lyette me scarfeve
mò te ne sciute da Stune
a defende li patrune.

È la colpa de li padroni...

I' so' contro li padrune
ca so' tutte lazzarune
s'hanno cattate pure a te
e t'hanno misse contr'a me.

È la colpa de li padroni...

Quando ve' cu cu' omme armète
penso sempre cure frate
e ce m'haio a scioperà
tu sopra me t'a puoi sparà.

È la colpa de li padroni...

Manna 'fancule la polizia
torna iesse frate mie
vieni con me a scioperà
ca li padroni l'amme a caccià.

È la colpa de li padroni...

inviata da Riccardo Venturi




Lingua: Italiano

Testo della versione incisa nel 2012
LU FRÀTE IN POLIZZÌA

Tegne nu fràte in Polizzìa
Fu custrette a chera via
Ca la paja ca pegghjàva
Manghe a jìdde l'avastàva.

Lu delòre de mamma e tatàje
A nesciùne se po' cundàje;
lu guvèrne n'à mbrugghjate
e lundane, lu bellu fràte mia s'à pertàte!

E lla colpa ì de li patrùne
E lla colpa ì de li patrùne
Ca s'accàttene li cchjù belli
e li cchju forte de li uagnùne!

Ne pertàmme jòve e jaddìne
A llu capitàne de la Marìna...
Lu vulèmme sestemàte
Ma cure fràte l'ime precepetàte!

Qqua tu ire nu sfruttàte
E mu' tu te sì scurdàte;
Dda' lu core t'one luàte
E nu chiangòne allu bellu fràte mia
Jòne 'nzaccàte!

E la colpa ì de li patrùne...

Ddà la cape t'one squadrate
De cumme ire te sì scurdate
Pe sce ffà po' chera vita
Tu lassèste pure la zita.

Tu cu mmè te curcàve
A mmè lu liètte me scalfàve;
mu' te n'ì sì sciùte da 'Stune
a defènne li patrùne!

Je so' ccondr'a lli patrùne

ca so' tutte lazzarùne,
chire na' tènene po' core
e na' ssèndene lu delòre.

Je so' ccondr'a lli patrùne
Ca so' tutte lazzarùne
S'on'accattàte pure tè
E t'one mise condr'a mmè!

Quanne vèche uèmme armàte
Veche sembe ddà cure fràte
E, ce m'acchje a scioperà
Lu bellu fràte mia
sobb'a mmè ddà po' sparà!

Mann'a ffà fotte la polizzìae torna a jèsse lu fràte mia.
Viène cu mmè a scioperà,

ca 'sti catène l'im'a spezzà.

E la colpa ì de li patrùne
Ca s'accàttene li cchjù belli
E li cchjù forte de li uagnùne.

16/4/2014 - 14:10




Lingua: Italiano

Versione italiana da questa pagina
UN FRATELLO IN POLIZIA

Ho un fratello in Polizia
Fu costretto a quella scelta
Perché ciò che guadagnava
Non gli bastava per vivere.

Il dolore di mamma e di papà
A nessuno si può raccontare;
il governo ci ha ingannati
e, lontano, il bel fratello mio s'è portato.

E la colpa è dei padroni
e la colpa è dei padroni
che comprano i più belli
e i più forti giovani!

Portavamo uova e galline
Al capitano della Marina...
Lo volevamo sistemato
Invece l'abbiamo rovinato!

Qua tu eri uno sfruttato
E ora l'hai dimenticato;
là il cuore ti hanno tolto
e con una pietra, al mio bel fratello
lo hanno sostituito!

E la colpa è dei padroni...

Là ti hanno plagiato
Di com'eri te ne sei dimenticato;
Per quella tua nuova vita
Lasciasti anche la fidanzata.

Tu con me ti coricaviA me il letto scaldavi;
Ora sei andato via da Ostuni
Per difendere i padroni!

Io sono contro i padroni
Perché sono tutti lazzaroni
Quelli non hanno cuore
E non sentono il dolore.

Io sono contro i padroni
Perché son tutti lazzaroni
Hanno comprato pure te
E ti hanno messo contro di me.

Quando vedo uomini armati
Vedo sempre mio fratello
E se mi ritrovo a scioperare
Il mio caro fratello
Può sparare anche me.

Manda a quel paese la polizia
Torna a essere mio fratello
Vieni con me a scioperare
Ché queste catene dobbiamo spezzarle.

E la colpa è dei padroni
Che comprano i più belli
E i più forti ragazzi.

inviata da adriana - 16/4/2014 - 13:47



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org