Lingua   

Dal cielo

Casa Del Vento


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

L'italiante
(Casa Del Vento)
Fatica e sudore
(Casa Del Vento)
Notte di San Severo
(Casa Del Vento)


[2009]
Album: Articolo Uno
articolo1-casadelvento



Dopo il disco Lavoro e dignità dei Ned Ludd, un altro disco interamente dedicato al mondo del lavoro:

“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro”.
Comincia così la nostra Costituzione. Se pensiamo però a ciò che accade nelle nostre vite e nella società, vediamo tante contraddizioni.
Questo album parla del lavoro, delle conquiste e delle sconfitte nel passato, di diritti raggiunti ma anche di una regressione di questi ultimi
nell’attualità in cui viviamo. Parla di sudore e sfruttamento di operaie, operai, minatori e braccianti, parla di migranti di ieri (gli italiani)
e di migranti di oggi, parla di mancanza di memoria e di coscienze addormentate.
Parla di giovani disoccupati senza certezze e senza speranza. Della vergogna dei morti sul lavoro, migliaia in questo paese.
Con la forza e con la tenerezza, dalle storie della nostra terra a quelle d’Italia e del mondo.
Perché è il mondo intero la nostra casa.
da www.casadelvento.eu


Dal cielo, venuto dal cielo
Alto tra i venti del cielo
con gli occhi su questo bel cielo
sudavi e intanto speravi
facevi l’oro di quel cielo
di questo che non è il tuo cielo
ma niente per loro

Chi sei?

Nel cielo sospeso nel cielo
In alto con caldo alle mani
Facevi l’oro di quel cielo
di questo che non è il tuo cielo
ma niente per loro

Tu sei

Come le foglie in autunno
Tornano a terra, cadono giù
Piccolo filo spezzato
Non vola più
Come le foglie in autunno
Volano a terra, cadono giù
Piccolo filo spezzato
Non vola più

Dal cielo, caduto dal cielo
Lontano, un grido dal cielo
Dal cielo, caduto dal cielo
Si è spento, è tornato al suo cielo
ma niente per loro

Tu sei

Dal cielo, caduto dal cielo
Si è spento, è tornato al suo cielo
ma niente per loro

inviata da Donquijote82 - 18/8/2009 - 18:11



Lingua: Francese

Version française - DU CIEL – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – Del Cielo – Casa del Vento - 2009
DU CIEL

Du ciel, venu du ciel
Haut parmi les vents du ciel
Avec les yeux sur ce beau ciel
Tu suais et en même temps, tu espérais
Tu faisais l'or de ce ciel
De ce qui n'est pas ton ciel
Mais rien pour eux.

Qui es-tu ?

Dans le ciel suspendu dans le ciel
En haut avec chaud aux mains
Tu faisais l'or de ce ciel
De ce qui n'est pas ton ciel
Mais rien pour eux.

Tu es

Comme les feuilles d'automne
Retournent à terre, tombent bas
Petit fil cassé
Comme les feuilles en automne
Volent à terre, tombent bas
Petit fil cassé
Ne vole plus.

Tu es

Du ciel, tombé du ciel
Loin, un cri du ciel
Du ciel, tombé du ciel
Il s'est éteint, il est retourné à son ciel
Mais rien pour eux.

Tu es
Du ciel, tombé du ciel
Il s'est éteint, il est retourné à son ciel
Mais rien pour eux.

inviata da Marco Valdo M.I. - 22/10/2010 - 21:29


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org