Graham Nash

Canzoni contro la guerra di Graham Nash

Cantante inglese nato a Blackpool nel 1942, originariamente negli Hollies, si unisce agli statunitensi (o canadesi) Crosby, Stills e Young per uno dei migliori "supergruppi" della storia del rock.
Dagli anni settanta alterna la carriera solista a occasionali reunion con Crosby e Stills.

*

Nato a Blackpool, Inghilterra, nel 1942, Graham Nash ha cominciato a suonare con l’amico d’infanzia Allan Clarke all’età di quattordici anni.

I due hanno fondato The Hollies e hanno raggiunto il successo internazionale come parte della British Invasion e del movimento beat, a partire dal 1962. Grande loro successo Stop, Stop, Stop, erano popolari anche in Italia dove parteciparono al festival di Sanremo del 1967 (Non prego per me).

Durante un tour negli Stati Uniti all'inizio di 1967, Nash ha avuto sua prima possibilità di cantare in modo informale con David Crosby e Stephen Stills.

L'esperienza fu così importante che, nello stesso anno, Nash lasciò The Hollies, si trasferì in America e contribuì alla formula CROSBY, STILLS & NASH, arrivata ormai ad oltre trent'anni di incisioni ed esecuzioni insieme.

Come musicista, Nash ha cantato e suonato in centinaia di incisioni, effettuate in dozzine di paesi ed ha scritto oltre 200 canzoni, compreso classici di successo quali "Carrie Ann", "On a Carousel", "Teach Your Children", "Chicago" "Our House", "Marrakesh Express", "Just a Song Before I Go" and "Wasted On the Way".

Come cittadino del mondo che raggiunge la maturità nei rivoluzionari anni ’60 – ed autore, con i CSN (Crosby, Stills & Nash) e CSNY (Crosby, Stills, Nash & Young), di buona parte della colonna sonora di quella generazione – è diventato un convinto attivista.

Nash ha da allora suonato in più di 1000 concerti di beneficenza – inclusi quelli per Greenpeace, Live Aid, Unicef, No Nukes, Peace Sunday and Vietnam Veterans. E' stato particolarmente attivo con il movimento anti-nucleare, nella protezione dell’ambiente e nella difesa dei bambini in tutto il mondo.

(biografia tratta da Musica e Memoria)

*

Per saperne di più www.grahamnash.co www.grahamnash.com