Lingua   

La belva del condominio

MGZ
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

MGZ: Stelline
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Buona fortuna
(MGZ)


[2002]
Album "Non riesco più a starmene tranquillo"
Non riesco più a starmene tranquillo

Una bellissima canzone anarco-tekno-pop-punk, una delle più celebri del grande eppur misconosciuto MGZ, l'"Ultimo Profeta".
Dedicata a tutti i fascisti, a tutti i razzisti, a quelli delle ronde, a quelli che ingannano il tempo bruciando i barboni, a quelli che trucidano un ragazzo di colore perchè aveva rubato un pacchetto di biscotti, a quelli che rispediscono gente disperata a morire nel deserto, a quelli in divisa che massacrano e spesso, troppo spesso, uccidono i cittadini che invece dovrebbero proteggere.

"Pazzia pura o semplice genialità? Si è indecisi su quale opzione propendere ascoltando questo album della band savonese dal look post-atomico, capitanata dal profeta MGZ (al secolo Mauro Guazzotti). La musica è una sorta di techno-pop che a tratti scivola in un punk dal sapore industriale (massicci i campionamenti presenti). Il vero punto forte sono le liriche: uno sguardo acuto sulla società contemporanea, che con un'ironia pungente e mai fuori luogo, attacca gli aspetti più critici della nostra epoca. In questo cd ha collaborato efficacemente, alla chitarra, Tax, storico membro dei rimpianti Negazione. Alla produzione: Madaski.
Sintetici."
(dal music blog Radiomolotov)
Disgraziati, delinquenti con il loro motorino
Come faccio a dormire con questo casino?
Ora prendo il fucile, miro al più piccolino
Poi vedrai che anche loro si fanno un riposino.

E quei tossici che strisciano, che sporcano, che pisciano
Puttane, guardoni, e ancora barboni
Che ci vuole a dargli fuoco? E' uno splendido gioco
Da insegnare ai bambini perchè crescano sani.

Sono la belva del condominio
Ogni volta che mi muovo succede un abominio
Il giustiziere del quartiere
C'ho anch'io un cuore ma non lo faccio vedere

Ci vorrebbe più polizia che tutti i cattivi se li porta via
Qui ci vogliono più soldati, noi nel frattempo ci siamo armati

Maledetti stranieri, gialli, rossi e neri
Ci tolgono il lavoro, ci rubano l'oro!
Allarme, c'è un vecchietto, è passato col rosso!
Attenti c'e' uno zingaro, l'ho visto, si è mosso!
La mamma, il papà e tutta la famiglia,
Uniti, felici... vediamo chi lo piglia!?!

Sono la belva del condominio
Ogni volta che mi muovo succede un abominio
Il giustiziere del quartiere
Ce l'ho anch'io un cuore ma non lo faccio vedere

E voi cari vicini, cosa avete da guardare?
Basta coi discorsi, qui c'è molto da fare
C'è quello al primo piano, suona sempre il piano,
C'è l'altro alla finestra, è quello un po' più a destra

Sono la belva del condominio
Ogni volta che mi muovo succede un abominio
Il giustiziere del quartiere
Ce l'ho anch'io un cuore ma non lo faccio vedere

Sono la belva del condominio!
Sono la belva del condominio!
Sono la belva del condominio!
Sono la belva del condominiooooo!!!

Sono la belva del condominio
Ogni volta che mi muovo succede un abominio
Il giustiziere del quartiere
Ce l'ho anch'io un cuore ma non lo faccio vedereeeeee!!!

Sono la belva!

inviata da Alessandro - 23/7/2009 - 23:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org