Lingua   

C'era un dì un soldato

Gualtiero Bertelli
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Devento mata in fabrica
(Canzoniere Popolare Veneto)
Avanti popolo [Poiché non vogliamo sfruttati]
(Gualtiero Bertelli)
Da quest'autunno giorno per giorno
(Gualtiero Bertelli)


Parole di Gualtiero Bertelli.

Gualtiero Bertelli.

Sull'aria di un canto narrativo, reg. da Sergio Serra, 1965, Venezia e riprodotto nel disco "Addio padre. La guerra di Belochio, di Palma e di Badoglio".(Da: "La musica dell'Altraitalia")
C'era un dì un soldato
tornato dalla guerra
c'era un dì un soldato
tornato dalla guerra

Giunto al suo paese
incontrò la sua mamma
incontrò la sua mamma
che forte la piangeva

Mamma mia cara mamma
e dammi le notizia
e dammi le notizia
della diletta sposa

Bruno mio caro Bruno
la sposa è sotterrata
Bruno mio caro Bruno
la guerra l'ha perduta

intorno al tuo paese
tutto è rovina e morte
anche i figli tuoi
hanno la stessa sorte

Questa è una delle tante storie che si raccontano in osteria: la storia del soldato Bruno, del soldato John, del soldato che nelle guerre di ieri e di oggi è andato a morire per una causa che non era la sua. Quelli che non sono morti e sono tornati a casa, hanno trovato ad attenderli distruzione, rovina e morte. In guerra avevano imparato a sparare: tornati a casa, hanno capito contro chi dovevano sparare.

Sia maledetto il giorno
ch'io son partì soldato
sia maledetto il giorno
che in guerra sono andato

Scampato alla morte
sui campi di battaglia
trovo la morte a casa
che tutto m'ha rubato

Siano maledetti quelli
che in guerra m'han mandato
che dalla nostra sorte
tutto han guadagnato

Contro altri compagni
non voglio più sparare
ma contro quei vigliacchi
che guerre voglion fare

ma contro quei vigliacchi
che guerre voglion fare

inviata da Riccardo Venturi



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org