Lingua   

Danze

Renzo Zenobi
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Il guerrafondaio
(Renzo Zenobi)


È una sera tra mille che Lidia, Marietta e Mirella
hanno il vento in comune
e una voglia proprio sotto le scarpe,
una voglia di appoggiarsi alla musica e ballare
le notti e scordare così i perché
che non servono a niente.
"Sono i fatti avvenuti che contano" disse Mirella,
io pensavo come bombardamento che lascia in giro
solo fuochi violenti.

Oggi nel giorno ognuna di loro ha inventato un lavoro
tutte si curvano
e regalano sorrisi lontani lontani
ma nessuno può vendere o amare
i loro pensieri stemperati nel mare
o fra i capelli di un uomo.
Lidia, esempio, che ha dato quel poco di dote al caffè
e adesso siede davanti ai "Prego, gradisce un amore"
e dà, e dà i resti alla gente.

Ragazze di due guerre,
sognatrici di sempre
accomodate fra i soldati e i perplessi
davanti all'orchestra
a succhiare gazzosa e la sigaretta.
Moschettieri al convento
di una storia coltivata,
c'era tutta l'Italia e correva sopra un tango
o abbandonata sotto un lento rubato;
loro sempre là, a guardare e avere paura
e essere donne,
ed essere brave a farsi da specchio.

E ancora ne ho viste che andavano senza cappello
ne ho viste in trattoria,
che mangiavano senza compagnia;
e poi vive sotto il cielo di un cinema
e ai portoni deserti, né un braccio sotto i portici
e oltre gli orti di Roma.
Ora frusciano fresche di lino in silenzio perfetto
e girano, girano la pista e hanno tutte un dolore
magari sulla punta del cuore.

inviata da Riccardo Venturi


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org