Lingua   

Celia

Phil Ochs


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

I'll Be There
(Phil Ochs)
The Marine's Lament (The Pink Peril)
(Fred Small)
The Heart Of The Appaloosa
(Fred Small)


filippo.
[1963]
Lyrics and music by Phil Ochs
Testo e musica di Phil Ochs
Dalla compilation "The Broadside Tapes 1"

Testo trovato su Broadside Magazine n.35 del 20 novembre 1963

pomeroySpesso qui in Occidente si è portati a credere che dopo il secondo conflitto mondiale vi sia stato un lungo periodo di “guerra fredda”, di guerra non combattuta, durante il quale i nuovi protagonisti sulla scena geopolitica non hanno fatto altro che mostrarsi reciprocamente i muscoli e giocato “a chi ce l’ha più lungo, grosso e duro”… Ci si dimentica che quella che per noi è stata fredda, per molti altri in giro per il mondo è stata una lunga, dolorosissima e caldissima guerra: si pensi al Giappone, annientato a suon di atomiche a guerra terminata, alla guerra di Corea, alla guerra in Indocina, al Vietnam, a Budapest, al Medio Oriente (dal ’48 passando per Suez, la guerra dei 6 giorni, poi la guerra del Kippur e così di seguito fino ad oggi…), a Praga, alle guerre sporche e fasciste in America Latina e in Indonesia, all’occupazione sovietica dell’Afghanistan, alla guerra Iran-Irak, alla guerra delle Falklands/Malvinas… per citare solo le più note tra le guerre per niente fredde che si sono accese tra il 1945 e il 1989, alcune delle quali bruciano e divampano tutt’oggi.

Tra quelle invece meno note, ma non meno calde, c’è il conflitto che dal 1946 al 1954 vide opporsi il governo delle Filippine all’Huk.Ba.La.Hap, sigla che sta per “Hukbo ng Bayan Laban sa mga Hapon”, in inglese “People's Army Against the Japanese”, ossia l’ala armata del partito comunista filippino (CPP). Forse proprio per l’impronunciabilità del suo nome, il gruppo fu noto semplicemente come “Huks”
L’Huks aveva combattuto contro l’invasore giapponese e poi volse le sue armi contro i governi filo-statunitensi di Manuel Roxas, Elpidio Quirino e Ramon Magsaysay. La guerriglia comunista, nata per difendere i contadini dai latifondisti, diventata resistenza contro l’occupazione straniera e quindi opposizione armata ai governi corrotti che svendevano il paese agli americani, dopo 9 anni di guerra, e soltanto grazie al pesante intervento di Washington, fu sconfitta.
Sconfitta ma non annientata, tant’è che ancora oggi è attivo nelle Filippine il “Bagong Hukbong Bayan”, il “New People's Army (NPA).
(fonte: en.wikipedia)

La canzone di Ochs racconta di una storia d’amore sullo sfondo dell’insurrezione comunista del ’46-’54 nelle Filippine.
William J. Pomeroy, giornalista e scrittore statunitense, e Celia Mariano, un’insegnante filippina, si erano sposati nel 1948. Entrambi simpatizzavano per il partito comunista e divennero attivisti dell’Huks. Catturati dai governativi nel 1952 furono condannati all’ergastolo. Dopo 10 anni di detenzione, in seguito ad una campagna internazionale, i due furono graziati ma Pomeroy fu espulso e fece ritorno negli USA mentre alla Mariano fu impedito di lasciare le Filippine. Solo qualche anno più tardi il presidente Macapagal le concesse il visto per andarsene e ricongiungersi al marito. Ma furono allora le autorità statunitensi a vietare l’ingresso nel paese ad un’ex-terrorista. William e Celia furono costretti ad incontrarsi a Londra, dove poi restarono a vivere.
Scopro ora che William J. Pomeroy è morto solo qualche giorno fa.
When the wind from the island is rollin’ through the trees
When a kiss from a prison cell is carried in the breeze
That’s when I wonder how sad a man can be.
Oh, when will Celia come to me?

I still remember the mountains of the war
Sierra Madre and the Filipino shore
When will I lie beside my Celia ’neath the trees?
Oh, when will Celia come to me?

So many years were stolen, so many years are gone
And the vision of my Celia make dreams to dream upon
Each hour is a day filled with memories.
Oh, when will Celia come to me?

I wake each morning and I watch the sun arise
Wonder if my Celia sleeps, wonder if she cries
If hate must be my prison lock, love must be the key
Oh, when will Celia come to me?

The guns have stopped their firing, you may wander through the hills
They kept my Celia through the war, they keep her from me still.
She waits upon island now, a prisoner of the sea.
Oh, when will Celia come to me?

When the wind from the island is rolling through the trees
When a kiss from a prison cell is carried in the breeze
That’s when I wonder how sad a man can be.
Oh, when will Celia come to me?
Oh, when will Celia come to me?

inviata da Alessandro - 3/6/2009 - 10:45



Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
10 febbraio 2010
CELIA

Quando il vento dell'isola scivola tra gli alberi,
Quando la brezza porta un bacio dalla prigione
Allora mi domando quanto triste può essere un uomo.
E quand'è che Celia tornerà da me?

Ricordo ancora le montagne della guerra,
La Sierra Madre e le coste delle Filippine.
Quando starò accanto alla mia Celia fra gli alberi?
E quand'è che Celia tornerà da me?

Tanti anni rubati, tanti anni passati via
E la visione di Celia mi riempie di sogni,
Ogni ora è un giorno pieno di ricordi.
E quand'è che Celia tornerà da me?

Mi sveglio ogni mattina e guardo il sole che sorge,
Mi chiedo se Celia dorma, mi chiedo se pianga.
Se l'odio è il lucchetto della mia cella, l'amore dev'essere la chiave.
E quand'è che Celia tornerà da me?

Le armi hanno smesso di sparare, si può girare per le colline,
Hanno tenuto prigioniera Celia per tutta la guerra, e ancora le impediscono di stare con me.
Adesso aspetta su un'isola, prigioniera del mare:
E quand'è che Celia tornerà da me?

Quando il vento dell'isola scivola tra gli alberi,
Quando la brezza porta un bacio dalla prigione
Allora mi domando quanto triste può essere un uomo.
E quand'è che Celia tornerà da me?
Quand'è che Celia tornerà da me?

10/2/2010 - 15:06



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org